Pubblicità

Abuso e relazione tossica

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 430 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Avere una relazione sana ci nutre e ci sostiene; al contrario una relazione tossica può rivelarsi estremamente dannosa per entrambi i partner!

Abuso e relazione tossicaLa fine di una relazione spesso può determinare uno stress post-traumatico o una diminuzione dell’autostima e della fiducia, sia in se stessi che negli altri.

Anche se molto spesso, dinnanzi a situazioni problematiche, gli amici e i familiari possono incoraggiare il distacco, può risultare difficile lasciare andare l’altro, nonostante il rapporto sia nocivo e doloroso.

Secondo un sondaggio condotto dal Glamour Magazine, il 60% delle donne con età compresa tra i 18 e i 35 anni riferisce di aver subito abusi.

Circa la metà di queste asserivano di aver sperimentato un abuso fisico, senza però sottovalutare il danno annesso ad un abuso di tipo anche emotivo.

Quest’ultimo infatti si pone come maggior predittore di stress e depressione; non è raro però che le persone tendano a ridurre al minimo, negare o razionalizzare il loro dolore, permanendo all’interno di una relazione tossica.

Così facendo, sottovalutano le reali conseguenze per la loro salute mentale e fisica, proseguendo verso una via che, potenzialmente, potrebbe determinare l’insorgenza di quadri stressanti e depressivi.

Alcuni segni caratterizzanti una relazione tossica possono essere: sensazioni di svuotamento o affamati, invece che nutrici; il comportamento è motivato dalla paura, rabbia, senso di colpa; le esigenze e i sentimenti sono spesso ignorati; sensazione di camminare su “gusci d’uovo” per paura di sconvolgere il partner; sensazione di essere usati, sfruttati o mancati di rispetto.

A questi possono poi seguire una serie di comportamenti che si pongono come sintomatici di una relazione tossica come la violenza, in senso fisico, sessuale o ai danni di una proprietà, dipendenza attiva, disonestà cronica, irresponsabilità, sbalzi d’umore frequenti, aggressività o passività cronica, appropriazione indebita di denaro o beni, e abuso emotivo comprendente abusi verbali, manipolazione, sminuire, controllare e punire.

Qualora state riscontrando uno di questi segni o sintomi è bene non continuare a mantenere il segreto. Se voi o un bambino state subendo abusi, siano essi fisici o emotivi, è bene ricercare un aiuto che possa facilitare l’acquisizione di un maggior senso di sicurezza.

Pubblicità

Parlare con qualcuno di fiducia o cercare un aiuto professionale, sarebbe ideale una terapia di coppia, può essere il primo passo importante da compiere. Tuttavia, se non vi è violenza o coercizione, richiedere una consulenza individuale può essere molto d’aiuto.

Attraverso un percorso di sostegno psicologico si può infatti apprendere come fidarsi di sé stessi, esprimere le proprie emozioni, impostare confini, migliorando così i modelli tossici del vostro rapporto.

Durante questo cammino, si può anche tenere un diario su cui annotare le proprie sensazioni e sentimenti; annotare il comportamento del proprio partner, come vi fa sentire, cosa viene detto e con che modalità, consentendo così di stilare un paragone tra il prima e il dopo.

È importante avere un sostegno per operare dei cambiamenti, in quanto questi non riguardano soltanto il ritrovare una serenità quotidiana, ma bensì costruire anche la propria autostima imparando così a essere assertivi.

Qualora si decidesse di intraprendere una terapia di coppia bisogna chiedersi se entrambi siete disposti a rispettarvi reciprocamente trattando l’altro con più rispetto, assumersi le responsabilità per il proprio comportamento, avere maggiormente cura delle eventuali conseguenze che alcuni comportamenti producono sugli altri.

Questo cambiamento sarà infatti meno probabile se uno di voi continua ad essere reticente o disonesto e non ammetterlo, violare la legge o gli standard etici senza nessun rimorso, continuare ad essere fisicamente ed emotivamente abusivo senza rimorsi.

Attraverso un percorso di sostegno, grazie all’accrescimento dell’autostima e della fiducia, si riuscirà ad affrontare meglio il rapporto imparando anche a lasciarlo andare.

Una volta chiusa la relazione si potrà avvertire un senso di sollievo; tuttavia, qualora non si avvertisse la forza necessaria per affrontare un ulteriore cambiamento da soli, si potrebbe avere ancora bisogno di un sostegno professionale per ricostruire l’autostima, apprendendo modalità di comunicazione più efficaci, guarendo così dagli effetti dannosi del rapporto.

Questo facilita il consolidarsi della fiducia in sé stessi e gli altri, favorendo la ricerca di un rapporto d’amore sano e funzionale in futuro.

 

(a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: relazione coppia abuso relazione tossica

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni