Pubblicità

È possibile cambiare la tua personalità?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 436 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Se hai mai pensato a come migliorare la tua personalità, non sei solo. La ricerca suggerisce che tutti noi, in una certa misura, possediamo un desiderio intrinseco di coltivare tratti positivi della nostra personalità (come essere estroversi, ottimisti e carismatici) e minimizzare i tratti negativi (come il pessimismo e il nevroticismo). Ma è anche possibile cambiare la propria personalità? Oppure, la personalità è meglio pensata come un'entità fissa e inalterabile?

cambiare personalità

Una nuova ricerca che appare nel Journal of Personality and Social Psychology sostiene che il cambiamento di personalità potrebbe essere più raggiungibile di quanto potremmo pensare. In particolare, un gruppo di ricercatori guidati da Nathan Hudson della Southern Methodist University ha scoperto che le persone che hanno attivamente lavorato per cambiare gli aspetti della loro personalità sono riuscite, in molti casi, a raggiungere i risultati desiderati.

Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno reclutato 377 studenti universitari presso l'University of Illinois e la Michigan State University per partecipare a uno studio di 15 settimane. I partecipanti sono stati inizialmente invitati a completare un breve test di personalità che misurava cinque dimensioni fondamentali della personalità: estroversione, gradevolezza, stabilità emotiva, coscienza e apertura alle esperienze. Dopo aver completato il sondaggio, ai partecipanti è stato chiesto di scegliere quale di queste dimensioni avrebbero preferito cambiare nel periodo di prova di 15 settimane.

A seconda di ciò che hanno scelto, i partecipanti hanno ricevuto delle "sfide" settimanali, inviate dal team di ricerca, che avevano lo scopo di spingere le persone al di fuori della loro zona di comfort sulle dimensioni della personalità che volevano cambiare. Ad esempio, qualcuno che voleva diventare più estroverso potrebbe essere sfidato a presentarsi a qualcuno di nuovo. Oppure, una persona che voleva migliorare la propria stabilità emotiva potrebbe essere invitato a trascorrere almeno un'ora a fare qualcosa che gli piace.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di ripetere nuovamente il test di personalità ogni settimana durante il periodo di test di 15 settimane. Hanno anche inviato nuove sfide ogni settimana con diversi livelli di difficoltà. Ad esempio, per il tratto di estroversione, una facile sfida chiedeva ai partecipanti di "Andare in un luogo pubblico dove le persone si confondono tra di loro e salutare qualcuno di nuovo" mentre una sfida difficile ha richiesto ai partecipanti di "Presentarsi a qualcuno di nuovo e fare loro almeno due domande su se stessi".

Pubblicità

Attraverso questo progetto, i ricercatori hanno testato se i partecipanti erano in grado di cambiare la propria personalità impegnandosi nelle sfide. È interessante notare che hanno scoperto che ha funzionato. I partecipanti che desideravano cambiare i tratti di estroversione, coscienza, gradevolezza e stabilità emotiva hanno mostrato tutti un miglioramento di queste dimensioni della personalità durante il periodo di prova di 15 settimane. L'apertura alle esperienze è stata l'unica dimensione della personalità per cui l'esercizio non ha funzionato (in effetti, le persone che hanno cercato di diventare più aperte alle esperienze sono finite per essere meno aperte rispetto a quando hanno iniziato).

I ricercatori hanno anche scoperto che il cambiamento di personalità non aveva molto a che fare con la difficoltà delle sfide accettate dalle persone. Ciò che contava di più era il costante completamento delle sfide, indipendentemente dal loro livello di difficoltà.

I ricercatori concludono: "Il nostro studio fornisce prove del fatto che apportare attivamente cambiamenti comportamentali che spingono i propri comportamenti in linea con i tratti desiderati è una strategia praticabile per cambiare volontariamente la propria personalità. Anche se questa sembra essere una prognosi promettente per coloro che potrebbero cercare programmi progettati per aiutarli a cambiare le loro caratteristiche, i nostri risultati sottolineano un avvertimento importante: desiderare semplicemente il cambiamento e formulare piani non è sufficiente; è necessario andare fino in fondo".

 

 

Riferimenti bibliografici:

  • Hudson, N. W., Briley, D. A., Chopik, W. J., & Derringer, J. (2018). You have to follow through: Attaining behavioral change goals predicts volitional personality change. Journal of Personality and Social Psychology. DOI:10.1037/pspp0000221

 

(Articolo a cura del dottor Andrea di Maio)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: personalità articoli di psicologia; per saperne di più

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni