Pubblicità

È possibile cambiare la tua personalità?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 2285 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Se hai mai pensato a come migliorare la tua personalità, non sei solo. La ricerca suggerisce che tutti noi, in una certa misura, possediamo un desiderio intrinseco di coltivare tratti positivi della nostra personalità (come essere estroversi, ottimisti e carismatici) e minimizzare i tratti negativi (come il pessimismo e il nevroticismo). Ma è anche possibile cambiare la propria personalità? Oppure, la personalità è meglio pensata come un'entità fissa e inalterabile?

cambiare personalità

Una nuova ricerca che appare nel Journal of Personality and Social Psychology sostiene che il cambiamento di personalità potrebbe essere più raggiungibile di quanto potremmo pensare. In particolare, un gruppo di ricercatori guidati da Nathan Hudson della Southern Methodist University ha scoperto che le persone che hanno attivamente lavorato per cambiare gli aspetti della loro personalità sono riuscite, in molti casi, a raggiungere i risultati desiderati.

Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno reclutato 377 studenti universitari presso l'University of Illinois e la Michigan State University per partecipare a uno studio di 15 settimane. I partecipanti sono stati inizialmente invitati a completare un breve test di personalità che misurava cinque dimensioni fondamentali della personalità: estroversione, gradevolezza, stabilità emotiva, coscienza e apertura alle esperienze. Dopo aver completato il sondaggio, ai partecipanti è stato chiesto di scegliere quale di queste dimensioni avrebbero preferito cambiare nel periodo di prova di 15 settimane.

A seconda di ciò che hanno scelto, i partecipanti hanno ricevuto delle "sfide" settimanali, inviate dal team di ricerca, che avevano lo scopo di spingere le persone al di fuori della loro zona di comfort sulle dimensioni della personalità che volevano cambiare. Ad esempio, qualcuno che voleva diventare più estroverso potrebbe essere sfidato a presentarsi a qualcuno di nuovo. Oppure, una persona che voleva migliorare la propria stabilità emotiva potrebbe essere invitato a trascorrere almeno un'ora a fare qualcosa che gli piace.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di ripetere nuovamente il test di personalità ogni settimana durante il periodo di test di 15 settimane. Hanno anche inviato nuove sfide ogni settimana con diversi livelli di difficoltà. Ad esempio, per il tratto di estroversione, una facile sfida chiedeva ai partecipanti di "Andare in un luogo pubblico dove le persone si confondono tra di loro e salutare qualcuno di nuovo" mentre una sfida difficile ha richiesto ai partecipanti di "Presentarsi a qualcuno di nuovo e fare loro almeno due domande su se stessi".

Pubblicità

Attraverso questo progetto, i ricercatori hanno testato se i partecipanti erano in grado di cambiare la propria personalità impegnandosi nelle sfide. È interessante notare che hanno scoperto che ha funzionato. I partecipanti che desideravano cambiare i tratti di estroversione, coscienza, gradevolezza e stabilità emotiva hanno mostrato tutti un miglioramento di queste dimensioni della personalità durante il periodo di prova di 15 settimane. L'apertura alle esperienze è stata l'unica dimensione della personalità per cui l'esercizio non ha funzionato (in effetti, le persone che hanno cercato di diventare più aperte alle esperienze sono finite per essere meno aperte rispetto a quando hanno iniziato).

I ricercatori hanno anche scoperto che il cambiamento di personalità non aveva molto a che fare con la difficoltà delle sfide accettate dalle persone. Ciò che contava di più era il costante completamento delle sfide, indipendentemente dal loro livello di difficoltà.

I ricercatori concludono: "Il nostro studio fornisce prove del fatto che apportare attivamente cambiamenti comportamentali che spingono i propri comportamenti in linea con i tratti desiderati è una strategia praticabile per cambiare volontariamente la propria personalità. Anche se questa sembra essere una prognosi promettente per coloro che potrebbero cercare programmi progettati per aiutarli a cambiare le loro caratteristiche, i nostri risultati sottolineano un avvertimento importante: desiderare semplicemente il cambiamento e formulare piani non è sufficiente; è necessario andare fino in fondo".

 

 

Riferimenti bibliografici:

  • Hudson, N. W., Briley, D. A., Chopik, W. J., & Derringer, J. (2018). You have to follow through: Attaining behavioral change goals predicts volitional personality change. Journal of Personality and Social Psychology. DOI:10.1037/pspp0000221

 

(Articolo a cura del dottor Andrea di Maio)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: personalità articoli di psicologia; per saperne di più

0
condivisioni

Guarda anche...

Altro

Perché la gente si tatua?

Ricerche recenti approfondiscono la nostra comprensione su come vengono percepiti i tatuaggi. Quando i tatuaggi emersero per la prima volta nel 1800, erano considerati un segno dell'essere un...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni