Pubblicità

Non percepire le emozioni sul proprio corpo spesso porta all'autolesionismo.

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1054 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Alla base dell'autolesionismo, così come afferma un recente studio condotto dalla Swansea University, potrebbe esserci una scarsa capacità di percepire e decifrare i segnali fisici delle proprie emozioni.

Non percepire le emozioni sul proprio corpo spesso porta allautolesionismo

Alcuni individui possono avere difficoltà nel comprendere gli indicatori fisici delle emozioni all'interno del proprio corpo e, di conseguenza, avere maggiori difficoltà nell'essere consapevoli delle emozioni che stanno vivendo. La capacità di leggere correttamente gli imput fisici delle emozioni è nota come interocezione o capacità interocettiva.

L'autolesionismo è un comportamento volontario volto a danneggiare intenzionalmente se stessi ed il proprio corpoed è una modalità adottata nel tentativo di ridurre lo stress emotivo.

A livello psicologico , i fenomeni di autolesionismo si verificano perchè gli individui, in particolare adolescenti e giovani adulti, hanno difficoltà a interpretare ed esprimere dei sentimenti che sentono in modo schiacciante.

In termini più specifici, i soggetti autolesionisti mostrano scarsa abilità "interocettiva", ossia una difficoltà a percepire i segnali fisici dell'emozione.

Questo è quanto trovato anche da Hayley Young e i suoi colleghi: chi soffre di autolesionismo sembra effettivamente avere anche scarse capacità interocettive, e quest'ultimo aspetto sembra concorrere al comportamento autolesivo come a molti altri disturbi mentali.

Secondo gli autori, se un individuo fatica a leggere correttamente i segnali fisici dell'emozione, allora l'autolesionismo potrebbe avere la funzione di generare un input corporeo più forte nella loro esperienza emotiva.

A tal proposito, i ricercatori hanno condotto tre studi correlati utilizzando un campione composto da più di 300 partecipanti giovani adulti, per lo più donne.

Nei primi studi, i ricercatori hanno cercato collegamenti tra autolesionismo e fattori self-report, come difficoltà percepite nell'identificazione e nella descrizione delle emozioni.

Nello studio finale, l'abilità interocettiva è stata misurata usando un metodo standard in cui una persona deve contare i battiti del proprio cuore per un certo periodo di tempo.

Pubblicità

Nel complesso, i risultati hanno rivelato che i partecipanti con una storia di autolesionismo erano caratterizzati da “una difficoltà nel distinguere e interpretare i segnali interocettivi”.

I partecipanti che praticavano autolesionismo hanno riferito di essere più consapevoli di altri rispetto alle sensazioni corporee generali, ma tendevano a mostrare un peggioramento nel test di accuratezza interocettiva.

Secondo i ricercatori, la bassa consapevolezza interocettiva può essere considerata la base biologica per “l'assenza di affettività” e “distacco” in coloro che praticano l'autolesionismo.

Una bassa accuratezza interocettiva può anche contribuire all'autolesionismo nel guidare l'individuo a manipolare il modo in cui il corpo contribuisce all'esperienza emotiva.

Una funzione dell'autolesionismo “potrebbe essere quella di risolvere uno stato di incertezza interocettiva ed emotiva – potrebbe servire ad ingannare il ruolo del corpo nell'esperienza emotiva e fornire chiarezza su ciò che si sente”, affermano i ricercatori.

Le nuove scoperte si aggiungono alla ricerca passata che ha collegato l'interocezione superiore a un funzionamento emotivo migliore, tra cui l'esperienza di emozioni più sfumate.

Viceversa, una scarsa interocezione è stata associata a una vasta gamma di problemi di salute mentale, tra cui depressione e schizofrenia.

Young e il suo team hanno aggiunto che la loro ricerca suggerisce un percorso per nuovi interventi, il cui obiettivo è migliorare la focalizzazione di sè.

In effetti, altri gruppi di ricercatori stanno attivamente lavorando su trattamenti che possano migliorare l'accuratezza interocettiva delle persone.

Sarah Gafinkel dell'Università del Sussex e il suo team stanno sperimentando proprio questo tipo di trattamento per le persone con autismo, in cui l'assente o scarsa interocezione è relativamente comune nelle persone con tale disturbo.

Uno studio pilota su persone sane, che implicava il chiedere di contare i battiti del cuore e dare loro un feedback su quando bene stavano facendo, ha portato a miglioramenti nella precisione interocettiva e nella riduzione dell'ansia.

Questa ricerca sul trattamento è ancora in corso, ma in teoria potrebbe essere d'aiuto anche in altre condizioni psicopatologiche.

 

di Lucia Cialone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: emozioni corpo autolesionismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni