Pubblicità

Eventi traumatici e risposte psicologiche comuni

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 560 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Questo articolo vuole individuare e comprendere quali sono le risposte psicologiche comuni quando subentrano o si sono esperiti uno o più eventi traumatici.

Eventi traumatici e risposte psicologiche comuniNonostante, per la maggior parte del tempo, ci illudiamo di poter esercitare un costante controllo sulle nostre vite, in realtà, gravi incidenti stradali, incidenti aerei, incidenti ferroviari, disastri naturali, aggressioni criminali, attacchi terroristici e altre eventi traumatici potrebbero irrompere improvvisamente nelle nostre vite, direttamente e/o indirettamente.

La parola trauma, dal greco τραῦμα, che significa “perforare”, “danneggiare”, “ledere”, “rovinare”, presenta due accezioni distinte; da un punto di vista medico sta ad indicare la lesione determinata dall’azione violenta di agenti esterni: trauma cranico, osseo, muscolare e via dicendo.

Da un punto di vista psicologico sta invece ad indicare una forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come il lutto, l’abbandono o l’abuso sessuale.

Quando si sperimenta un trauma, sono diverse le reazioni psicologiche che possono subentrare nei giorni successivi ad un evento traumatico.

L'obiettivo del presente articolo è quello di delineare le risposte psicologiche comuni quando subentra o si è esperito un evento traumatico.

Tra le risposte che permeano la dimensione ansiogena, possono presentarsi sentimenti di paura, nervosismo o panico, specialmente nel momento in cui si ricorda l'evento. A questo spesso si abbina una sensazione o preoccupazione di non essere in grado di controllarsi o che la situazione possa ripresentarsi.

L'escalation degli aspetti ansiogeni, determina successivamente nel soggetto, l'insorgenza di iper-vigilanza, ossia una ricerca costante di eventuali segnali di pericolo o minacce anche in situazioni normali.

Ciò potrebbe spesso tradursi in un iper-protezione nei confronti di bambini o persone care, ad esempio preoccupandosi se stanno facendo ritardo, o magari arrabbiandosi se non rispondono immediatamente al telefono.

Pubblicità

Dopo un evento traumatico, un'altra reazione comune riguarda la presenza di disturbi del sonno, come difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, incubi o sogni vividi.

All'inizio, i contenuti dei sogni possono riguardare l'esperienza traumatica, ma possono poi mutare nel tempo, cioè essere meno specifici, anche se il contenuto può comunque restare inquietante.

Subentrano anche i cosiddetti pensieri o ricordi intrusivi, immagini dell'incidente traumatico, che appaiono improvvisamente, senza che vi sia una reale situazione che possa elicitare ricordi di quel tipo.

Altri pensieri, immagini o sentimenti possono invece essere richiamati da trigger multimediali, come un notiziario in tv, giornali, suoni, una canzone o particolari odori.

Dopo un evento traumatico è anche comune l'insorgenza del senso di colpa, una sorta di rimpianto mista al rimprovero di non aver agito, o non aver affrontato la situazione nel modo giusto, sentendosi così responsabili di quanto successo.

Per quanto concerne il senso di colpa, la letteratura evidenzia come spesso, in seguito ad eventi fortemente traumatici, il sopravvissuto tende a colpevolizzarsi proprio perchè, a differenze di amici o altre persone morte, lui è rimasto in vita.

Questo fenomeno è noto come la “colpa del sopravvissuto”. Possono così subentrare vergogna e imbarazzo, in quanto la sensazione è quella di non essere (stati) abbastanza bravi, capaci di fronteggiare una determinata situazione.

La vergogna, porta quindi spesso i sopravvissuti, ad isolarsi socialmente. A sua volta, l'isolamento determina la comparsa di sentimenti di tristezza accompagnati dal pianto.

L'umore, essendo molto labile, oscilla con momenti in cui si presentano rabbia e irritabilità, e il soggetto inizia a porsi domande del tipo “perchè proprio io? Perchè è successo a me?”. L'irritabilità può essere spesso diretta verso amici, persone care, familiari o colleghi.

L'evento traumatico innesca inoltre un intorpidimento emotivo, una sensazione di smarrimento che porta l'individuo a sentirsi distaccato da ciò che lo circonda.

Possono infatti presentarsi derealizzazione, in cui la sensazione è quella di percepire in modo distorto il mondo esterno, e/o la depersonalizzazione, in cui la sensazione è quella di essere distaccati dal proprio corpo.

L'esacerbazione dell'isolamento sociale, porta il soggetto a chiudersi sempre più in sé stesso, ad evitare i contatti sociali e familiari.

Si presentano inoltre meccanismi di evitamento che coinvolgono sia gli aspetti mentali che comportamentali.

Pubblicità

Nel caso dell'evitamento mentale, le persone cercano di spingere fuori dalla propria testa i pensieri angoscianti, ma spesso senza successo. Nel lungo periodo questo può causare altri problemi perchè la persona non è in grado di elaborare quanto successo e conferire così un senso alla propria esistenza.

Nell'evitamento comportamentale il soggetto cerca affannosamente di evitare pensieri, sentimenti e attività che possono ricordare il trauma.

Tutte le reazioni sopraelencate sono normali e naturali nel momento successivo all'aver esperito un evento traumatico. La maggior parte delle persone che ha vissuto indirettamente l'evento, cioè che non sono state colpite da perdite o infortuni personali, riusciranno nel breve periodo a gestire tali reazioni, tornando, nel tempo, ad uno stato di normalità.

Per coloro che invece sono stati direttamente colpiti da un evento, queste reazioni possono persistere o addirittura peggiorare con il passare delle settimane.

L'insorgenza di un eventuale Disturbo da Stress Post-traumatico compromette la loro capacità di andare avanti con la propria vita.

In tal caso si rende necessario un intervento psicoterapeutico, a volte da abbinare anche ad una farmacoterapia, per favorire nell'utente un'elaborazione e metabolizzazione consapevole dell'esperienza traumatica, col fine ultimo di aiutarlo a ripristinare il proprio benessere personale.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: eventi traumatici

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Altro

Perché la gente si tatua?

Ricerche recenti approfondiscono la nostra comprensione su come vengono percepiti i tatuaggi. Quando i tatuaggi emersero per la prima volta nel 1800, erano considerati un segno dell'essere un...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

News Letters

0
condivisioni