Pubblicità

La realtà virtuale per comprendere le radici dell'altruismo

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1004 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cosa ci porta ad aiutare gli altri? Perché in determinate situazioni scegliamo di avere un comportamento di supporto?

comprendere le radici dell'altruismoPerché scegliamo di aiutare coloro che sono in difficoltà? Cosa c'é dietro questa scelta? Cos’è che ci spinge ad essere altruisti, anche nelle situazioni in cui avvertiamo un pericolo per noi stessi? Quali aree cerebrali sono coinvolte in questo processo?

Un ambiente creato al computer, sviluppato allo scopo di far luce sulle origini dell’altruismo: questo è l’approccio innovativo, usato da un gruppo di ricercatori presso il SISSA di Trieste, in collaborazione con l’Università di Udine.

Questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista “Neuropsychologia”, ha immerso i partecipanti in un ambiente virtuale, che riproduceva un edificio in fiamme da evacuare in fretta, decidendo se pensare solo a se stessi, o interrompere la fuga per salvare una persona ferita.

I risultati hanno mostrato che gli individui altruistici avevano una preoccupazione maggiore per il benessere degli altri e presentavano un’Insula anteriore destra (un’area cerebrale coinvolta nell’elaborare le emozioni sociali) più sviluppata, rispetto ai non altruisti.

Questi risultati evidenziano il ruolo della compassione nel motivare il comportamento d’aiuto ed i suoi correlati cerebrali.


L’altruismo nel mondo virtuale.

“I nostri impulsi prosociali ed altruistici giocano un ruolo veramente importante nel sostenere la struttura sociale nel suo complesso”, ha spiegato la Dottoressa Giorgia Silani, una delle ricercatrici. “Comunque, studiare l’altruismo e le sue basi neuronali in un ambiente di laboratorio pone delle sfide etiche uniche. Infatti, è difficile, se non impossibile, riprodurre le situazioni dannose in modo realistico e, poi, studiare il comportamento d’aiuto dei partecipanti, soprattutto se queste occasioni comportano una minaccia fisica alla loro stessa vita…”.

Pubblicità

Per superare queste difficoltà, i ricercatori hanno creato un ambiente virtuale, ricco di dettagli a livello contestuale, nel quale i partecipanti si immersero completamente.

Il Dott. Indrajeet Patil, altro autore dello studio, ha spiegato le innovazioni in questa prova: “Durante l’esperimento, i partecipanti furono posti in un edificio, dal quale dovevano scappare a causa di un incendio improvviso. L’ambiente, costruito al computer, era caratterizzato da intensi segnali audio-visivi, che contribuivano ad aumentare il realismo della situazione da una parte, ed il sentimento di ansia e pericolo dall’altra. Inoltre, una barra indicava quanta ‘energia vitale’ veniva persa dall’avatar di ciascuno”.

Verso la fine della fuga, quando era rimasta veramente poca energia, i partecipanti dovevano prendere una decisione difficile: salvare una persona ferita, intrappolata sotto un mobile pesante, rischiando la loro stessa vita, o correre verso l’uscita, ignorando colui che chiedeva aiuto.

Una volta che i partecipanti completarono il compito nell’ambiente virtuale, descritto da tutti come “veramente realistico”, furono sottoposti a Risonanza Magnetica, per aiutare ad acquisire informazioni sulla struttura cerebrale.

In questo modo, gli scienziati furono in grado di correlare i loro comportamenti con l’anatomia di specifiche aree del sistema nervoso.


I risultati.

“I risultati hanno sottolineato che la maggior parte delle persone optano per la scelta altruista: il 65% si è fermato per salvare la persona ferita, nonostante la minaccia al loro sé (virtuale). In più, i dati del questionario hanno rivelato che gli individui che hanno aiutato l’uomo intrappolato avevano punteggi più alti per quel che riguardava la ‘preoccupazione empatica’. Così, la volontà di aiutare coloro che ne hanno bisogno, anche a discapito di se stessi, sembra essere guidata dalla motivazione a prendersi cura dell’altro”, ha sottolineato il Dott. Patil.

Per quanto concerne i dati ottenuti sulla struttura cerebrale, i ricercatori hanno trovato che gli individui altruistici avevano un’Insula anteriore più sviluppata, rispetto a quella di coloro che scelsero di scappare senza aiutare.

“L’Insula è un’area strettamente connessa all’elaborazione delle nostre emozioni sociali”, ha spiegato la Dottoressa Silani. “In questa ricerca, quindi, siamo stati capaci di analizzare i correlati neurostrutturali del comportamento d’aiuto.
Questo lavoro ci può aiutare a generare una serie di ipotesi interessanti, che potrebbero essere verificate in futuro”.    
    

Fonte: SISSA

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Ricerche e Contributi

I test psicologici

Una rassegna dei principali Test psicologici disponibili in Italia. Ovviamente non ci sono tutti i reattivi ma abbiamo cercato di selezionare i principali o quelli maggiormente utilizzati. Tecniche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni