Pubblicità

Trasformazioni del dolore

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 1388 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

trasformazioni del doloreChe fine fa il dolore?

Quello delle frustrazioni quotidiane, dei traumi dell'esistenza, la perdita, l'abbandono, la violenza, la vecchiaia.

Il soggetto è realmente in grado di sopportare la pena che la vita non risparmia, di soffrire il dolore impensabile della morte, di trasformarlo, o è necessario trasferirlo a qualcuno che si occupi di noi?E l'opera pietosa dell'oblio è sempre possibile o più spesso ricorriamo alla finzione?

Sono queste le domande che l'autore si pone e che pone al pensiero di Freud, Bion e Grotstein, che più di altri hanno affrontato tali questioni.

Freud aveva elaborato una originale teoria del dolore che implicava un legame stretto con la realtà e la biologia, ma rinuncia alla teoria del trauma mettendo tra parentesi la sua iniziale teoria del dolore. Più tardi dirà che del dolore sappiamo pochissimo.

Bion capisce che chi non è in grado di soffrire il dolore non è in grado neppure di vivere il piacere, rifiutare il dolore significa l'anestesia emozionale. Il nostro apparato per pensare di fronte agli aspetti traumatici della realtà, la paura del cambiamento e la responsabilità del pensare, mette in atto processi evacuativi per alleviare il dolore impensabile. La cultura dell'evacuazione segna dunque i limiti del sistema, ma paradossalmente ne indica anche i mezzi più potenti di comunicazione e trasformazione.

Per Grotstein il gioco psicoanalitico deve permettere al paziente di trasferire il suo dolore all'analista, in quello che egli chiama il patto di pietà.
Se la psicoanalisi mostra i limiti nella possibilità di trasformare il dolore, cosa può fare l'arte?

La bellezza potrebbe essere la via più sicura per seguire i percorsi del dolore, nella sua trasformazione.
Il Grido di Munch, quale esito del fallimento di un sogno; la bellezza lacerante dei dipinti di Bacon, con il loro sguardo allucinato sulla verità urlante; la dilatazione del tempo nelle immagini di Viola, fino alla magia del sacro e l'ascesi mistica, sono esempi straordinari delle capacità trasformative dell'oggetto estetico.

 

Autore:

Goriano Rugi, psichiatra, psicoterapeuta e psicoanalista di gruppo. E' membro con funzioni di training dell'Istituto Italiano Psicoanalisi di Gruppo e direttore della Scuola di Psicoanalisi di gruppo di Milano, didatta dell'Istituto di Ricerche Europee di Psicoterapia Psicoanalitica e socio del Nodo Group. Vive e lavora a Verona, ove per molti anni ha esercitato presso l'Ospedale Santa Giuliana.

Ha pubblicato numerosi lavori su riviste italiane e straniere e curato i volumi Il Sapere e lo scarto (Edizioni Kappa, 1985); con E. Gaburri, Il Campo gruppale (Borla,1998).

 

Acquista il volume su Amazon (anche in formato ebook)

Acquista il volume su Psychostore


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: dolore oblio Freud violenza perdita traumi trasformazioni frustrazioni abbandono vecchiaia soffrire finzione Bion Grotstein bellezza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

News Letters

0
condivisioni