Pubblicità

Attaccamento, emozioni e relazioni sentimentali

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1262 volte

1 1 1 1 1 1 Votazione 1.00 (1 Voto)
Trattare i temi dell’attaccamento va di pari passo con l’affrontare i problemi di regolazione emotiva.

attaccamento

Ciò richiede al paziente la disamina dei propri schemi riguardanti le modalità di attaccamento al proprio partner e le relative emozioni che spesso derivano dalle esperienze relazionali nella famiglia d’origine: è quindi importante prendere in esame i vissuti infantili precoci.

La distanza emotiva ricopre la stessa importanza dei problemi di comunicazione nella richiesta di una terapia di coppia. Le emozioni sono processi mentali inconsci che creano uno stato di prontezza all’azione predisponendoci a comportarci in un dato modo nei confronti dell’ambiente, dei quali poi prendiamo consapevolezza.

Il termine regolazione emotiva si riferisce alla capacità della mente di intervenire sulle varie componenti dell’elaborazione emotiva stessa; l’autorganizzazione della mente è determinata dalla capacita’ di intervenire dall’autoregolazione degli stati emotivi. Percio’ la maniera in cui sperimentiamo il mondo, ci relazioniamo agli altri e troviamo significato nella vita dipende da come riusciamo a regolare le nostre emozioni.

Questo riflette il modo in cui la mente attribuisce valore agli eventi interni e esterni e dirige la distribuzione delle risorse attentive per favorire l’elaborazione di tali rappresentazioni. la disregolazione emozionale puo’ derivare da traumi passati, dall’essere cresciuti in una famiglia i cui membri non sono riusciti a regolare l’espressione emotiva o da vere e proprie forme di psicopatologia.

Per esprimere un’emozione bisogna prima sentirla, ovviamente la struttura di personalità esercita una notevole influenza sul modo in cui le persone provano ed esprimono le proprie emozioni; alcune persone affette da disturbi della personalita’sperimentano emozioni in modo frammentario, di conseguenza non sono sicure di cio che sentono e il loro vissuto puo’ richiedere tempo per palesarsi al punto che l’emozioni viene manifestata a distanza di tempo. E’ importante nel corso di una terapia familiare facilitare l’espressione delle emozioni aiutando le persone a entrare in contatto con i propri sentimenti e manifestarli in modo appropriato invece di reprimerli per poi esternarli tutti insieme in modo distruttivo.

Pubblicità

Le emozioni sono tendenze stabili a reagire a situazioni relazionali; le persone con tendenza all’emotività positiva sono piu’ sensibili alle situazioni che producono umore positivo e che favoriscono l’interazione sociale e l’intimità sessuale mentre quelle che hanno una tendenza all’emotività negativa risultano piu’ ansione, tristi e sensibili al rifiuto,quindi l’affettività esercita un profondo effetto sull’umore quotidiano e sull’ambiente.
Grottman ha dimostrato come il cattivo umore dia inizio ad un’elaborazione cognitiva negativa che porta a riconsiderare selettivamente gli eventi negativi del passato e fare attribuzioni su aspettative negative sul futuro(negative Frame di Beck), cio’ predispone le persone a valutare le situazioni da una prospettiva distorta, l’umore negativo provoca un’elaborazione cognitiva piu’ focalizzata e dettagliata che influenza la memoria distorcendo le interpretazioni e richiamando i ricordi di situazioni e eventi negativi.

 

Bibliografia

  • Terapia cognitivo comportamentale per le coppie e le famiglie;Frank M. Dattilio , Eclipsi 2013.

 

(A cura della dottoressa Mariapia Cavalieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: emozioni gestione delle emozioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’eccitazione e il piac...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

News Letters

0
condivisioni