Pubblicità

Leonardo da Vinci soffriva di dislessia?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 404 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Alcuni ricercatori sostengono che la probabile dislessia di Leonardo da Vinci potrebbe aver contribuito alla creatività e alle capacità artistiche di uno degli uomini più famosi del Rinascimento.

Leonardo da Vinci soffriva di dislessiaPoco più di un mese fa è stato il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci. Questa ricorrenza ha stimolato la rivisitazione della vita di un uomo considerato da molti la persona più creativa di sempre.

È infatti annoverato come uno degli artisti più leggendari, inventore e pensatore fuori dagli schemi della storia.

Alcuni ricercatori sostengono che la probabile dislessia di Leonardo da Vinci potrebbe aver contribuito alla creatività e alle capacità artistiche di uno degli uomini più famosi del Rinascimento.

La dislessia è probabilmente una delle cose che ha reso così creativo da Vinci. Lo ha reso Leonardo”, afferma Salvatore Mangione, Docente presso il dipartimento di Medicina dell'Università di Sidney.

La dislessia è un disturbo dell'apprendimento che colpisce circa il 20% della popolazione. La presenza di tale disturbo influisce sulla capacità di leggere, scrivere e parlare. I bambini affetti da tale disturbo sono spesso intelligenti e laboriosi, ma hanno difficoltà a collegare le lettere che vedono ai suoi di quelle lettere.

La condizione spesso influisce sulla capacità di una persona di apprezzare i singoli suoni di una lingua. Di conseguenza, le persone con dislessia hanno difficoltà ad apprendere foneticamente, ed è per tale motivo che ne risultano influenzate la lettura, la scrittura e l'ortografia.

Tuttavia, “la possibilità che da Vinci possa essere stato dislessico dimostra che ciò che la società considera una disabilità, potrebbe invece essere stato un regalo per Leonardo”, prosegue il Dottor Mangione.

In effetti, la ricerca mostra che le persone con dislessia sono altamente creative.

Pubblicità

Le persone hanno cercato di capire cosa ha reso così geniale Leonardo”, dice Mangione. “Sfortunatamente, l'uomo non ci ha detto molto di sè”.

Tuttavia, una cosa che i ricercatori sanno è che l'uomo del Rinascimento non andava bene a scuola.

Il suo primissimo biografo su disco - Giorgio Vasari - attribuisce il mediocre curriculum accademico di Da Vinci a uno “scarabocchiare”.

Vasari suggerì che da Vinci avrebbe potuto fare meglio a scuola se avesse prestato più attenzione alle sue lettere piuttosto che cedere alla distrazione dle disegno.

Mangione trovò intrigante la mancanza di abilità accademica da parte di Leonardo da Vinci.

Suggerisce la possibilità di dislessia”, afferma. Un altro accenno al fatto che Leonardo possa essere stato dislessico è che era un terribile 'scrittore'.

Leonardo aveva nove modi diversi di scrivere la stessa parola”, e in effetti gli errori di ortografia sono presenti in molti dei suoi taccuini.

Da Vinci aveva anche l'abitudine di creare nuove parole che sembravano le stesse parole. Ad esempio, avrebbe scritto la parola “rane” al posto di “pioggia”. Quasi la metà degli errori ortografici di da Vinci sono in effetti non parole omofone.

Una recente analisi di sei ritratti del volto di Leonardo in dipinti, disegni e sculture ha suggerito che da Vinci avrebbe potuto avere anche occhi disallineati.

Se gli occhi non sono completamente allineati, una condizione nota come strabismo, la visione 3D è impossibile.

Questo disallineamento costringe il cervello a usare un occhio più dell'altro e, di conseguenza, produce una visione 2D.

La cosa divertente di avere una visione 2D è che ti rende un artista visivo molto più talentuoso”, prosegue l'autore.

In effetti, le classi di disegno introduttivo spesso consigliano agli studenti di chiudere un occhio per aiutare a tradurre un oggetto tridimensionale sulla pagina 2D.

Quindi, “la condizione si presta all'abilità nell'arte visiva ma è anche associata alla dislessia”, afferma Mangione.

Pubblicità

La consapevolezza che da Vinci potrebbe essere stato dislessico fa luce sull'artista e sulla condizione.

La possibilità che da Vinci avesse la dislessia, che non potremo mai sapere veramente, illumina quanto sia complessa e mal compresa la condizione”, ha proseguito l'autore.

Viviamo in una società in cui il verbale trionfa sul visivo”, secondo Mangione, e questo può portare a idee sbagliate su persone con differenze di apprendimento come la dislessia che hanno conseguenze durature.

I bambini che hanno difficoltà a leggere, riferiscono di sentirsi arrabbiati, distratti e impopolari. Al liceo, sono due volte e mezzo più propensi ad abbandonare gli studenti che non hanno difficoltà di lettura.

Tuttavia, la ricerca mostra che le persone con dislessia sono pensatori intelligenti, creativi e intraprendenti che attingono a diverse parti del loro cervello per leggere rispetto ai lettori tipici.

Quindi non etichettiamo questi bambini e li penalizziamo per aver effettivamente un cervello diverso”, dice Mangione.

Per Da Vinci, la condizione potrebbe essere stata effettivamente un regalo.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: Dislessia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

News Letters

0
condivisioni