Pubblicità

Le nuove relazioni sociali nel mondo digitale

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 570 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le nostre vite digitali ci rendono più distratti, distanti e prosciugati e rendono meno interessanti le nostre relazioni sociali dirette.

Le nuove relazioni sociali nel mondo digitaleAd esempio, anche un utilizzo minore del telefono durante un pasto con gli amici è stato sufficiente per far sì che i commensali si sentissero distratti, riducendo il livello di 'godimento' dell'esperienza.

Le persone a cui era permesso usare il telefono durante la cena avevano più problemi a rimanere presenti nel momento”, ha affermato Ryan Dwyer, della British Columbia University, autore principale di uno studio che è stato presentato durante un simposio su come la tecnologia digitale influenza le relazioni.

Decenni di ricerca sulla felicità ci dicono che impegnarsi positivamente con gli altri è fondamentale per il nostro benessere. La tecnologia moderna, può essere meravigliosa, ma può facilmente distrarci e sconnetterci dai momenti speciali che trascorriamo con gli amici e la famiglia”.

Dwyer e colleghi hanno condotto due studi, tra cui un esperimento sul campo all'interno di un ristorante ed un sondaggio.

L'esperimento del ristorante ha coinvolto oltre 300 adulti e studenti universitari a Vancouver. Ai partecipanti è stato chiesto di tenere i telefoni sul tavolo con la suoneria o la vibrazione, o di mettere il silenzioso e poggiarlo in un contenitore durante il pasto.

Pubblicità

Al termine del pasto, i partecipanti hanno compilato un questionario atto a descrivere i loro sentimenti di connessione sociale, divertimento, distrazione e noia, così come la quantità dell'uso del telefono e cosa hanno fatto sui propri cellulari durante il pasto.

I risultati dello studio mostrano che le persone che accedevano continuamente al telefono durante l'esperimento non solo li usavano di più di quelli che avevano posato il cellulare, ma riferivano di sentirsi più distratti e di aver goduto meno di quel momento di condivisione.

La parte di indagine/sondaggio della ricerca ha incluso oltre 120 partecipanti dell'Università della Virginia. I partecipanti sono stati intervistati cinque volte al giorno per una settimana.

Gli è stato chiesto di riferire come si sentivano e cosa stavano facendo nei 15 minuti prima di completare il sondaggio.

I risultati hanno mostrato che le persone hanno riferito di sentirsi più distratte durante le interazioni faccia a faccia quando utilizzavano il cellulare rispetto alle interazioni vis-a-vis in cui non utilizzavano lo smartphone.

Gli studenti hanno anche affermato di provare meno piacere e interesse nelle loro interazioni quando utilizzavano il telefono.

I risultati del sondaggio sono stati particolarmente notevoli a causa degli effetti negativi dell'uso del telefono tra gli studenti universitari, che sono comunemente noti come nativi digitali”, ha affermato Elizabeth Dunn, co-autrice dello studio.

Pensavamo che questa generazione sarebbe stata più abile nel multitasking tra l'uso dei telefoni e l'interazione con gli altri, ma abbiamo scoperto che anche livelli moderati di utilizzo del telefono hanno minato i vantaggi di interagire con gli altri”.

Un altro studio presentato nella stessa sessione ha rilevato che le persone compassionevoli trascorrono meno tempo sui social media rispetto alle persone che sono più egocentriche e narcisiste.

Lo studio ha anche scoperto che le persone con intelligenza emotiva inferiore o che hanno difficoltà nell'individuare, descrivere ed elaborare le proprie emozioni, usano i social media più spesso di quelli che sono più in contatto con i loro sentimenti.

Le persone che sono a disagio con le proprie emozioni e quelle degli altri potrebbero sentirsi più a suo agio nel mondo online”, ha riferito Sara Konrath, dell'Università dell'Indiana.

Pensiamo che possano preferire interazioni basate sul testo che consentano loro più tempo per elaborare informazioni sociali ed emotive”.

Pubblicità

Questo studio si è basato su ricerche precedenti che hanno dimostrato che ad utilizzare maggiormente i social media sono individui con tratti narcisistici della personalità.

La Konrath ed i suoi colleghi hanno analizzato i dati di 4 studi su oltre 1.200 partecipanti adulti e utilizzato scale psicometriche esistenti per valutare il grado di narcisismo, empatia, intelligenza emotiva e riconoscimento delle emozioni.

Gli studi hanno anche posto domande su quanto spesso i partecipanti hanno controllato e pubblicato post su Facebook, Instagram e Twitter.

Le persone più empatiche hanno usato Twitter meno frequentemente di quelle che non erano così premurose e compassionevoli verso gli altri, hanno osservato i ricercatori.

Inoltre, secondo le scoperte dello studio, le persone che erano più propense a vedere il mondo dal punto di vista di un altro non passavano così tanto tempo su Facebook e Instagram.

Lo studio ha anche scoperto che le persone che hanno ottenuto un punteggio elevato nel test dell'empatia utilizzavano Twitter e Facebook molto poco.

Viceversa, persone narcisiste e coloro che si sentono sopraffatti dalle esperienze emotive degli altri hanno trascorso più tempo su tutti e tre i social media.

Essere emotivamente più intelligenti ed empatici fa sì che le persone evitino i social media, o che le persone con meno empatia siano più attratte da esso? Potrebbe anche essere l'opposto: forse l'uso frequente dei social media può compromettere l'empatia e l'intelligenza emotiva”, ha affermato la Konrath.

Non possiamo determinare la causalità con questo studio. Abbiamo bisogno di più ricerche per capire meglio come la tecnologia digitale online influisce sulle persone, nel bene e nel male”.

Altre ricerche presentate hanno scoperto che i pre-adolescenti sono diventati più bravi a leggere i segnali non verbali dei loro coetanei dopo cinque giorni senza cellulare, ed i partecipanti all'università si sono sentiti maggiormente connessi con i loro amici durante le interazioni faccia a faccia rispetto alle video-audio Chat o la messaggistica istantanea.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

 
 
 

Tags: relazioni sociali mondo digitale digitale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni