Pubblicità

I bugiardi sono meno umani?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 276 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca ha osservato un collegamento tra le deumanizzazione ed il comportamento immorale.

I bugiardi sono meno umani?

Molti di noi non credono che gli animali abbiano moralità o che almeno non la applichino allo stesso modo rispetto a noi umani.

Mentre gli animali agiscono d'istinto per sopravvivere, gli esseri umani sono unici nell'abilità di ragionare su quello che è giusto o sbagliato. Infatti, una ricerca ha dimostrato che le persone che credono nella propria sensibilità morale fanno una chiara distinzione su questo aspetto tra gli esseri umani e gli animali. Le persone credono che solo gli umani possano avere una morale. Potrebbe questo significare che fare qualcosa di sbagliato ci fa sentire meno umani? Questa è la domanda che si sono posti Maryam Kouchaki, Kyle Dobson, Adam Waytz e Nour Kteily.

Primariamente, loro volevano conoscere se i comportamenti non etici venissero considerati come comportamenti non umani. Al fine di scoprirlo, i ricercatori misero a punto un esperimento. Divisero i partecipanti in 3 gruppi: un gruppo in una condizione etica, un altro in una condizione non etica e l'ultimo in una condizione neutra. I ricercatori chiedevano ai partecipanti di scrivere una breve storia su un loro ricordo.

Nella condizione etica, i partecipanti dovevano scrivere una storia personale positiva; nella condizione non etica, i partecipanti scrissero una storia personale negativa; infine nella condizione neutra i partecipanti dovevano scrivere di come avevano passato la serata. I ricercatori chiedevano ai partecipanti di scrivere molti dettagli nelle loro storie. I ricercatori spiegavano ai partecipanti che, nello scrivere la storia, dovevano essere sicuri del fatto che chi l'avrebbe letta si sarebbe potuta immedesimare e capire le emozioni dello scrittore.

In seguito, i ricercatori chiedevano ai partecipanti di completare 10 item della Mind Attribution Scale. I ricercatori usarono questa scala per misurare la deumanizzazione nei partecipanti. Le domande erano del tipo:"Sei capace di attuare comportamenti volti al raggiungimenti dei tuoi obiettivi?" o "Quanto sei capace di provare dei sentimenti?". Le persone che avevano scritto storie negative attribuivano meno qualità umane a se stessi confrontati a quelli che ricordavano qualcosa di positivo.

Ricordare dei comportamenti personali non etici implicava l'attribuzione di qualità meno umane. I ricercatori disegnarono una variante di questo esperimento: chiedevano ai partecipanti di scrivere ricordi che riguardavano l'onesta e la disonestà. Questo perchè volevano limitare il tipo di ricordo richiamato in memoria dai partecipanti dato che poteva essere una variabile individuale che influenzava il test e che non poteva essere controllata.

Pubblicità

Kouchaki ed i suoi colleghi divisero i partecipanti nei 3 gruppi:

  • nel primo gruppo (condizione non etica) i partecipanti scrivevano di un loro comportamento non etico (di quando avevano detto una bugia);
  • il secondo gruppo (condizione etica) scriveva di un proprio comportamento etico onesto;
  • il terzo gruppo (condizione neutra/ di controllo) scriveva di come aveva passato la serata.

In seguito i partecipanti completavano la Mind Attribution Scale come nell'esperimento descritto in precedenza. Le persone che avevano scritto la storia circa la loro disonestà, si autovalutavano con tratti meno umani rispetto a quelli che avevano descritto un proprio comportamento onesto. In un secondo set di esperimenti, i ricercatori si sono fatti la domanda opposta: "L'auto-deumanizzazione porta a comportamenti non etici?". I partecipanti nel primo set di esperimenti assegnavano meno tratti umani a se stessi dopo aver descritto propri atteggiamenti immorali.

"Se le persone si sentono deumanizzate, sarà più probabile che attuino comportamenti immorali?" Per esplorare la questione, Kouchaki ed i suoi colleghi divisero i partecipanti in 2 gruppi: un gruppo (condizione non etica) doveva scrivere di esperienze in cui si non si attribuivano a pieno qualità umane. Alcuni esempi includevano: non sentirsi capaci di autocontrollarsi; non essere capaci di pianificare ed agire intenzionalmente; non essere capaci di ricordare bene le cose; non essere capaci di provare sentimenti, paura e piacere. Un secondo gruppo (condizione neutra) scriveva invece delle proprie routine giornaliere.

In seguito, i partecipanti in entrambi i gruppi giocavano ad un gioco in cui si vinceva del denaro. Dovevano risolvere dei puzzle che includevano il ricomporre delle lettere per formare una parola inglese. I ricercatori spiegavano ad i partecipanti che sarebbero stati pagati sulla base di quante parole sarebbero riusciti a comporre. Gli veniva anche detto che non avrebbero verificato e controllato se i partecipanti avessero effettivamente risolto il puzzle.

Ma c'era un problema: i ricercatori progettarono una parola che era irrisolvibile con lo scopo di osservare se avrebbero imbrogliato. I ricercatori scoprirono che i partecipanti del gruppo non etico avevano barato in numero maggiore rispetto all'altro gruppo. Infatti, circa la metà delle persone nel gruppo della auto-deumanizzazione imbrogliava, rispetto a meno di un terzo del gruppo neutro.

Allora, sembra che i comportamenti non etici guidino le persone a pensare a se stessi come meno umani ed a comportarsi in modo immorale. Una ulteriore implicazione di questi risultati è che una maggiore autovalutazione come morali e come persone con una grande etica potrebbe portare le persone a comportarsi in maniera più morale. "Eliminare l'auto-deumanizzazione potrebbe guidare le persone a credere di essere buoni ed umani e motivarli ad agire in tal senso" hanno concluso i ricercatori.

 

 

BIBLIOGRAFIA

  • Kouchaki M, Dobson KSH, Waytz A, Kteily NS: "The link between self-dehumanization and immoral behavior." (2018) in Psichological Science

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: etica bugiardi umani deumanizzazione moralità

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni