Pubblicità

Insoddisfazione cronica e rischio psicosomatico nei bambini

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1549 volte

4.5789473684211 1 1 1 1 1 Votazione 4.58 (19 Voti)

Questo articolo che costituisce un breve accenno a quello che può accadere nel bambino in seguito a frustrazioni orali, è stato volutamente scritto a partire dal punto di vista dei bisogni dei bambini.

insoddisfazione cronica e rischio psicosomatico nei bambiniSecondo alcune considerazioni di carattere generale, il pianto dei bambini, in seguito alla frustrazione dei loro bisogni alimentari, è fisiologico: essi piangono infatti come risposta naturale ad una sensazione di disagio che avvertono dentro di loro.

Se le loro madri sono distratte e se questi bambini sentono non idonea la risposta ai loro bisogni, in essi tende a strutturarsi una specifica modalità fisiologica di adattamento che se ripetuta nel tempo può contribuire, in futuro, alla costituzione dell’habitus del paziente ulceroso.

Alcuni anni fa un pediatra, noto e conosciuto, espose una sua teoria secondo la quale i bambini piccoli avrebbero dovuto mangiare ad orari fissi, adeguandosi ai tempi di erogazione del latte decisi da parte delle loro madri.

Questo comportamento materno ha contribuito a far soffrire intere generazioni di bambini causando danni a volte anche importanti. Il momento giusto per dare da mangiare ai bambini in tenera età corrisponde ai loro tempi di richiesta; esso rappresenta “l’unico orario giusto”, poiché è stabilito dai loro bisogni naturali di sussistenza e crescita.

Quando i bambini sentono la sensazione della fame cominciano ad avvertire alcuni stimoli che provengono specialmente dai loro distretti viscerali. Compare un aumento della salivazione che rappresenta la preparazione alla ingestione del cibo, il bambino poi incomincia a muovere la bocca in modo particolare e ad avvertire una sensazione che può essere non chiaramente distinta, se egli è troppo piccolo, che somiglia alle sensazioni di vuoto nello stomaco e a viversi una aspettativa e una tensione negli occhi che tende a sfociare nel pianto allo scopo di richiamare l’attenzione su di sé per soddisfare il suo naturale bisogno di essere nutrito, amato e rispettato per quanto riguarda la soddisfazione dei suoi bisogni e necessità.

Pubblicità

Un intero apparato organico, tutto un mondo, quindi, si mette in movimento nel momento in cui il bambino avverte la fame. C’è tutta una preparazione di sostanze chimiche prodotte dall’organismo, ci sono alterazioni insulino-pancreatiche, dei succhi gastrici e biliari che attendono un ritorno a livelli pre-stimolo.

Ora, se il cibo non soddisfa il bambino o se non arriva nel momento in cui egli sente il bisogno o arriva offerto in malo modo, con poca disponibilità da parte della madre, tutto questo “mondo orale”, di introiezione, di incorporazione del cibo, tutto questo “mondo digestivo” di preparazione e di attesa “crolla addosso al bambino”: è come se tutto ciò, come se tutta questa aspettativa e questa preparazione fossero state inutili.

Questo meccanismo protratto nel tempo, associato alla frustrazione, alla delusione, alla paura, all’ansia, alla rabbia, costituisce il substrato psicosomatico che giustifica la comprensione dei disturbi e delle malattie dell’apparato digerente.

Questo articolo che costituisce un breve accenno a quello che può accadere nel bambino in seguito a frustrazioni orali, è stato da me volutamente riportato a partire dal punto di vista dei bisogni dei bambini.

 

 

(Articolo a cura del Dottor Alfredo Ferrajoli)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: medicina psicosomatica bambini, cibo,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni