Pubblicità

Labirinti e cervello: quando i preconcetti battono la logica

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1302 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I ricercatori possono ora ricostruire ciò che vediamo nella nostra mente quando ci orientiamo e spiegare come mai si prendono direzioni sbagliate

labirini e cervelloIl cervello ci aiuta ad orientarci generando continuamente, razionalizzando ed analizzando grandi quantità di informazioni.

Questa funzione simile ad un GPS innato ci aiuta ad esempio a trovare la nostra strada in città , seguire le indicazioni per una destinazione specifica , o ad andare in un ristorante particolare per soddisfare un desiderio .

"Quando le persone cercano di spostarsi da un posto ad un altro , 'prevedono' nelle loro menti il paesaggio nel quale si stanno recando", ha detto l'autore dello studio Yumi Shikauchi . "Abbiamo voluto anzitutto decodificare la credenza nel cervello , perché è di cruciale importanza per l’esplorazione  spaziale".

Utilizzando dei labirinti virtuali tridimensionali insieme con la risonanza magnetica funzionale ( fMRI ), i ricercatori hanno esaminato se i preconcetti di una persona potessero essere rappresentati nell’attività cerebrale.

I partecipanti dovevano attraversare ogni labirinto e memorizzare una sequenza di scene , ricevendo indicazioni per ogni mossa .
Poi, mentre venivano sottoposti alla fMRI , è stato chiesto loro di orientarsi attraverso il labirinto scegliendo tra due opzioni la scena immediatamente successiva a quella presente.

In contrasto con metodi usati in studi precedenti , i ricercatori si sono focalizzati sull’ aspettativa e la previsione, processi cognitivi fondamentali nel processo decisionale di tutti i giorni .

Decodificato l’attività cerebrale dalle scansioni fMRI è risultato che i partecipanti sono stati capaci di ricostruire le scene che si erano immaginate mano a mano che avanzavano nel labirinto.

“Abbiamo scoperto che i pattern di attività nelle regioni parietali riflettono le aspettative dei partecipanti anche quando questi sbagliano, a dimostrazione del fatto che la credenza soggettiva può prevalere sulla realtà oggettiva”, ha detto il primo autore Shin Ishii.
 
Shikauchi e Ishii sperano che questa ricerca contribuisca allo sviluppo di nuovi strumenti di comunicazione che si basino sull’attività cerebrale.

"Ci sono molte cose che non possono essere comunicate solo attraverso le parole e il linguaggio.
Poichè siamo stati in grado di decifrare le aspettative virtuali, sia giuste che sbagliate, ciò potrebbe contribuire allo sviluppo di un nuovo tipo di strumento che permetta alle persone di comunicare le informazioni non linguistiche", ha affermato Ishii “In futuro ci proponiamo di decifrare scene più complicate dei semplici labirinti"

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Sara D'Annibale)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: cervello fMRi labirinti orientamento aspettativa previsione processi cognitivi comunicazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni