Pubblicità

Informazioni importanti o no? Ecco come agisce il cervello

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 772 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I ricercatori della New York University in un nuovo studio spiegano come il cervello riesca a distinguere ciò che è importante da ciò che non lo è, nelle diverse circostanze.

come agisce il cervelloImmaginate di essere seduti in un caffè rumoroso, mentre cercate di leggere.

Per concentrarvi sul libro che avete in mano, avete bisogno di ignorare il chiacchierio delle persone intorno a voi ed il tintinnio delle tazze, di escludere gli stimoli irrilevanti, che arrivano alle vostre orecchie, e “confinarvi” in quelli rilevanti per la vostra attività – in questo caso, le parole scritte su una pagina.

In un nuovo articolo, pubblicato sul giornale “Nature Communications”, i ricercatori della New York University offrono una nuova teoria, basata su un modello computazionale, su come il cervello riesca a separare le informazioni importanti, da quelle che non lo sono, nelle diverse circostanze.

E’ importante, nella vita di tutti i giorni, che il nostro cervello elabori le informazioni più utili tra tutte le cose che ci si presentano”, ha spiegato il Dottor Xiao-Jing Wang, Professore della NYU ed autore dell’articolo. “All’interno di un circuito neuronale estremamente complesso, deve esserci necessariamente un meccanismo di selezione che indirizzi le informazioni rilevanti nel posto giusto ed al momento giusto”.

L’analisi, condotta dal Dottor Guangyu Robert Yang, studente nel laboratorio del Dottor Wang, si è focalizzata, in particolare, sui neuroni inibitori, i quali aiutano ad assicurare risposte neurologiche appropriate per gli stimoli in arrivo, sopprimendo l’attività degli altri neuroni, in equilibrio con l’azione dei neuroni eccitatori, i quali, al contrario, hanno il compito di stimolarla.

Il nostro modello utilizza una parte fondamentale del circuito cerebrale, che coinvolge diverse tipologie di neuroni inibitori, per raggiungere questo obiettivo”, aggiunge il Dott. Wang. “Il nostro modello computazionale dimostra che i neuroni inibitori possono permettere a tale circuito di concentrarsi su specifici canali informativi, escludendo il resto”.

Come agiscono i neuroni inibitori ed eccitatori?

Di particolare interesse per il gruppo è stato uno specifico sottotipo di neuroni inibitori, che si dirigono verso i dendriti – quelle parti in cui arrivano gli input dagli altri neuroni - dei neuroni eccitatori. Questi sono contrassegnati da un marcatore biologico, chiamato somatostatina, e possono essere studiati selettivamente dagli sperimentatori.

I ricercatori hanno così concluso che essi non solo controllano tutti gli input che arrivano ad un neurone ma che riescono anche a distinguere tra loro quelli provenienti da canali individuali – nell’esempio precedente, i percorsi visivi da quelli uditivi.

Si pensava che questo fosse difficile perché le connessioni dai neuroni inibitori a quelli eccitatori apparivano dense e non strutturate”, ha spiegato il Dottor Yang. “Al contrario, ed in modo sorprendente, il nostro studio ha dimostrato che i neuroni inibitori riescono a discriminare con precisione tra i diversi canali di trasmissione degli input”.

Pubblicità

Conclusioni

Quindi, gli autori hanno dimostrato, attraverso l’uso di modelli computazionali ad hoc, che anche in presenza di connessioni apparentemente casuali, questi neuroni riuscivano a distinguere i percorsi specifici dei diversi input e che essi riuscivano a far ciò coordinandosi con l’attività degli input eccitatori, attraverso la cosiddetta plasticità sinaptica, ovvero quel meccanismo cerebrale che permette di apprendere dall’esperienza nel mondo esterno.



Fonte: New York University (www.nyu.edu)

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: cervello informazioni new york university plasticità sinaptica sinapsi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni