Pubblicità

Le nuove relazioni sui social: l'orbiting

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 372 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

L'orbiting è il nuovo fenomeno giovanile in cui vengono interrotte tutte le comunicazione dirette e significative con una persona che non ci interessa più ma si continua a mantenere un'interazione superficiale attraverso i social media "orbitandole" intorno continuando ad "osservare" la sua vita.

Le nuove relazioni sui social orbitingMegan è una ragazza di 26 anni che iniziò a uscire con un ragazzo l'anno precedente dopo averlo conosciuto attraverso degli amici in comune (online).

Uscirono a cena e trascorsero del tempo insieme. Andò persino a casa con lui un fine settimana, dove incontrò suo padre e gli amici di lui.

Mi sembrava troppo per l'inizio di una relazione”, ha riferito Megan, il cui cognome è stato omesso per proteggere la sua privacy.

Quando Megan si spostò per lavoro, si sentirono per organizzare un nuovo incontro al suo ritorno, ma, al rientro di Megan, seguì solo il silenzio.

Quella fu la loro ultima conversazione. Non sono mai più usciti insieme, anche se si incontrarono in diversi bar nei mesi successivi.

A distanza di un anno, questo ragazzo continua a guardare le sue storie su Instagram e Snapchat.

Questo fenomeno - in cui una persona interrompe tutte le comunicazione dirette e significative, ma continua a interagire tramite i social – è comune nel panorama degli appuntamenti di oggi.

Probabilmente non commenta le vostre foto o invia un messaggio, ma guarda tutte le vostre Instagram Stories, condivide i vostri tweet, guarda le vostre foto su Facebook esprimendo un “like”, nel tentativo di mantenere un'interazione seppur superficiale.

Pubblicità

La scrittrice Anna Iovine ha denominato questa tendenza, legata alle relazioni moderne, con il termine “Orbiting”, che appunta significa orbitare intorno alla persona.

Nell'articolo pubblicato su Man-Repeller, Iovine ricorda una confusa situazione personale, non molto diversa da quella di Megan.

Incontrò un uomo conosciuto su Tinder, che chiamerà Tyler e con il quale uscì per ben due volte. Assunse che era finita, quando Tyler smise di rispondere ai suoi messaggi di testo, dopo il secondo appuntamento.

Tuttavia notò che guardava tutte le sue storie su Instagram - e di solito era una delle prime persone a farlo.

Più descrivevo il comportamento di Tyler agli amici, più mi rendevo conto di quanto fosse comune questo genere di cose”, ha scritto Iovine. “L'ho soprannominato Orbiting durante una conversazione con una collega, mentre descriveva poeticamente questo fenomeno, come un ex pretendente che ti teneva nella sua orbita - abbastanza vicino da vedersi; abbastanza lontano da non parlare mai”.

Molti hanno obiettato alla definizione fornita da Iovine, in quanto la trovano troppo simile al “Ghosting” già esistente.

Iovine, tuttavia, sostiene che vi è una chiara differenza, e tutto si riduce ai social media. Il termine ghosting è diventato popolare negli ultimi 5-6 anni, ma la pratica in sé non è una novità: le persone si frequentano e poi spariscono senza lasciare traccia per decenni.

Orbitare, tuttavia, è diventato possibile solo nell'era di Facebook, Twitter, Instagram e Snapchat.

Non solo è fastidioso essere orbitati - voglio dire, se sei così interessato a ciò che sto facendo, perchè ignori i miei messaggi? - ma la presenza incombente di un precedente interesse può anche essere sconcertante”.

La possibilità di chiudere consensualmente la frequentazione, rimanendo amici, sarebbe diverso, più nella norma. Interrompere la comunicazione all'improvviso, guardando sempre le storie e occasionalmente mettere like ai post è ciò che caratterizza l'orbiting.

Pertanto, perchè le persone interrompono bruscamente la comunicazione, ma poi trovano il tempo di seguire ed impegnarsi attivamente nel monitorare ogni loro mossa sui social media?

Lo psicologo Ryan Howes, ha dichiarato che l'ambivalenza potrebbe svolgere un ruolo cruciale.

E' raro incontrare qualcuno che sia perfetto o orribile al 100%. Di solito godiamo di alcune parti di esso e sentiamo che altre parti non sono perfettamente in linea con le nostre”, ha affermato Howes. “Probabilmente la comunicazione si interrompe a causa di queste differenze, ma senti il bisogno di continuare a osservare la loro vita perchè ti chiedi se hai commesso l'errore di chiudere troppo in fretta”.

La mia convinzione è che l'orbiting sia mosso dal timore di aver preso o meno la decisione giusta” , ha proseguito Howes.

Pubblicità

“Era una buona scelta o te ne pentirai? L'orbita li tiene in contatto nel caso in cui trovino un motivo eccezionale per tornare alla riscossa. Ma serve soprattutto come conferma che hanno preso la decisione giusta o come modo per pentirsene amaramente”.

Uscire con delle persone che si incontrano online non è atipico, ma il ghosting e l'orbiting non rappresentano la risposta. Mi piacerebbe pensare ce queste cose esistano perchè le persone cono intrinsecamente buone e quindi non vogliono causare dolore a qualcuno rifiutandole. Ma alla fine della giornata, il rifiuto sarà meno doloroso di sparire improvvisamente e continuare a mostrare un 'interesse' costante per post e storie”, ha concluso Anna Iovine.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: adolescenza relazioni social media orbiting

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni