Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La dissociazione dell'identità

0
condivisioni

on . Postato in Psicopatologia | Letto 2483 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Il Disturbo dissociativo di identità presenta come fulcro centrale una frammentazione dell'identità piuttosto che una proliferazione di personalità separate.

Dissociazione identitàQuando si parla di dissociazione si fa riferimento ad una condizione grave in cui sono presenti due o più distinte identità o stati di personalità che, alternativamente, prendono il controllo dell'individuo.

Nella nosografia psichiatrica, la condizione dissociativa prende il nome di Disturbo Dissociativo dell'identità; rispetto a tale esperienza alcune persone la descrivono come fosse un'esperienza di possessione.

La persona sperimenta anche una perdita della memoria che è troppo estesa per essere spiegata da una dimenticanza ordinaria. Tale psicopatologia presenta come fulcro centrale una frammentazione dell'identità, piuttosto che una proliferazione di personalità separate.

Il disturbo non è dovuto agli effetti diretti fisiologici di una sostanza, né da una condizione medica generale. Poiché, con il passare del tempo, questo disturbo è divenuto più comune, la diagnosi è diventata sempre più controversa.

Alcuni credono che poichè i pazienti con disturbo dissociativo di identità sono facilmente ipnotizzabili, i loro sintomi abbiano un'origine iatrogena, nel senso che sorgono come riposta ai suggerimenti terapeutici.

Studi di imaging cerebrale, tuttavia, confermano come si assista realmente a delle transizioni identitarie in alcuni individui affetti dal disturbo.

Il disturbo dissociativo d'identità riflette infatti un fallimento nell'integrazione dei vari aspetti dell'identità, della memoria e della coscienza in un unico Sè multidimensionale.

Di solito, un'identità primaria è quella che riflette la storia anagrafica del soggetto,ma questa è solitamente caratterizzata da aspetti di dipendenza, passività, colpevolezza e depressione.

Quando una seconda personalità, o identità, assume il controllo sulla persona si assistono a delle modificazioni che riguardano la biografia del soggetto, presentando una storia, un'immagine di sé e un'identità diversa da quella precedente.

Caratteristiche, tra cui nome, età, sesso riferito, vocabolario, cultura generale e umore predominante sono infatti in contrasto con l'identità primaria.

Alcune circostanze o fattori di stress possono infatti determinare o modificare le identità primaria. Le diverse identità possono negare la conoscenza dell'una rispetto alle altre, essere critiche nei confronti di una o delle altre o essere in conflitto aperto tra loro.

Pubblicità

Le identità sotto forma di esperienza di possessione spesso si manifestano come comportamenti che appaiono come se uno spirito o altro essere soprannaturale abbia preso il controllo della persona.

Molti stati di possessione nel mondo vengono considerati come una parte normale di una pratica culturale o spirituale; questi stati di possessione diventano un disturbo quando sono indesiderati, causano disagio o menomazione, e non sono accettati come parte di una pratica culturale e religiosa.

Da un punto di vista sintomatologico la frammentazione dell'identità comporta un cambiamento nel senso di sé, nei comportamenti e in aspetti che riguardano la coscienza, la memoria, la percezione, la cognizione e la funzione motoria.

Possono manifestarsi anche amnesie retrograde e anterograde che riguardano la storia personale, comprese le persone, i luoghi e gli eventi. Queste lacune ricorrenti non sono coerenti con dimenticanze ordinarie.

Le identità possono inoltre emergere in circostanze specifiche; le transizioni da un'identità all'altra sono infatti spesso innescate da fattori stressanti di tipo psicosociale.

Nei casi di esperienze di possessione, le diverse identità sono visibilmente evidenti a tutti; al contrario, nei casi in cui ciò si manifesta in forme diverse, la maggior parte degli individui non mostrano apertamente il loro cambiamento di identità per lunghi periodi di tempo.

La letteratura ha evidenziato che più del 70% delle persone con disturbo dissociativo dell'identità hanno tentato il suicidio, e che l'autolesionismo è molto comune in questa popolazione di pazienti.

Molti studiosi non hanno ancora compreso appieno come mai alcune persone sviluppino tale psicopatologica, ma certamente vi è una sorta di consenso unanime nel l'aver constatato come tali soggetti abbiano sperimentato gravi abusi fisici e sessuali, in particolare durante l'infanzia.

Gli individui con disturbo dissociativo di identità possono inoltre sperimentare molti sintomi del disturbo da stress post-traumatico come incubi, flashback, fughe dissociative, amnesie e via dicendo.

Essendo un disturbo molto complesso il trattamento primario è quello di una psicoterapia a lungo termine con l'obiettivo di de-costruire le diverse personalità, cercando di promuovere così l'unificazione delle parti scisse e frammentate.

Anche se non vi sono dei trattamenti farmacologici specifici per questo disturbo, si è osservato che gli antidepressivi e gli ansiolitici possono contribuire a controllare i sintomi associati al disturbo.

Con un trattamento adeguato, molte persone potrebbero così migliorare la propria capacità di funzionare nelle loro vite professionali e personali.

 

Tratto da “Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali, 5° Edizione”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: dissociazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Una relazione finita... in cli…

SammySun, 30     Salve, ho 30 anni e da un mese ho messo fine ad una relazione durata 2 anni e mezzo con un ragazzo della mia stessa età. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e persistenti del cont...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

News Letters

0
condivisioni