Pubblicità

Sindrome Fobico-Ossessiva con conseguente disordine alimentare - Un caso clinico osservato con indirizzo comportamentale

0
condivisioni

on . Postato in Psicopatologia | Letto 419 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un caso clinico osservato con indirizzo comportamentale.

Quello che illustriamo di seguito è il caso di una ragazza di 18 anni, di ceto sociale medio che da circa 3 anni presenta un problema di obesità prodotta da un notevole aumento ponderale che ha scatenato in lei notevoli problemi con il proprio corpo considerato brutto, grasso, cellulitico, etc.

Per questo motivo si è rivolta ad una dietologa che le ha prescritto una dieta ipocalorica.

Contemporaneamente si innescava una nuova patologia di tipo fabico-ossessivo. La paziente iniziava a provare "schifo" per tutto ciò che la circonda come, ad esempio, le maniglie delle porte, le sedie, gli oggetti che fanno parte della sua casa come il telecomando del televisore, il cibo toccato da altre persone, lo stringere la mano a qualcuno e, soprattutto, questo senso di "schifo" era rivolto verso il sesso maschile.

Giunta alla nostra osservazione dichiara di non ricordare il momento di inizio della problematica di cui si lamenta in seduta ma di poterne collocare il momento di peggioramento a livello patologico all’incirca all’autunno precedente (circa 6 mesi).

Per quanto riguardano gli antecedenti remoti che hanno scatenato il comportamento patologico, dalla sua storia personale si evidenzia che i primi fattori che hanno sensibilizzato la ragazza per quel tipo di problema sono stati: le continue raccomandazioni del padre su ciò che doveva manfgiare, dove doveva andare, quali amicizie scegliere, in che strada passare, etc.; tutto questo accentuato dal comportamento del padre il quale era anch’esso fobico-ossessivo.

Pubblicità

I meccanismi che hanno determinato l’apprendimento di certi comportamenti possono essere: apprendimento per modelling ossia apprendimento per imitazione, ed apprendimento per scheping cioè per modellamento, in questo caso del padre.

Sempre dalla sua storia personale viene fuori un episodio per la ragazza molto significativo cioè quello della nonna paterna che racconta alla nipote di aver sognato che la stessa fosse rimasta incinta, al cui racconto è seguita, da perte del soggetto, una spropositata paura che il sogno si verificasse in concreto.

Ma il fattore scatenante la patologia sembra essere stato il racconto di un’amica all’età di 13-14 anni su alcuni particolari di un rapporto sessuale avvenuto tra un’altra coppia.

Questo ha determinato una fobia sessuale per i genitali maschili appresa per condizionamento classico e si è mantenuta per condizionamento operante.

Lo stimolo (racconto) ha sviluppato un comportamento di fuga o di evitamento come risoluzione dell’ansia e solo attraverso particolari meccanismi ripetitivi (rituali).

 

Dott.ssa Linda D’Eusanio, Psicologo, Psicoterapeuta

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni