Pubblicità

L'MDMA nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico

0
condivisioni

on . Postato in Psicopatologia | Letto 393 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio pubblicato nella rivista “Psychopharmacology” ha scoperto che l'MDMA, noto anche come ecstasy, può essere utile nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico.

L'MDMA nel trattamento del disturbo da stress post-traumaticoLo studio ha dimostrato miglioramenti sostanziali nelle persone che non hanno ottenuto risposte positive dai trattamenti precedenti, secondo il Dottor Zach Walsh dell'Università della British Columbia.

I sintomi di disturbo da stress post-traumatico sono diminuiti dopo una sessione di MDMA associata alla psicoterapia”, ha riferito Walsh, co-autore dello studio.

Ha inoltre aggiunto che il 54% dei partecipanti non soddisfa più i criteri di disturbo da stress post-traumatico dopo due sessioni e che vi era un miglioramento netto anche nei sintomi della depressione.

Durante lo studio, la risposta alla psicoterapia assistita da MDMA è stata confrontata con quella di pazienti che hanno ricevuto trattamenti farmacologici standard associati alla psicoterapia o non farmacologici.

Questi risultati sono promettenti e indicano l'importanza di condurre studi più ampi”, ha proseguito Walsh.

Troppe persone con disturbo da stress post-traumatico fanno fatica a trovare un trattamento efficace e l'uso di MDMA in un ambiente di supporto con professionisti della salute mentale addestrati potrebbe essere un traguardo importante per le diverse opzioni di trattamento”.

Quasi il 4% della popolazione mondiale svilupperà o soffrirà di disturbo da stress post-traumatico durante la loro vita.

Seguendo la classificazione del Disturbo da Stress Post-Traumatico, il DSM-5 ritiene che un elemento fondamentale nella descrizione della diagnosi sia “l’esposizione ad un fattore di stress traumatico che coinvolge in maniera diretta il soggetto esponendolo a morte fisica, minaccia o gravi lesioni alla propria integrità fisica”.

Secondo il DSM-5 “l’evento traumatico può essere ri-sperimentato in vari modi. Comunemente la persona ha ricordi ricorrenti e intrusivi dell’evento; in casi rari, la persona sperimenta stati dissociativi che durano da pochi secondi a diverse ore, durante i quali rivivono, attraverso flashback intrusivi, le memorie traumatiche, e si comporta come se ri-vivesse l’evento in quel preciso momento. Un intenso disagio psicologico o reattività fisiologica si verifica spesso quando la persona è esposta ad eventi o situazioni che assomigliano o simbolizzano un aspetto dell’evento traumatico”.

Pubblicità

Tale psicopatologia è pertanto debilitante, con sintomi come pensieri e ricordi intrusivi, effetti negativi sul pensiero e sull'umore, depressione, iperattività, reattività ed evitamento.

Le persone affette da disturbo da stress post-traumatico possono sperimentare una qualità della vita e delle relazioni molto più bassa, condizione di salute mentale correlate e forti tendenze suicide.

L'ecstasy, conosciuta anche come Molly, è il soprannome della 3,4-metilenediossimetanfetamina, sostanza psicoattiva appartenente alla classe delle feniletilamine, dagli effetti stimolanti ed entactogeni, anche se non propriamente psichedelici.

In diversi paesi del mondo è classificata come stimolante con proprietà allucinogene, e perciò illegale.

Per lo studio, il Dottor Walsh, oltre a ricercatori negli Stati Uniti, in Svizzera e in Israele, hanno analizzato i risultati di sei studi clinici condotto su 103 persone.

I partecipanti alla prova includevano siano uomini che donne con diagnosi di disturbo da stress post-traumatico cronico resistente al trattamento per una varietà di cause.

Basandosi sui risultati, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso la designazione della psicoterapia per il Disturbo da stress post-traumatico assistita da MDMA (MDMA-assisted psychotherapy for PTSD), riconoscendo che “potrebbe dimostrare un sostanziale miglioramento rispetto alle terapie esistenti” e accettando di accelerarne lo sviluppo e la revisione.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: Disturbo da Stress Post-Traumatico ecstasy MDMA

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni