Pubblicità

Il Metodo dell'atleta e le fasi del Problem Solving

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 2368 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio, condotto attraverso tecniche di neuroimaging,  identifica 4 fasi nascoste del Problem Solving

problem solving.0Ogni volta che si è sicuri su come è meglio procedere al fine di raggiungere un obiettivo o il  risultato desiderato vengono messi in atto meccanismi di problem solving.

Per  problem solving  si intende un'attività di  pensiero messa  in atto  da un individuo per raggiungere una condizione desiderata a partire da una condizione data; esso rappresenta  un aspetto fondamentale dei  processi di pensiero quotidiano.

Ma, quali sono le esatte fasi coinvolte in questo processo?

I ricercatori della "Carnegie Mellon University "(CMU) hanno utilizzato tecniche di neuroimaging per far progredire la comprensione sulle specifiche fasi mentali del problem- solving, attraverso la combinazione  di  dati di  neuroimaging  e risoluzione di compiti complessi matematici.

Obiettivo principale dello studio è quello di tracciare una linea temporale che associa il corso dei dati di imaging cerebrale in tempo  reale al fine di ottenere informazioni su quello che succede momento  per momento  durante la fase di problem solving.

Anderson e colleghi hanno identificato quattro fasi distinte di  cognizione coinvolti nella risoluzione di un problema:

  • la codifica;
  • la  pianificazion;
  • la risoluzione;
  • la risposta.

Pubblicità

Il focus della ricerca di Anderson è quello di comprendere al meglio la struttura del livello superiore di cognizione, attraverso un processo di  decostruzione. Il lavoro dei ricercatori si concentra sulle "teorie unificate della cognizione."

Come sarebbe previsto, una volta che si codificano  i vari aspetti della risoluzione di  un problema di matematica, i ricercatori hanno notato che la fase di pianificazione tende ad essere più lunga se il problema richiede maggiore pianificazione,  la fase solving, invece, tende ad essere più lunga quando la soluzione è più difficile da eseguire.

Individuare la lunghezza di queste durate ha  permesso di tracciare una  mappa sulle varie tappe di cognizione coinvolte nella risoluzione di  un problema specifico.

In conclusione la ricerca dimostra che:

  1. La Soluzione di un  problema avviene  attraverso prove di errori e  richiede l'attivazione  della corteccia orbitofrontale (OFC);
  2. l'apprendimento migliora la plasticità strutturale lungo il  raggio di  assoni della  "corteccia frontale"

Per questa ricerca, sono state catturate immagini del cervello durante la fase di apprendimento attivo in tempo reale, fotografando il cervello dei topi mentre imparavano a risolvere i problemi attraverso tentativi ed errori; i topi hanno svolto compiti di foraggiamento di mattina, e sono stati registrati  cambiamenti cerebrali durante il pomeriggio.

I ricercatori sperano,  in un prossimo futuro, che le loro scoperte possano essere utilizzate per incrementare la progettazione di metodi educativi più efficaci.

Le conoscenze acquisite da questo tipo di ricerca potrebbero essere utilizzate anche per aiutare gli studenti a estendere la loro conoscenza cristallizzata al di là del compito, aumentando la loro intelligenza fluida e flessibilità cognitiva.

 

Tratto da Psycology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: risposta ridotta obiettivo codifica pianiificazione risoluzione decostruzione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famili...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

News Letters

0
condivisioni