Pubblicità

Trasformazioni del dolore

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 978 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

trasformazioni del doloreChe fine fa il dolore?

Quello delle frustrazioni quotidiane, dei traumi dell'esistenza, la perdita, l'abbandono, la violenza, la vecchiaia.

Il soggetto è realmente in grado di sopportare la pena che la vita non risparmia, di soffrire il dolore impensabile della morte, di trasformarlo, o è necessario trasferirlo a qualcuno che si occupi di noi?E l'opera pietosa dell'oblio è sempre possibile o più spesso ricorriamo alla finzione?

Sono queste le domande che l'autore si pone e che pone al pensiero di Freud, Bion e Grotstein, che più di altri hanno affrontato tali questioni.

Freud aveva elaborato una originale teoria del dolore che implicava un legame stretto con la realtà e la biologia, ma rinuncia alla teoria del trauma mettendo tra parentesi la sua iniziale teoria del dolore. Più tardi dirà che del dolore sappiamo pochissimo.

Bion capisce che chi non è in grado di soffrire il dolore non è in grado neppure di vivere il piacere, rifiutare il dolore significa l'anestesia emozionale. Il nostro apparato per pensare di fronte agli aspetti traumatici della realtà, la paura del cambiamento e la responsabilità del pensare, mette in atto processi evacuativi per alleviare il dolore impensabile. La cultura dell'evacuazione segna dunque i limiti del sistema, ma paradossalmente ne indica anche i mezzi più potenti di comunicazione e trasformazione.

Per Grotstein il gioco psicoanalitico deve permettere al paziente di trasferire il suo dolore all'analista, in quello che egli chiama il patto di pietà.
Se la psicoanalisi mostra i limiti nella possibilità di trasformare il dolore, cosa può fare l'arte?

La bellezza potrebbe essere la via più sicura per seguire i percorsi del dolore, nella sua trasformazione.
Il Grido di Munch, quale esito del fallimento di un sogno; la bellezza lacerante dei dipinti di Bacon, con il loro sguardo allucinato sulla verità urlante; la dilatazione del tempo nelle immagini di Viola, fino alla magia del sacro e l'ascesi mistica, sono esempi straordinari delle capacità trasformative dell'oggetto estetico.

 

Autore:

Goriano Rugi, psichiatra, psicoterapeuta e psicoanalista di gruppo. E' membro con funzioni di training dell'Istituto Italiano Psicoanalisi di Gruppo e direttore della Scuola di Psicoanalisi di gruppo di Milano, didatta dell'Istituto di Ricerche Europee di Psicoterapia Psicoanalitica e socio del Nodo Group. Vive e lavora a Verona, ove per molti anni ha esercitato presso l'Ospedale Santa Giuliana.

Ha pubblicato numerosi lavori su riviste italiane e straniere e curato i volumi Il Sapere e lo scarto (Edizioni Kappa, 1985); con E. Gaburri, Il Campo gruppale (Borla,1998).

 

Acquista il volume su Amazon (anche in formato ebook)

Acquista il volume su Psychostore

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: dolore oblio Freud violenza perdita traumi trasformazioni frustrazioni abbandono vecchiaia soffrire finzione Bion Grotstein bellezza

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Le parole della Psicologia

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o persone. Il termine proiezione, dal...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni