Pubblicità

Studiare i disturbi neurologici attraverso i "mini-cervelli"

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 2121 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I “mini-cervelli” umani sostuiranno gli animali nella ricerca sui disturbi neurologici?

mini cervelliI ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health hanno sviluppato dei “mini-brains” (“mini-cervelli”), ovvero sfere di cellule del cervello umano, che, nel giro di 8 settimane, crescono e formano da sole delle strutture simili ad esso.

I ricercatori sostengono che la creazione di questi “mini-brains” potrebbe cambiare, in modo sostanziale, il modo in cui vengono testate l’efficacia e la sicurezza dei nuovi farmaci, riducendo, così, la ricerca sugli animali.

“Il 95% dei farmaci che sembrano essere promettenti quando sono testati sui modelli animali falliscono una volta che sono testati sugli uomini”, ha spiegato il capo dello studio Thomas Hartung. "Anche se gli studi su di essi sono stati utili, noi non siamo topi di 150 libbre. Ed anche se non siamo nemmeno delle sfere di cellule, si potrebbero ottenere informazioni migliori da queste, piuttosto che da gatti e roditori”.

Hartung ed i suoi colleghi hanno creato questi piccoli cervelli usando le cosiddette cellule staminali pluripotenti indotte (iPSCs), ovvero cellule adulte riprogrammate ad uno stato simile a quello della cellula staminale embrionale, che poi vanno a crescere nelle cellule cerebrali.

I “mini-brains” prodotti erano veramente piccoli – circa 350 micrometri di diametro - e potevano essere create centinaia di migliaia di copie esatte per ciascuna partita, confermando il fatto che sono modelli facilmente realizzabili.

Dopo averli coltivati in laboratorio per circa due mesi, essi sviluppavano quattro tipi di neuroni e due tipi di cellule di sostegno, astrociti ed oligodendrociti, il secondo dei quali produceva la mielina, sostanza che isola gli assoni del neurone e permette loro di comunicare più velocemente.

I cervelli mostravano anche un’attività elettrofisiologica spontanea, che poteva essere registrata con degli elettrodi, ed i ricercatori poterono monitorare i cambiamenti nella funzionalità dei neuroni quando venivano aggiunti i farmaci da testare.

Per creare i “mini-brains” sono state usate le cellule prese dalla pelle di diversi adulti che godevano di buona salute, ma Hartung ha precisato che, prelevando queste cellule da persone con certi tratti genetici o certi disturbi, si potrebbero studiare vari tipi di farmaci per la cura di alcune patologie, come, ad esempio, la Malattia di Alzheimer, il Disturbo di Parkinson, la Sclerosi Multipla ed anche l’Autismo.

Attualmente Hartung sta aspettando il brevetto per i “mini-brains” e sta costituendo un ente chiamato “ORGANOME” per produrli perché, a suo parere, “solo quando potremo avere modelli cerebrali come questi in ogni laboratorio in ogni momento saremo capaci di sostituire su larga scala i test sugli animali”.


Tratto da Sciencedaily

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: farmaci cervello neuroni mini brains disturbi neurologici cellule cellule cerebrali astrociti oligodendrociti laboratorio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

News Letters

0
condivisioni