Pubblicità

Come gli altri ci giudicano

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 826 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Due fattori che determinano l’accettazione sociale

Giudizo altruiIl bisogno di accettazione occupa una posizione piuttosto alta nella nostra lista di priorità sociali. Questo bisogno è guidato da una serie di fattori diversi. alcuni primordiali (ad es. non voler essere respinto dal gruppo), altri più prosaici (ad es. volersi sedere al tavolo dei bambini più “cool”).
Ad ogni modo la cosa più importante è come ci vedono gli altri, o più precisamente, come gli altri ci percepiscono e come si comportano nei nostri confronti in base a tale percezione.

La Psicologa dell’Università di Harvard Amy Cuddy e i suoi colleghi Susan Fiske e Peter Glick, hanno studiato, per più di 15 anni, quelle che comunemente chiamiamo “prime impressioni”.
In questi anni di studio si sono presentati alcuni modelli distinti e, nel suo nuovo libro, la psicologa americana descrive due fattori chiave che influenzano il modo in cui gli altri ci percepiscono a primo impatto.

Cuddy sostiene che, quando incontriamo un'altra persona, ci facciamo due domande – e, ovviamente, l’altra persona si farà le stesse domande su di noi: "Posso fidarmi di questa persona?" e "Questa persona è degna del mio rispetto?".

Le caratteristiche rivelate da questi interrogativi sono indicati, rispettivamente, come “calore” e “competenza”.

Cuddy suggerisce che la maggior parte di noi crede che la competenza sia il fattore più importante negli scambi sociali. Ma effettivamente il “calore” o, più propriamente, l’affidabilità, è molto più importante della competenza per stabilire un forte legame sociale.

Vogliamo assicurarci che qualcuno sia preparato, produttivo, efficiente, soprattutto in un ambiente professionale: questo è ciò che concerne la competenza.
Tuttavia, ancor più importante è la sensazione che ci si possa fidare di quella determinata persona e la fiducia va ad influenzare anche la nostra percezione di competenza.

Questa interazione in realtà ci allontana dalle influenze più prosaiche sul bisogno di accettazione e ci spinge di nuovo nel primordiale - questa persona ha intenzione di cacciare per se stesso e abbandonarmi nella foresta, o ha intenzione di aiutarmi a costruire una rifugio, accendendo il fuoco e collaborare?

A questo punto, Cuddy sottolinea che la competenza è molto più apprezzato solo dopo che la fiducia è stata stabilita.

Giocare sui nostri punti di forza senza prima stabilire un rapporto di fiducia reciproca, può portare ad un risultato molto diverso da quello che ci aspettiamo.

La competenza deve essere bilanciata contro l'impegno di essere riconosciuto come prezioso e degno di ammirazione.

 

Tratto da Psychology Today



(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Sara D’Annibale)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: bisogno fiducia percezione accettazione sociale giudizio priorità prime impressioni calore competenza affidabilità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni