Pubblicità

Miti sulla terapia di coppia

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 466 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La terapia di coppia può essere vista in modo negativo e alcune idee comuni non aiutano a vederla nella giusta luce.

miti terapia di coppiaSe dovessi chiederti cosa pensi nell'andare in terapia di coppia, quale sarebbe la tua reazione? Forse ti sentiresti impaziente, desideroso o sollevato dall'idea. In tal caso, non saresti sicuramente l'unico a sentirti in quel modo. Ma se ti ritrovassi a ridere dell'idea, o a sentirti a disagio, indeciso, imbarazzato o titubante, per citare solo alcune risposte, anche questo avrebbe molto senso. La prospettiva di andare in terapia di coppia può essere intimidatoria e ci sono diverse ragioni per questo. Per qualcuno, la terapia di coppia comporta vulnerabilità. Immagina di sederti fianco a fianco con il tuo partner mentre racconti i dettagli più intimi della tua vita e della tua relazione, con uno sconosciuto.

Un altro motivo è il quadro mentale desolato ad esso associato. La terapia di coppia ha una brutta reputazione, è vista come il luogo in cui le relazioni vanno a morire, quindi prendere una decisione per contattare un terapeuta di coppia può sembrare un'ammissione che la relazione è alle sue battute finali. Per alcune persone, la terapia di coppia viene vista come una tana del leone, sono caute nell'andarci perché si aspettano che il loro partner o il terapeuta (o entrambi) li vedano come l'unico problema nella relazione così da apparire "quello cattivo".

Inoltre, c'è un senso di inadeguatezza e di vergogna che può sorgere in alcune coppie che si criticano per non essere in grado di risolvere un problema da soli. Altre persone provano un senso di inutilità quando pensano alla terapia di coppia, poiché la loro incapacità di cambiare le dinamiche della loro relazione sembra un segno che la terapia di coppia non potrebbe eventualmente aiutarli.

Tutto sommato, è facilmente comprensibile il motivo per cui le persone non hanno molta fretta di provare la terapia di coppia. In questo articolo, daremo uno sguardo ad alcuni dei miti che circondano la terapia di coppia e proveremo a farli crollare.

"affinché le persone vadano in terapia di coppia, Il divorzio o la rottura della relazione devono essere l'ultima spiaggia".

Le coppie hanno vari motivi per andare in terapia. È vero, alcuni partner si stanno per lasciare quando incontrano un terapeuta. In effetti, ci sono coppie che lavoreranno con un terapeuta per terminare la loro relazione in modo efficace. Per le altre coppie in terapia, uno o entrambi i partner non si sentono sicuri e non sanno se vogliono che la relazione continui. In uno studio, questo è stato il caso di circa il 20% delle coppie. In un altro studio, il 14% delle coppie ha iniziato la terapia per capire se potevano salvare la relazione o se avrebbero dovuto separarsi. Questi sono motivi validi e significativi per cercare una terapia di coppia.

Pubblicità

Una miriade di altre coppie varca la porta per ragioni diverse, ma ugualmente valide. Ad esempio, un team di ricercatori ha scoperto che circa il 46% delle coppie voleva gestire meglio i conflitti, il 30% voleva ripristinare il proprio legame e il 25% delle coppie sentiva di stare bene e voleva solo migliorare una parte della loro relazione.

Allo stesso modo, un altro gruppo di ricercatori ha scoperto che il 57% delle coppie sperava di aumentare la vicinanza o i sentimenti reciproci e la stessa proporzione voleva migliorare il modo in cui interagiscono e parlano. Inoltre, il 32% voleva affrontare i problemi con i propri figli, il 28% cercava di migliorare la propria connessione a livello fisico, il 15% era motivato dalla passione per il proprio partner e il 10% voleva concentrarsi sul mantenimento dei punti di forza nella propria relazione.

Ciò che questa ricerca ci dice è che non solo le coppie hanno diverse ragioni per cercare una terapia, ma ci sono anche persone che la vedono come un modo per rafforzare la loro relazione ed essere dei migliori partner. In altre parole, non c'è bisogno che le relazioni siano in grave pericolo o abbiano problemi significativi affinchè i partner desiderino provare la terapia di coppia.

"Se vado in terapia di coppia, verrei solo incolpato e attaccato verbalmente. No grazie."

Anche se non posso letteralmente garantire che ciò non accada, posso dirti che non dovrebbe accadere. Ciò non consentirà a entrambi i partner di avere un senso di sicurezza nella stanza.  È importante che le coppie sentano di avere un caloroso legame terapeutico con il loro clinico, non solo per il proprio beneficio, ma per il beneficio della loro relazione.

La ricerca suggerisce che quando le coppie hanno una connessione più forte con il loro terapeuta, ciò prevede un miglioramento nella loro relazione. In altre parole, anche se il tuo terapeuta potrebbe non essere necessariamente d'accordo con te e potrebbe chiedere a te e al tuo partner di apportare modifiche, dovreste sentirvi ascoltati e supportati, non assaliti o trattati verbalmente come "il cattivo nella relazione".

"Non dovremmo andare in una terapia di coppia. Dovremmo essere in grado di risolvere il problema da soli."

La scelta di chiedere aiuto è un trionfo della propria forza. Può essere difficile da raggiungere piuttosto che avanzare e andare da soli, soprattutto per le coppie che sentono di essere in grado di migliorare ciò che li disturba senza alcun aiuto esterno. Una sfida con l'idea che le coppie dovrebbero affrontare i problemi di relazione da soli è che non si associa a come funzionano le relazioni umane.

Ad esempio, non tutte le dinamiche relazionali sono chiare ed evidenti, specialmente per le persone che si trovano all'interno della relazione, quindi a volte ciò che sembra essere il problema non è il problema reale. È un po 'come combattere un pugile invisibile. In che modo le coppie dovrebbero affrontare correttamente la situazione quando non riescono a vederla, per colpa loro? Un terapeuta di coppia, qualcuno che ha una visione al di fuori della relazione, può aiutare le coppie a vedere la loro relazione da una prospettiva diversa e interagire in un modo nuovo.

Pubblicità

Un'altra sfida con questa nozione è che non si associa ad altri tipi di cure che noi umani riceviamo. Quanti di noi hanno cercato aiuto, senza batter ciglio, da un medico, un nutrizionista, un personal trainer o un allenatore? Non pensiamo sempre che dovremmo essere in grado di allenarci, mangiare bene, migliorare le nostre carriere o prenderci cura della nostra salute da soli. Le relazioni dovrebbero essere diverse?

“Perché andare in terapia di coppia? Non funzionerà."

Quando i partner hanno provato e riprovato a migliorare la loro relazione e nulla ha funzionato, ha senso un cumulo di scetticismo sul fatto che la terapia di coppia possa funzionare. E in tutta onestà, non c'è modo di garantire che una relazione migliorerà. Fa parte del rischio: le cose potrebbero non migliorare.

Allo stesso tempo, a volte il motivo per cui i partner non possono immaginare come la loro relazione potrebbe cambiare è perché non si sono imbattuti in ciò che funziona, non perché la loro situazione è irreparabile. Tuttavia ci sono approcci che funzionano, come la terapia emotiva focalizzata (EFT), che ha un forte sostegno dalla ricerca scientifica. Quindi, anche se è possibile che la terapia di coppia possa non aiutare, alla fine potrebbe sorprendere i partner su quanto in realtà possa fare la differenza.

Certo, è perfettamente giusto decidere che la terapia di coppia non sembra convincente, interessante o pertinente. Ma per quelle coppie che potrebbero provarla o no, a causa di alcuni degli ostacoli di cui abbiamo parlato, spero che questo articolo offra un piccolo aiuto per affrontare quelle barriere scoraggianti che i partner a volte vedono sul loro cammino.


Riferimenti bilbiografici

  • Doss, B. D., Simpson, L. E., & Christensen, A. (2004). Why do couples seek marital therapy? Professional Psychology: Research and Practice, 35(6), 608-614. https://dx.doi.org/10.1037/0735-7028.35.6.608
  • Knobloch-Fedders, L. M., Pinsof, W. M., & Mann, B. J. (2007). Therapeutic alliance and treatment progress in couple psychotherapy. Journal of Marital and Family Therapy, 33(2), 245-257. https://dx.doi.org/10.1111/j.1752-0606.2007.00019.x
  • Tremblay, N., Wright, J., Mamodhoussen, S., McDuff, P., & Sabourin, S. (2008). Refining therapeutic mandates in couple therapy outcome research: A feasibility study. American Journal of Family Therapy, 36(2), 137-148. https://dx.doi.org/10.1080/01926180701236175

 

(Articolo a cura del dottor Andrea di Maio)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




Tags: falsi miti terapia di coppia per saperne di più

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni