Pubblicità

Tempo e identità

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 121 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

tempo identitaL’opera di Kurt Lewin è nota soprattutto per i suoi importanti contributi alla psicologia della forma e alla psicologia sociale. Ma nella sua fase giovanile, come membro del circolo neoempiristico di Berlino, egli si era occupato del problema dell’identità delle cose e degli eventi attraverso il tempo.

Come possiamo dire che ogni cosa, cambiando nel tempo, rimane sempre «la stessa»? Come possiamo distinguere la trasformazione di una medesima cosa da due cose del tutto diverse? Qual è il limite del cambiamento che fa perdere l’identità o che consente di mantenerla? Si tratta di un’antica questione, nota come il «paradosso della nave di Teseo», secondo cui le cose conservano la propria identità anche se, in effetti, tutte le loro parti si modificano, come un uomo che, nel corso della sua vita, rimane lo stesso individuo pur cambiando tutte le sue cellule e i suoi organi. A tale questione, oggi al centro dei principali dibattiti ontologici, Lewin risponde mediante il concetto di «genidentità»: per dire che una cosa è sempre la stessa, non bisogna considerare le sue proprietà, ma le relazioni che sorgono e si sviluppano nel corso della sua esistenza.

Prima di entrare a far parte del dibattito contemporaneo, soprattutto per merito di David Hull e Bas van Fraassen, il concetto di genidentità ha trovato importanti applicazioni all’interno delle indagini scientifiche di Albert Einstein, Hans Reichenbach e Rudolf Carnap. Nel presente volume si raccolgono, curati e tradotti per la prima volta in italiano, alcuni scritti di questa prima fase ontologico-epistemologica dell’opera lewiniana. Il volume è preceduto da un saggio introduttivo di Luca Guidetti.

Autore

Kurt Lewin (1890-1947) è originario di Mogilno, un villaggio della provincia prussiana di Posen, oggi in Polonia. Dopo gli iniziali studi di medicina a Friburgo e a Monaco di Baviera, Lewin si reca a Berlino, dove approfondisce le sue ricerche in ambito biologico, filosofico e psicologico sotto la guida di Stumpf, Cassirer e Riehl. Qui stringe amicizia con Reichenbach e nel 1920 presenta una tesi di abilitazione da cui, due anni dopo, ricaverà lo scritto più im portante della sua fase epistemologica: Il concetto della genesi in fisica, in biologia e nella storia dello sviluppo.

Dal 1918 entra in contatto con i rappresentanti della psicologia della forma e, nel 1933, emigra negli Stati Uniti, dove diviene professore di psicologia prima alla Cornell University di Ithaca e poi alla State University Iowa. A questa fase psicologica appartiene il suo scritto più famoso, i Principi di psicologia topologica (1936). Negli ultimi anni della sua vita, Lewin insegna al Massachusetts Institute of Technology, presso cui fonda un centro di ricerche sulla dinamica di gruppo. Muore a Newtonville (Massachusetts).

Kurt Lewin
Tempo e identità
2020, Collana: Saggi
Prezzo: € 20,00
Pagine: 190
EAN: 9788822904034
Editore: Quodlibet

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Editoriale

Libri di psicologia gratis per voi!

Prosegue l'impegno di Psiconline.it a vantaggio degli appassionati di psicologia e di psicoterapia attraverso la diffusione di cultura psicologica. Ogni settimana sulle nostre news letter mettiamo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni