Pubblicità

Quali fattori influenzano la nostra memoria?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 107 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio suggerisce che i fattori che influenzano la nostra memoria e il modo in cui i ricordiamo le cose includono il genere, la personalità e le strategie utilizzate per moderare i sentimenti.

Quali fattori influenzano la nostra memoriaTutto quello che viviamo quotidianamente viene elaborato e immagazzinato sotto forma di ricordi emotivi. Alcuni di questi sono positivi, mentre altri, negativi, sono quelli che preferiremmo dimenticare.

Stiamo osservando tratti che sono associati al modo in cui le persone elaborano il mondo emotivo e il modo in cui rispondono ad esso”, ha dichiarato il Professor Florin Dolcos, Docente di psicologia all'Università dell'Illinois.

Volevamo guardare non solo a come i tratti della personalità potrebbero influenzare come la gente ricorda, ma anche a esaminare come ciò influisce sul loro successivo stato emotivo”.

Precedenti studi della personalità e il suo rapporto con la memoria autobiografica tendono a concentrarsi solo sulle donne e solo su ricordi negativi. I ricercatori sono stati attratti dalle donne perché hanno maggiori probabilità di ricevere diagnosi legate all'umore come ansia o depressione, che sono associati ad una maggiore attenzione alle emozioni negative.

Il team di ricerca ha scoperto che gli individui con un forte comportamento nevrotico, ossia la tendenza a concentrarsi sulle emozioni negative, in particolare nei momenti di stress, sono anche più predisposte a sviluppare un disturbo affettivo come la depressione e i problemi legati all'ansia.

Tuttavia, ricerche precedenti non hanno esaminato le differenze tra uomini e donne, la relazione tra memorie positive e negative, la frequenza con cui gli individui richiamano memorie specifiche e la vividezza dei loro ricordi.

Pubblicità

Né la maggior parte di tali studi ha esaminato le strategie che le persone usano per regolare le proprie emozioni quando richiamano alla mente ricordi autobiografici positivi e negativi.

Tali strategie includono la soppressione (cercando di smussare o nascondere le emozioni negative) e la rivalutazione (cercando di adottare una nuova prospettiva su ricordi spiacevoli).

Nel presente studio, Dolcos e colleghi hanno esaminato tutte queste variabili con risultati che suggeriscono una complessa interazione di fattori che contribuiscono all'umore in giovani uomini e donne in buona salute.

I ricercatori hanno utilizzato questionari e segnali verbali per valutare la personalità e per ottenere più di 100 memorie autobiografiche in ciascuno dei 71 partecipanti, di cui 38 donne e 33 uomini.

Gli investigatori hanno appreso che sia gli uomini che le donne ad alto tasso di estroversione - socievole, assertiva, in cerca di stimoli - tendevano a ricordare eventi di vita più positivi che negativi.

Gli uomini con un alto grado di nevroticismo tendevano invece a ricordare una percentuale maggiore di ricordi negativi rispetto agli uomini che avevano punteggi bassi di nevroticismo, mentre le donne ad alto contenuto di nevroticismo tendevano a ritornare agli stessi ricordi negativi ancora e ancora, un processo noto come “ruminazione”.

La ruminazione è associata spesso alla depressione. “Le persone depresse ricordano quei ricordi negativi e di conseguenza di sentono tristi. E come risultato di sentirsi tristi, la tendenza è di avere ricordi più negativi. È una specie di circolo vizioso”, afferma l'autore dello studio.

Sebbene nessuno dei partecipanti allo studio presentasse una diagnosi psichiatrica, sia i partecipanti maschi che quelli della controparte femminile avrebbero avuto verosimilmente un umore inferiore dopo aver ricordato eventi negativi.

In genere, le memorie positive predicavano un umore più positivo, sebbene il collegamento fosse indiretto e influenzato dall'estroversione.

Le differenze più pronunciate tra uomini e donne riguardavano gli effetti delle strategie emotive che utilizzavano quando richiamavano ricordi autobiografici negativi.

Pubblicità

Gli uomini che tendevano a sforzarsi di pensare in modo diverso ai loro ricordi probabilmente richiamavano ricordi più positivi dei loro coetanei, mentre quelli che cercavano di sopprimere le loro risposte emotive negative non presentavano alcun effetto pronunciato sui ricordi, sia positivi che negativi.

Nelle donne, tuttavia, la soppressione era significativamente associata al richiama di ricordi negativi e ad un umore più basso in seguito.

Penso che la cosa più importante qui è che abbiamo davvero bisogno di guardare in modo concomitante alle differenze relative al sesso e alla personalità e riconoscere che questi fattori hanno un impatto diverso sul modo in cui registriamo i nostri ricordi, su ciò che stiamo facendo con i nostri ricordi, e più tardi, come ciò che stiamo facendo con i nostri ricordi sta influenzano il nostro benessere emotivo”, ha affermato la Dottoressa Sanda Dolcos, co-autrice e ricercatrice dello studio.

Le scoperte sono istruttive per uomini e donne. Essere più estroversi, interrompere la ruminazione e ricorrere alla rivalutazione sembra funzionare meglio per entrambi i generi come strategia per affrontare i ricordi negativi e coltivare quelli positivi.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: memoria

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters

0
condivisioni