Pubblicità

Il testosterone come fattore protettivo dalla depressione

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 296 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Perchè gli uomini hanno minori probabilità di essere depressi rispetto alle donne?

testosterone depressione

Potrebbe il testosterone proteggere gli uomini dalla depressione? In caso affermativo, potrebbe essere creato un nuovo trattamento con il testosterone per la depressione?

La depressione è circa due volte più comune nelle donne che negli uomini. E' risaputo che le donne sono più inclini ad ammettere un problema mentale e chiedere aiuto medico più rapidamente rispetto agli uomini. Questa potrebbe essere una delle ragioni per cui la depressione sembra essere più comune nelle donne. Gli episodi precoci depressivi accadono in adolescenza o nella prima età adulta, sono spesso preceduti da stress o a traumi dovuti a perdite (lavoro, familiari, soldi, amici, ecc.). Le donne riferiscono più frequentemente eventi di vita negativi rispetto agli uomini.

Questo potrebbe essere interpretato in due modi: la prima interpretazione ipotizza che le donne potrebbero considerare gli eventi di vita più stressanti e negativi; la seconda interpretazione, invece, considera semplicemente il fatto che le donne abbiano maggiori esperienze di avversità. Molte femministe concordano con la seconda interpretazione e ci sono alcune evidenze che supportano questa tesi. Il prendersi cura dei bambini, ad esempio, offre occasioni di stress, e questo ha un maggiore impatto nelle madri piuttosto che nei padri. Sebbene sia vero che episodi precoci di depressione siano preceduti da un evento negativo, il contrario non è dimostrato: molti eventi negativi non sono per forza seguiti da depressione.

Perciò, probabilmente, le donne sarebbero più vulnerabili a questi eventi negativi. C'è inoltre, un'altra possibilità: potrebbe essere che gli uomini abbiano qualche strategia nell'essere più resilienti e qui entrerebbero in gioco gli ormoni. Il primo ormone considerato è il cortisolo. E' l'ormone dello stress che le ghiandole surrenali rilasciano quando si ha a che fare con richieste pretestuose causanti stress o quando si deve gestire una perdita. Sappiamo inoltre, che questo ormone è coinvolto nella depressione. Le persone trattate con alte dosi di cortisolo rischiano di sviluppare degli stati depressivi. Esistono molti trattamenti con il cortisolo, la maggior parte dei casi in cui viene prescritto è per artrosi o per disturbi del sistema immunitario. Un modo per ridurre il rischio sarebbe quello di interrompere il trattamento, riducendo le dosi.

Pubblicità

Ci sono anche tumori che secretano cortisolo e questo causa una condizione chiamata Sindrome di Cushing. Circa il 70% dei pazienti con Sindrome di Cushing sono depressi, e vengono ricoverati per essere trattati. Comunque, ci sono anche problemi cognitivi, e questi potrebbero essere più persistenti. Alla fine, le donne hanno più cortisolo nel sangue rispetto alla media degli uomini e più è presente il cortisolo, più è alto il rischio di depressione. Questa potrebbe essere la ragione della differenza di genere nella depressione, ma non sarebbe l'unica. Ci sono molte evidenze sul fatto che il testosterone potrebbe essere un fattore protettivo dalla depressione.

Il livello di testosterone diminuisce con l'età negli uomini, però cambia da individuo ad individuo. Le persone con bassi livelli di testosterone sono più inclini ad essere depressi. Una domanda, qui, nasce spontanea: sono possibili trattamenti con il testosterone per i depressi? Il testosterone è stato utilizzato tradizionalmente come anti-depressivo. Alte dosi di testosterone risultano più efficaci rispetto a dosi più basse, quindi ci si aspetta che il testosterone abbia realmente un effetto sulla depressione. Gli anziani che hanno livelli più bassi di testosterone a causa dell'età, sono quelli con la probabilità maggiore di sviluppare una depressione cronica.

Trattamenti specifici di testosterone sono stati utilizzati e mostrati aiutare gli anziani a stare meglio. Ma quale è il motivo? Non ci sono spiegazioni chiare, poichè non sappiamo bene cosa succeda nel cervello affinchè si sviluppi la depressione, perciò non si capisce come il testosterone possa essere usato come trattamento efficace o come terapia precoce. Il testosterone agisce a molti livelli sul cervello, principalmente nelle aree concernenti la motivazione, le emozioni e l'umore. Il cervello maschile è esposto ad alti livelli di testosterone non solo nell'età adulta, ma anche durante la vita embrionale, e questo implica una protezione precoce dalla depressione.

Molti anti-depressivi agiscono sulla serotonina ma il testosterone no. Non esiste ancora un trattamento standard per la depressione e bisogna fare analisi accurate sui casi individuali e capire quali siano i benefici dei trattamenti col testosterone. Cosa dire invece sulle donne? Anche loro producono testosterone, ma un decimo in meno rispetto agli uomini. Il testosterone gioca un ruolo importante nella sessualità femminile ma il suo ruolo come fattore protettivo dalla depressione deve ancora essere ulteriormente investigato. Se si combina il ruolo del cortisolo a quello del testosterone si potrebbero spiegare le differenze di genere nella depressione, in combinazione con fattori individuali come il diverso stile di vita.

Riferimenti Bibliografici:

  • Walther A, Breidenstein J, Miller R., (2018): "Association of Testosterone Treatment With Alleviation of Depressive Symptoms in Men: A Systematic Review and Meta-analysis" in "JAMA Psychiatry".

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione testosterone differenze di genere cortisolo per saperne di più sindrome di Cushing

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters

0
condivisioni