Pubblicità

I pregiudizi nel nostro cervello

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 3099 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Attribuire connotati positivi ad un gruppo cui non si appartiene: questione di tempistiche o di numerosità dei processi?

elettroencefalogramma pregiudiziNonostante i nostri tentativi volti a rimuovere dei contenuti spiacevoli, i pregiudizi inconsci non possono essere nascosti e diventano visibili con dei test specifici, perché abbiamo bisogno di un tempo più lungo per associare eventi spiacevoli a termini positivi.

Dei ricercatori dimostrano che di questa facoltà complessa non sono responsabili dei processi cerebrali aggiuntivi, ma semplicemente il fatto che un’associazione insolita richiede maggiore durata.
Ad esempio un tifoso di calcio ha bisogno di più tempo per associare una parola positiva alla squadra avversaria rispetto alla propria. E i sostenitori di un partito politico, anche impegnandosi, attribuiscono più velocemente un termine positivo ai loro colleghi candidati piuttosto che ai rivali politici.
Pertanto, tale studio cerca di chiarificare il motivo per cui lo sforzo di attribuire una parola amichevole ad un gruppo estraneo richiede maggior tempo.

E' noto da tempo che creare un'associazione positiva con il proprio gruppo, il cosiddetto ingroup, accade inconsciamente e più velocemente rispetto ad un gruppo cui non si appartiene, denominato outgroup. Questi diversi tempi di reazione sono visibili attraverso lo IAT, il Test dell'Associazione Implicita, con cui gli psicologi esaminano i processi inconsci e il pregiudizio.

Un team di ricercatori guidato dalla Professoressa Daria Knoch, rappresentante del Dipartimento di Psicologia Sociale e Neuroscienze Sociali presso la Facoltà di Psicologia nell' Università di Berna, dimostra che la richiesta di maggior tempo non è attribuibile a un processo mentale supplementare, come è stato spesso ipotizzato, ma piuttosto al fatto che il cervello impiega di più per l'esecuzione di alcuni processi.

Il numero e la sequenza di processi sono esattamente gli stessi

I ricercatori hanno adottato per questo studio una combinazione singolare di metodi: hanno somministrato il Test di Assocazione Implicito (IAT) a 83 soggetti appassionati di calcio o sostenitori di un partito politico specifico.

Pubblicità

Contemporaneamente all'esecuzione del test in cui veniva richiesto di associare termini positivi presentati su di uno schermo, mediante un pulsante di scatto, al loro gruppo di appartenenza (ingroup) oppure ad un gruppo estraneo (outgroup), veniva registrata la loro attività cerebrale grazie ad un elettroencefalogramma (EEG).

La co-autrice dello studio, la Dottoressa Lorena Giannotti, spiega che i dati sono stati studiati con una cosiddetta "Analisi Microstato", permettendo di ritrarre così tutti i processi nel cervello (dalla presentazione della parola sullo schermo fino alla pressione del pulsante di risposta) sia spazialmente che temporalmente.

L'analisi dei dati mostra come il cervello elabori ben sette processi - dalla presentazione dello stimolo (cioè una parola) fino alla risposta (pressione del tasto) - in meno di un secondo.
Il numero e le sequenze di questi processi rimangono esattamente gli stessi, a prescindere dal fatto che il soggetto debba associare parole positive con l'ingroup oppure con l'outgroup.

Formulare un quadro completo rappresentativo di tutti i processi cerebrali, in questa condizione, si è rilevato essenziale per un'interpretazione corretta.
Infatti l’interpretazione dedotta grazie ai risultati è che il tempo di reazione nella condizione di outgroup è più lungo perché alcuni di questi sette processi richiedono maggior tempo, e non perché un nuovo processo si è aggiunto ai soliti presenti.

Oltre i risultati soddisfacenti, questa ricerca insegna come nello studio del comportamento umano è fondamentale considerare i meccanismi cerebrali presenti alla base. Senza trascurare il fatto che questo studio approfondito a sua volta richieda metodi adatti al fine di ottenere risultati esatti.
Difatti, proprio come in questo progetto, una combinazione di metodi neuroscientifici e psicologici può portare a nuove ed importanti intuizioni.

 

Tratto da ScienceDaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: cervello meccanismi cerebrali eeg pregiudizi tempistiche processi termini positivi associazione ingroup outgroup IAT Test dell'Associazione Implicita processo supplementare elettroencefalogramma analisi microstato comportamento umano metodi neuroscientifici metodi psicologici

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni