Pubblicità

Madre e matrigna: da sempre è litigio

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 4238 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Non è un segreto che le madri di famiglia hanno un rapporto difficile e conflittuale con le matrigne

madre e matrigna litiganoFilm, spettacoli televisivi e riviste di gossip sono intrisi di odio reciproco e situazioni di tensione, gelosia o vendetta tra le madri e le matrigne.

Se davvero i rapporti sono così pessimi, ci sono dei modi per migliorarli?
L'obiettivo comune di una madre e di una matrigna dovrebbe essere quello di ridurre la tensione che c'è tra loro, aumentando la comunicazione e migliorando complessivamente la loro relazione.

Magari nella fase iniziale del rapporto, sia la madre che la matrigna potrebbero seguire i seguenti consigli al fine di salvaguardarlo.

Stabilisci il tuo ruolo

Prendersi del tempo per capire il potere che sta dietro ogni donna e le proprie prospettive uniche è il primo passo per ottimizzare il rapporto.
Condividere le responsabilità genitoriali con un'altra donna è abbastanza ostile, considerando anche il fatto che non la si conosce e non si è scelto di averla accanto per il resto della propria vita; ma bisogna accettare questa realtà e comprendere anche il punto di vista dell'altra, agendo così in modo più empatico.

Ricorda che ognuno ha i suoi difetti

Dopo aver capito che genere di persona si ha di fronte, si può acquisire maggior consapevolezza del proprio ruolo.
Bisognerebbe riflettere onestamente sulla correttezza delle proprie azioni ed i propri pensieri, anche se è difficile, evitando di criticare tutto dell'altra persona (dai vestiti al suo gusto per la musica) perchè non aiuta a migliorarsi.

Rifletti sui vantaggi

Un rapporto sano può aiutarti a risolvere facilmente le incomprensioni e i conflitti, creando una famiglia più sana per i figli. In aggiunta c'è il vantaggio che si riduce anche la tensione, migliorando la comunicazione e la vita dei bambini dentro e fuori casa.

Agisci dentro e fuori

Quando si ha un rapporto difficile, all'inzio anche un  piccolo gesto può sembrare come una corsa di maratona.
Mantenere i contatti o intrattenere una conversazione amichevole tra madre e matrigna può sembrare un'impresa in quanto a volte, ad essere onesti, è più facile odiare qualcuno che non si sopporta o è uno scomodo piuttosto che ricredersi e vederlo sotto una luce diversa. Tale cambiamento interiore, una predisposizione alla comprensione, è necessario per fare anche cambiamenti esteriori.

COLLABORA ALLEGGERENDO IL CARICO ALL'ALTRA

La disponibilità a comunicare consente di lavorare insieme. Questa dovrebbe essere la regola di base per creare un contesto coerente: la matrigna chiama la mamma per un suo parere in una situazione particolare ed entrambe si aiuteranno reciprocamente durante i periodi di stress.
Pertanto la sana collaborazione aiuta non solo i bambini nello stabilire delle regole chiare e le loro aspettative, ma anche i genitori nell'affrontare problemi e difficoltà eventuali.

Essere responsabili senza incolpare l'altra

Assumersi la responsabilità per gli errori commessi è il segreto che permetterà di riparare un rapporto danneggiato facendolo risanare. La capacità di riconoscere i vostri errori aiuterà a coltivare la vostra crescita personale, evitando le stesse situazioni in futuro.

Comunica perchè non puoi leggere la mente dell'altra

Bisogna dipenticare il potere comunicativo volto all'ostilità o alla critica, ricordando che le parole che riferiscono un senso di neutralità ed apertura otterranno risultati differenti.
Quando ci sono due case che lavorano insieme per investire sul benessere dei bambini, questi avranno successo.  Sicuramente la comunicazione è ancora più importante in presenza di difficoltà maggiori, come ad esempio problemi di salute mentale o scolastici.

Sii riconoscente al miglioramernto

La creazione di un rapporto positivo tra la mamma e la matrigna nella vita di un figlio può essere molto difficile e la strada può essere lunga.
Ma durante i periodi di sconforto, è importante riconoscere tutto il lavoro che è stato fatto e le modifiche apportate fino a questo punto. Ci sarà sempre più lavoro da fare, ma riconoscendo i successi si può trarre forza per continuare il viaggio.

In qualsiasi momento è primavera!

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: collaborazione madre rapporto conflittuale vantaggi odio ruolo gelosia comunicazione miglioramento matrigna litgio tensione vendetta difetti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni