Pubblicità

Ricerche individuano i neuroni che dicono al cervello quando smettere di bere

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1314 volte

4.5 1 1 1 1 1 Votazione 4.50 (2 Voti)

Attivando particolari neuroni, potremmo essere in grado di influenzare l‘alcolismo

bere alcolNuovi risultati di ua ricerca pubblicati dai ricercatori della "Texas A & M Health Science Center College of Medicine sulla rivista Biological Psychiatry", rivelano che attivando particolari tipi di neuroni, si potrebbe influenzare il fenomeno dell'  l'alcolismo.

Il consumo eccessivo  di alcool altera la struttura fisica e la funzionale dei neuroni, definiti “spinosi medi”, situati nello striato dorsomediale.

Essenzialmente, le diverse ricerche su tale dipendenze si sono soffermate sull’individuazione di un tipo di neurone, denominato D1, scoprendo che la sua l'attivazione  genera nel soggetto, il quale fa uso di sostanze alcoliche, il desiderio di continuare a bere.

Questi neuroni sono simili ad un  albero con molti rami e molte piccole sporgenze o spine fuori di esso. Ogni neurone possiede  due tipi di recettori dopaminici D1 o D2.

L’ipotesi di base è che quando si attivano i neuroni  D2,  essi inibiscono il desiderio di continuare a bere un altro drink, scoraggiandone l'azione.

Jun Wang,  Professore presso il "Department of Neuroscience and Experimental Therapeutics at the Texas A&M College of Medicine"sostiene che lo studio su tale recettore  potrà un giorno consentire di mogliorare e prevenire problemi di comportamento legati a tale forma di dipendenza.

Il problema tuttavia, è che anche negli individui non affetti da tale dipendenza, i neuroni D2 tendono a disattivarsi quando si fa "uso" di  troppe bevande alcoliche.

I ricercatori hanno scoperto che nei modelli animali, ripetuti cicli di eccessiva assunzione di alcol, seguiti da astensione ad esso, in realtà cambiano la forza di queste connessioni neuronali, rendendo i segnali D2 meno potenti.

In sostanza, pensando  al comportamento di molti giovani adulti, affetti da tale dipendenza, Wang sostiene che  l'inibizione di questi cosiddetti neuroni 'buoni'  contribuisce a un maggiore consumo di alcol.

Questi risultati forniscono informazioni su un altro meccanismo alla base della malattia complessa dell'  alcolismo.

Pubblicità

La seguente ricerca corrente e le ricerche precedenti sono essenzialmente due facce della stessa medaglia; i neuroni medio spinosi, D1 e D2, hanno essenzialmente ruoli opposti nel consumo di alcol”.

Manipolando l’attività di questi neuroni, i ricercatori sono stati in grado di modificare il comportamento dell’assunzione di alcool in modelli animali che erano stati “addestrati” a ricercare l' alcol. Quanto più i  neuroni D2 saranno  attivati, maggiore sarà  l’effetto di riduzione del consumo di alcolici.

La ricerca è stata sostenuta in parte da una sovvenzione del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA).

Anche se Wang avverte che siamo ancora molto lontani da questa forma di  test negli esseri umani, in teoria, se si potessero usare farmaci o stimolazione elettrica o qualche altro metodo di attivazione di questi cosiddetti neuroni D2, cosidetti “no-go”, allora si  potrebbe  essere in grado di prevenire l’alcolismo, questo come sostiene Wang.
 è l’obiettivo finale.

 

Tratto da Science Daily

 

(Traduzione e adattamento a cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: alcolismo dipendenza neuroni desiderio recettori dopaminergici

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni