Pubblicità

La dipendenza nel dolore cronico

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1056 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nel trattamento del dolore cronico, con il massiccio uso di farmaci antidolorifici, possono crearsi situazioni particolari che vengono individuate come dipendenza, dipendenza fisica e tolleranza. Proviamo a chiarire le differenze fra loro dal punto di vista terminologico.

La dipendenza nel dolore cronicoMolte persone con condizioni di dolore cronico, compresi alcuni tipi di artrite, ricevono prescrizioni costanti di farmaci antidolorifici.

Le loro condizioni mediche dettano la necessità di tali farmaci come parte del loro piano di trattamento. Eppure, se si presta attenzione alle notizie, le persone che ricevono prescrizioni legittime di tali farmaci vengono annoverate nella categoria degli abusanti.

Dopotutto, questo non dovrebbe sorprendere, se si considera l'epidemia di abuso di oppioidi che si è scatenata nel mondo occidentale. Si sostiene infatti che vi sia un'eccessiva medicalizzazione anche per situazioni non gravi, cioè che non richiedono una prescrizione farmacologica costante.

Ciascuno dei problemi sopra menzionati richiama pertanto una preoccupazione legittima. Tuttavia, attraverso queste operazioni mentali, lo stigma si è allargato anche verso quelle persone affette da dolore cronico che hanno un bisogno legittimo del farmaco per funzionare e avere una certa qualità della vita.

La loro condizione non può essere minimizzata mentre viene affrontata l'urgenza di altre questioni. Questa “stigmatizzazione” è stata largamente diffusa perchè troppe persone non comprendono la differenza tra dipendenza, dipendenza fisica e tolleranza.

Non si possono sfumare le linee tra questi tre fattori se prima non si procede verso una comprensione terminologica.

Cos'è la dipendenza?

L'American Society of Addiction Medicine (ASAM), l'American Academy of Pain Medicine (AAPM) e l'American Pain Society (APS) riconoscono la seguente definizione di dipendenza in relazione all'uso degli oppioidi per il trattamento del dolore cronico:

Pubblicità

La dipendenza è una malattia neurobiologica primaria, cronica, con fattori genetici, psicosociali e ambientali che ne influenzano lo sviluppo e le manifestazioni. È caratterizzata da comportamenti che includono uno o più dei seguenti aspetti: controllo compromesso dell'uso della sostanza, uso compulsivo, uso continuato nonostante il danno e bramosia”.

Cos'è la dipendenza fisica?

L'American Society of Addiction Medicine (ASAM), l'American Academy of Pain Medicine (AAPM) e l'American Pain Society (APS) riconoscono la seguente definizione di dipendenza fisica:

la dipendenza fisica è uno stato di adattamento che si manifesta con una sindrome da astinenza specifica per classe di farmaco/sostanza che può essere prodotta da brusca cessazione, rapida riduzione della dose, diminuzione del livello ematico del farmaco/sostanza e/o somministrazione di un antagonista.”

Cos'è la tolleranza?

L'American Society of Addiction Medicine (ASAM), l'American Academy of Pain Medicine (AAPM) e l'American Pain Society (APS) riconoscono la seguente definizione di tolleranza:

la tolleranza è uno stato di adattamento in cui l'esposizione ad un farmaco induce cambiamenti che si traducono in una diminuzione di uno o più effetti del farmaco/sostanza nel tempo”.

Detto questo, la maggior parte degli esperti di medicina del dolore e di dipendenza concorrono sul fatto che i pazienti con dolore cronico trattati a lungo termine con farmaci oppioidi di solito sviluppano una dipendenza fisica, e alcuni di essi svilupperanno la tolleranza.

Tuttavia, di solito, questo gruppo di pazienti non sviluppa una dipendenza. Il rischio effettivo di dipendenza è considerato sconosciuto e non prevedibile, ma è probabilmente correlato a diversi fattori, tra cui la predisposizione genetica.

La dipendenza stessa è una malattia cronica primaria. L'esposizione al farmaco/sostanza è solo uno dei fattori del suo sviluppo.

Infatti, nella maggior parte dei casi, l'esposizione a farmaci/sostanze che possono stimolare il sistema di ricompensa del cervello non basta a produrre una dipendenza.

Caratteristiche e comportamenti tipici

Il controllo alterato, la bramosia e l'uso compulsivo di un farmaco/sostanza, così come l'uso continuato del farmaco/sostanza nonostante le conseguenze fisiche, mentali o sociali negative sono considerati aspetti caratteristici della dipendenza.

Ma può essere un po' più complicato del semplice riconoscimento della presenza di quelle caratteristiche.

Le stesse caratteristiche potrebbero essere correlate ad una riduzione inadeguata del dolore. Un clinico deve quindi essere in grado di esercitare il proprio giudizio e discernere tra la dipendenza ed un'altra causa.

Esistono comportamenti specifici che indicano la possibilità di una dipendenza. Questi comportamenti includono:

mancanza di aderenza al programma di prescrizione farmacologica; assumere più di una dose alla volta; segnalazioni ripetute di farmaci persi o rubati; prescrizioni farmacologiche da più medici; isolamento; utilizzo di farmaci psicoattivi non prescritti; utilizzo di farmaci antidolorifici per sedazione, intossicazione, per aumentare l'energia o abbassare i livelli di ansia; elusione o disinteresse per le opzioni di trattamento non oppiacee.

La dipendenza è chiaramente associata a conseguenze potenzialmente gravi, persino fatali.

D'altra parte, la dipendenza fisica è considerata una risposta normale da parte dell'organismo all'utilizzo cronico o continuato di determinati farmaci/sostanze, e non solo a quelli specifici per il trattamento del dolore cronico.

Ad esempio, la dipendenza fisica può verificarsi con corticosteroidi, antidepressivi, beta-bloccanti e via dicendo.

Pubblicità

La tolleranza è invece un po' più complessa da individuare, in quanto può verificarsi per l'effetto desiderato del farmaco, ma avere anche effetti indesiderati.

La dipendenza è principalmente un disturbo comportamentale, sebbene possa sovrapporsi alla dipendenza fisica.

Tipicamente, la dipendenza comporta un uso continuo della sostanza nonostante le conseguenze negative, la bramosia della stessa ed un suo uso sconsiderato.

La dipendenza fisica è evidente quando l'individuo sviluppa una tolleranza verso il farmaco/sostanza o se avverte improvvisamente sintomi di astinenza nel momento in cui ne sospende l'assunzione.

La tolleranza è presente quando la stessa dose non produce lo stesso risultato, richiedendo quindi dosi più elevate per ottenere il risultato desiderato.

Pertanto, la dipendenza fisica non implica necessariamente che si sia sviluppata una dipendenza, ma potrebbe accompagnarla quando è presente la dipendenza.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 
 

Tags: dipendenza dolore cronico

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

News Letters

0
condivisioni