Pubblicità

I bugiardi sono meno umani?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 552 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca ha osservato un collegamento tra le deumanizzazione ed il comportamento immorale.

I bugiardi sono meno umani?

Molti di noi non credono che gli animali abbiano moralità o che almeno non la applichino allo stesso modo rispetto a noi umani.

Mentre gli animali agiscono d'istinto per sopravvivere, gli esseri umani sono unici nell'abilità di ragionare su quello che è giusto o sbagliato. Infatti, una ricerca ha dimostrato che le persone che credono nella propria sensibilità morale fanno una chiara distinzione su questo aspetto tra gli esseri umani e gli animali. Le persone credono che solo gli umani possano avere una morale. Potrebbe questo significare che fare qualcosa di sbagliato ci fa sentire meno umani? Questa è la domanda che si sono posti Maryam Kouchaki, Kyle Dobson, Adam Waytz e Nour Kteily.

Primariamente, loro volevano conoscere se i comportamenti non etici venissero considerati come comportamenti non umani. Al fine di scoprirlo, i ricercatori misero a punto un esperimento. Divisero i partecipanti in 3 gruppi: un gruppo in una condizione etica, un altro in una condizione non etica e l'ultimo in una condizione neutra. I ricercatori chiedevano ai partecipanti di scrivere una breve storia su un loro ricordo.

Nella condizione etica, i partecipanti dovevano scrivere una storia personale positiva; nella condizione non etica, i partecipanti scrissero una storia personale negativa; infine nella condizione neutra i partecipanti dovevano scrivere di come avevano passato la serata. I ricercatori chiedevano ai partecipanti di scrivere molti dettagli nelle loro storie. I ricercatori spiegavano ai partecipanti che, nello scrivere la storia, dovevano essere sicuri del fatto che chi l'avrebbe letta si sarebbe potuta immedesimare e capire le emozioni dello scrittore.

In seguito, i ricercatori chiedevano ai partecipanti di completare 10 item della Mind Attribution Scale. I ricercatori usarono questa scala per misurare la deumanizzazione nei partecipanti. Le domande erano del tipo:"Sei capace di attuare comportamenti volti al raggiungimenti dei tuoi obiettivi?" o "Quanto sei capace di provare dei sentimenti?". Le persone che avevano scritto storie negative attribuivano meno qualità umane a se stessi confrontati a quelli che ricordavano qualcosa di positivo.

Ricordare dei comportamenti personali non etici implicava l'attribuzione di qualità meno umane. I ricercatori disegnarono una variante di questo esperimento: chiedevano ai partecipanti di scrivere ricordi che riguardavano l'onesta e la disonestà. Questo perchè volevano limitare il tipo di ricordo richiamato in memoria dai partecipanti dato che poteva essere una variabile individuale che influenzava il test e che non poteva essere controllata.

Pubblicità

Kouchaki ed i suoi colleghi divisero i partecipanti nei 3 gruppi:

  • nel primo gruppo (condizione non etica) i partecipanti scrivevano di un loro comportamento non etico (di quando avevano detto una bugia);
  • il secondo gruppo (condizione etica) scriveva di un proprio comportamento etico onesto;
  • il terzo gruppo (condizione neutra/ di controllo) scriveva di come aveva passato la serata.

In seguito i partecipanti completavano la Mind Attribution Scale come nell'esperimento descritto in precedenza. Le persone che avevano scritto la storia circa la loro disonestà, si autovalutavano con tratti meno umani rispetto a quelli che avevano descritto un proprio comportamento onesto. In un secondo set di esperimenti, i ricercatori si sono fatti la domanda opposta: "L'auto-deumanizzazione porta a comportamenti non etici?". I partecipanti nel primo set di esperimenti assegnavano meno tratti umani a se stessi dopo aver descritto propri atteggiamenti immorali.

"Se le persone si sentono deumanizzate, sarà più probabile che attuino comportamenti immorali?" Per esplorare la questione, Kouchaki ed i suoi colleghi divisero i partecipanti in 2 gruppi: un gruppo (condizione non etica) doveva scrivere di esperienze in cui si non si attribuivano a pieno qualità umane. Alcuni esempi includevano: non sentirsi capaci di autocontrollarsi; non essere capaci di pianificare ed agire intenzionalmente; non essere capaci di ricordare bene le cose; non essere capaci di provare sentimenti, paura e piacere. Un secondo gruppo (condizione neutra) scriveva invece delle proprie routine giornaliere.

In seguito, i partecipanti in entrambi i gruppi giocavano ad un gioco in cui si vinceva del denaro. Dovevano risolvere dei puzzle che includevano il ricomporre delle lettere per formare una parola inglese. I ricercatori spiegavano ad i partecipanti che sarebbero stati pagati sulla base di quante parole sarebbero riusciti a comporre. Gli veniva anche detto che non avrebbero verificato e controllato se i partecipanti avessero effettivamente risolto il puzzle.

Ma c'era un problema: i ricercatori progettarono una parola che era irrisolvibile con lo scopo di osservare se avrebbero imbrogliato. I ricercatori scoprirono che i partecipanti del gruppo non etico avevano barato in numero maggiore rispetto all'altro gruppo. Infatti, circa la metà delle persone nel gruppo della auto-deumanizzazione imbrogliava, rispetto a meno di un terzo del gruppo neutro.

Allora, sembra che i comportamenti non etici guidino le persone a pensare a se stessi come meno umani ed a comportarsi in modo immorale. Una ulteriore implicazione di questi risultati è che una maggiore autovalutazione come morali e come persone con una grande etica potrebbe portare le persone a comportarsi in maniera più morale. "Eliminare l'auto-deumanizzazione potrebbe guidare le persone a credere di essere buoni ed umani e motivarli ad agire in tal senso" hanno concluso i ricercatori.

 

 

BIBLIOGRAFIA

  • Kouchaki M, Dobson KSH, Waytz A, Kteily NS: "The link between self-dehumanization and immoral behavior." (2018) in Psichological Science

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: etica bugiardi umani deumanizzazione moralità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni