Pubblicità

Freud e la realtà virtuale

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 2967 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli psicologi hanno combinato Freud con la realtà virtuale per cambiare il modo che ha la gente di pensare a se stessa.

Freud e la realtà virtuale

L’illusione di essere in un altro corpo influenza non solo la nostra percezione (come è già noto), ma anche il nostro modo di pensare. Grazie alla realtà virtuale, alcuni soggetti hanno impersonato Sigmund Freud e si sono mostrati più adeguati nel fornire una consulenza psicologica a loro stessi, rispetto a quando non lo erano.

I volontari che hanno partecipato agli esperimenti di Sofia Adelaide Osimo si saranno sentiti come se fossero dentro una sceneggiatura di Charlie Kaufman, l’autore (e vincitore del Gran Premio della Giuria al recente Venezia Film Festival) di “Being John Malkovich” ed altri film bizzarri (“Eternal Sunshine of the Spotless Mind”, “The Orchid Thief ”…). Come i protagonisti del film si sono catapultati (letteralmente, vedere per credere) nel corpo dell’attore famoso, i soggetti nell’esperimento di Osimo, dopo aver chiesto una consulenza per un problema personale di tipo psicologico, si sono risposti impersonando Sigmund Freud.

Studi precedenti avevano dimostrato che questo tipo di illusione causa cambiamenti nella percezione, ma Osimo e colleghi hanno voluto verificare se la personificazione poteva influenzare anche i processi di pensiero: essere qualcun altro ci induce a pensare in modo differente? Apparentemente è così.

Per creare l’illusione di essere nel corpo di qualcun altro (percependolo come il proprio), Osimo si è servita della “realtà virtuale immersiva”: nell’esperimento, i volontari hanno indossato dispositivi VR (di realtà virtuale) molto sofisticati e sono stati immersi in una stanza virtuale, dove c’era una rappresentazione di loro stessi ed una di Sigmund Freud. Nella prima fase di ogni sessione, il soggetto era se stesso e descriveva un problema psicologico a Freud. In seguito, egli “saltava” immediatamente nel corpo di Freud e si rispondeva, dandosi un consiglio. Il soggetto allora tornava nel proprio corpo per sentire la voce di Freud. Lo scambio poteva andare avanti per il tempo che il soggetto voleva. In un’altra condizione sperimentale, invece, Freud non era presente ed il soggetto faceva la sua richiesta e si rispondeva, impersonando sempre se stesso, come quando parliamo a noi stessi per riflettere su un problema.

Pubblicità

“I risultati sono chiari: fornire dei consigli a noi stessi è sempre efficace, ma farlo in qualità di Sigmund Freud funziona meglio”, ha spiegato Osimo. “Gli esperimenti contengono un’ulteriore condizione di controllo, dove i movimenti degli avatar non sono sincronizzati con i reali movimenti dei soggetti. Questo ha ridotto in modo significativo, se non eliminato completamente, l’illusione di incarnazione. In questa condizione l’effetto del dialogo con se stessi – o con Freud – è stato annullato, il che conferma ulteriormente che è l’illusione che modifica i processi di pensiero”.

“Abbiamo dimostrato, per la prima volta, che la personificazione è anche efficace sui processi cognitivi di alto livello, come la risoluzione di problemi e la presa di decisioni”, conclude Osimo. “Questi risultati possono aprire interessanti scenari sulla frontiera della consulenza psicologica: la realtà virtuale potrà mai essere usata a tal fine nel futuro?”.

 

(Traduzione e riassunto a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

Tratto da: Psypost.org

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come processo bipersonale, nel quale...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Articolo 31 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.31 (consenso per i minori), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo set...

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni