Pubblicità

Internet Gaming Disorder vs. Internet Addiction Disorder

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1679 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

Quando internet rappresenta il mezzo e non la dipendenza

internet addiction e Internet Gaming DisorderNegli ultimi 15 anni, la ricerca sulle varie dipendenze on-line è notevolmente aumentata.

Accanto ai diversi studi, si sono accesi vari dibattiti accademici che mettono in dubbio la reale esistenza dell’ "Internet Addiction": l'uso di Internet non comporta l'ingestione di una sostanza psicoattiva, allora non dovrebbe essere considerato una vero e proprio comportamento di dipendenza.

Tuttavia, l'ultima e (quinta) edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5) ri-classifica il “Gaming Disorder” come una dipendenza comportamentale, piuttosto che come un disturbo del controllo degli impulsi.

Le implicazioni di questa riclassificazione sono potenzialmente di vasta portata.

Ecco quella più importante: se un'attività non comporta il consumo di droghe (per esempio, il gioco d'azzardo), può essere una vera e propria dipendenza accettata dalla comunità psichiatrica e medica, non vi è alcuna ragione teorica per cui altri comportamenti problematici e abituali (ad esempio, lo shopping , il lavoro, l'esercizio fisico, il sesso, videogiochi, ecc) non possano essere classificati come tali.

Tuttavia, però, dalla fine del 1990, gli esperti sul campo evidenziano che vi è una differenza fondamentale tra le dipendenze su Internet e dipendenze da Internet: la stragrande maggioranza degli individui, i quali, nel corso della loro vita, hanno utilizzato internet in maniera inappropriata, non erano dipendenti, ma, utilizzavano il web come veicolo per accedere ad altre dipendenze. (Es. i giocatori d’azzardo o i dipendenti da videogioco utilizzano Internet per convenienza e ubiquità).

Prima della pubblicazione del DSM-5, un altro dibattito di fondamentale importanza, mette in evidenza l’importanza di considerare e categorizzare la “'dipendenza da Internet' come disturbo separato da altre forme di dipendenza.

In seguito a questi dibattiti, il “Substance Use Disorder Work Group" (SUDWG) raccomanda l’importanza di includere, nel DSM 5, l’IGD come un sotto-tipo di dipendenza dove l'utilizzo di Internet risulta  problematico.

Pubblicità

Tuttavia, lungi dal chiarire i dibattiti sulle circostante generalizzate contro disturbi specifici dell’uso di Internet, la sezione del DSM-5 ha osservato che:

"Fino ad oggi, non ci sono sottotipi di disturbo da gioco su Internet ben definiti. Il disturbo da gioco via Internet più spesso coinvolge giochi specifici su Internet, ma potrebbe comportare anche giochi non computerizzarti, anche se questi sono stati meno studiati. E 'probabile che i giochi preferiti possano variare nel corso del tempo e non è chiaro se i comportamenti e le conseguenze associate ai disturbi  da gioco via Internet variano in base al tipo di gioco ... il disturbo da gioco su Internet ha una notevole importanza per la salute pubblica, e ulteriori ricerche possono eventualmente evidenziare che l’ IGD (anche comunemente indicato come disturbo da "uso di Internet", dipendenza da Internet, o dipendenza dal gioco) ha il merito di essere considerata come una malattia indipendente "(p.796).

Alla luce di ciò che è stato già evidenziato da precedenti ricerche, da queste affermazioni, derivano due problematiche immediate:

  • In primo luogo, il termine  IGD viene associato in maniera erronea alle dipendenze da Internet;
  • In secondo luogo l’IGD può includere anche disturbi da gioco non svolti su internet.

Per quanto riguarda la prima affermazione, le due dipendenze non sono la stessa cosa.
In secondo luogo, alcuni ricercatori considerano i videogiochi come punto di partenza per l'esame delle caratteristiche del disturbo di gioco, mentre altri considerano Internet come piattaforma principale che unisce diverse attività "internet dipendenza", tra cui i giochi online.

Per esempio, anche se tutte le dipendenze hanno caratteristiche particolari e idiosincratiche, condividono più punti in comune che differenze (ad esempio, rilevanza, modificazione dell'umore, tolleranza, sintomi di astinenza, il conflitto e recidiva), e probabilmente riflettono un' eziologia comune di comportamenti di dipendenza .

L’IGD è chiaramente un sotto-tipo di dipendenza da videogiochi. Tuttavia, molti potrebbero sostenere che queste - se sono dipendenze - sono dipendenze su internet, non da esso.

Internet è un mezzo ed è una caratteristica situazionale; il fatto che il mezzo potrebbe aumentare la dipendenza o i comportamenti problematici non necessariamente fanno di essa un sotto-tipo di dipendenza da Internet.

Un'osservazione comune è che "gli utenti di Internet" non sono più dipendenti da Internet degli "alcolisti assuefatti dall’alcool".
Internet è solo un canale attraverso il quale gli individui possono accedere in qualsiasi contenuto che vogliono (per esempio, il gioco d'azzardo, shopping, chat, sesso).

D'altra parte, i giochi online differiscono dai giochi tradizionali come ad esempio i videogiochi offline, in aspetti importanti, come la dimensione sociale e la dimensione di ruolo che permette l'interazione con altri giocatori reali.

Di conseguenza, si potrebbe sostenere che l'IGD può essere considerata come un tipo specifico di dipendenza da videogioco, come una variante di dipendenza da internet, come una diagnosi indipendente. Tuttavia, l'idea che l'IGD può comprendere disturbi di gioco offline fa ben poco per favorire la chiarezza e la concettualizzazione specifica di tale dipendenza.

Infine, è anche opportuno ricordare che ci sono alcuni "comportamenti on-line" problematici che potrebbero essere definiti come "dipendenze da Internet" in quanto possono avvenire solo on-line. L'attività più evidente che rispetta questo criterio è il social networking in quanto è una 'pura' attività online .

Altre attività come il gioco d'azzardo, giochi e shopping possono ancora essere impegnati in linea o in altri contesti.

Sulla base di recenti evidenze empiriche, l’IGD (o uno dei nomi alternativi utilizzati per descrivere il gioco problematico) non può essere considerato come un disturbo da Dipendenza da Internet.

 

Tratto da Psycology Today 

(Traduzione e adattamento a cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

Tags: tolleranza conflitto Internet Gaming Disorder Internet Addiction Disorder sintomi di astinenza, i recidiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni