Pubblicità

Mix di emozioni? Non è indecisione

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 3385 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Vivere emozioni contrastanti testimonia l'esistenza di una complessità emotiva, non è sintomo di confusione

Emozioni insiemePrecedenti studi hanno sostenuto che una complessità emotiva ridotta è associata ad una diminuzione della capacità di controllare le proprie emozioni e ad una maggiore probabilità di sviluppare la depressione.

Invece secondo Igor Grossmann - professore di Psicologia a Waterloo e autore principale di un progetto che ha esaminato come 16 culture differenti interpretano in modo diverso specifiche situazioni - i paesi occidentali vivono i sentimenti contrastanti come indesiderati, quasi "insipidi". In realtà, è stato scoperto che sia gli abitanti di paesi occidentali che non, aventi sentimenti contrastanti, sono in grado di differenziare meglio i loro sentimenti e vivere la vita in modo emotivamente ricco ed equilibrato.

La sua ricerca indica che le persone che vivono in civiltà fortemente indipendenti ed autonome - come il Canada, gli Stati Uniti, l'Australia o la Gran Bretagna - sono meno complesse emotivamente di quelle che appartengono ad altre culture che pongono maggiore enfasi sui sentimenti del dovere e dei legami familiari. Difatti gli abitanti dell'Asia e della Russia, che hanno sviluppato un maggior senso della collettività, hanno espresso emozioni molto più complesse; mentre l'Europa Occidentale e il Sud Africa sono nel mezzo dei suddetti estremi.

Le culture orientate verso l'altro sono più propense ad esprimere la complessità emotiva, perché sono in grado di accettare prospettive diverse. Ad esempio, una perdita del posto di lavoro si potrebbe concepire sia come un'esperienza deludente, ma anche come un'interessante opportunità per trascorrere più tempo con la famiglia oppure sperimentare qualcosa di nuovo. Invece se si è orientati verso la realizzazione personale è più probabile che tale situazione venga interpretata solo in chiave negativa.

Pubblicità

Questo progetto ha coinvolto tre studi. In uno studio è stato usato uno strumento di analisi del testo per misurare la prevalenza di espressioni emotive miste su 1,3 milioni di siti web in lingua inglese e blog. Gli altri due studi, invece, si sono concentrati sui modi con cui le persone riferiscono le loro emozioni attraverso una serie di esperienze quotidiane, esaminando se esprimono sentimenti contrastanti e differenziano le esperienze in positive e negative.

Secondo Grossmann e sulla base dei risultati rilevati dal auo progetto, il grado in cui una cultura promuove la collettività rispetto all'indipendenza dalle altre persone è positivamente associato con la presenza di complessità emotiva. Inoltre, gli individui che si relazionano con l'altro e promuovono una cultura orientata alla collettività, hanno mostrato una maggiore complessità emotiva a livello individuale.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione ed Adattamento a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: depressione emozioni indecisione confusione sintomo sentimenti mix complessità emotiva Igor Grossmann paesi occidentali culture indipendenza livello individuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

News Letters

0
condivisioni