Pubblicità

Il trattamento associato ai cambiamenti neurali nel DBP

0
condivisioni

on . Postato in Psicopatologia | Letto 902 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio americano, usando tecniche di neuroimaging, ha dimostrato l’efficacia di un particolare tipo di psicoterapia nel ridurre i sintomi del Disturbo Borderline di Personalità

Disturno BipolareSecondo una ricerca pubblicata di recente, una psicoterapia specializzata è stata collegata a cambiamenti nei modelli di attivazione di alcune aree del cervello in pazienti con Disturbo Borderline di Personalità (DBP), suggerendo che il suo impatto può andare particolarmente a fondo nel cambiamento dei sintomi.

Un team di ricercatori, tra cui Mark F. Lenzenweger, illustre professore di psicologia alla Binghamton University, hanno reclutato dieci donne con disturbo borderline dal New York Presbyterian Hospital e dal Weill Cornell Medical College e hanno condotto questo studio di neuroimaging usando le tecniche di risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Questi pazienti sono stati trattati per un anno con la Psicoterapia Focalizzata sul Transfert (TFP), un trattamento che ha dimostrato di ridurre i sintomi in più domini cognitivo-emozionali del Disturbo Borderline.

Il trattamento con la TFP è stato associato ad un aumento di attivazione delle zone di controllo cognitivo e ad una relativa riduzione di attivazione delle aree associate alla reattività emozionale. Secondo i ricercatori, questi risultati suggeriscono che la TFP può potenzialmente facilitare il miglioramento dei sintomi nel Disturbo Borderline di Personalità.

"Questi risultati rappresentano la vera e propria frontiera della scienza clinica nel comprendere gli effetti della psicoterapia", ha affermato Lenzenweger.

“Questi risultati arricchiscono la nostra conoscenza attualmente limitata riguardo ai meccanismi neurali associati alla psicoterapia psicodinamica", hanno scritto i ricercatori.
“L’attivazione di alcune parti del cervello è stata associata ad un miglioramento dell’autocontrollo, della regolazione emozionale e/o dell’ aggressività nei pazienti con disturbo borderline".

 

Tratto da Psypost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Sara D'Annibale)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: neuroimaging sintomi fMRi disturbo borderline TFP controllo cognitivo reattività emozionale disturbi di personalità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Area Professionale

Articolo 22 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art. 22 (ruolo professionale dello psicologo) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che, sett...

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni