Pubblicità

Voglio fare lo psicologo, di Katia Carlini

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 342 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il volume pubblicato da Edizione Psiconline è un compendio originale ma anche molto critico della attuale situazione che riguarda e investe i giovani laureati in psicologia e, a mio avviso, non solo.

vogliofarelopsicologoIn realtà il testo focalizza l’attenzione sulla volontà, l’ostinazione e la fantasia che i giovani, dopo aver maturato anni di formazione universitaria, un anno di tirocinio, esame di stato per l’abilitazione all’esercizio della professione e numerosi corsi, master e scuola di specializzazione con un dispendio notevole di forze e denaro, devono possedere per poter finalmente svolgere a pieno titolo la professione che hanno scelto.

La ricerca di un impiego che soddisfi le loro ambizioni oltre che il desiderio di acquistare una casa o mettere su famiglia spinge i quattro giovani protagonisti del libro (Mario, Selvaggia, Serena ed Elettra) a lottare per il riconoscimento della loro professione oltre che della loro professionalità. Il concetto chiave che emerge nel volume è quel bisogno di essere riconosciuti come professionisti della mente dalla società che, pur utilizzando termini, teorie, metodi prettamente psicologici, in realtà non riconosce e, in alcuni casi, ostacola la semplice professione. I giovani laureati in psicologia sono fonte di reddito per i più illustri e ormai affermati professionisti che con le loro possibilità (non solo economiche) possono permettersi di formare gli psicologi di domani garantendo loro un attestato di partecipazione al corso ma non la possibilità di applicare nella pratica le conoscenze acquisite. Nel testo c’è una frase che colpisce molto “….poco conta se al momento trionfino il mago Melchiorre, la cartomante Astrea o lo psichiatra tal dei tali e se gli animi dei giovani psicologi oscillano tra il tutto e il nulla delle loro passioni. Verrà un giorno”.

Il libro infatti oltre a fornire una spaccato della società moderna fa emergere anche le sensazioni, le emozioni e i contrasti inter e intrapersonali che i giovani quattro protagonisti vivono, affrontano e superano per una crescita che non è solo lavorativa ma anche molto personale. È un testo attuale, molto pratico nella sua simpatica forma tascabile e pieno di spunti di riflessione oltre che di facile lettura. Il ritmo è avvincente e il tono a tratti molto critico sfiora la comicità. È un volume che deve essere presente nelle librerie di ogni psicologo ma anche di chi è interessato alla scienza psicologica nella sua interezza.

 

Voglio fare lo psicologo
Autrice: Katia Carlini
Collana: Punti di Vista, 2008; pagine 160, euro 9.50
Edizioni Psiconline

(a cura della Dott.ssa Federica Carrasca)

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni