Pubblicità

La famiglia adultescente

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 3030 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

La famiglia e le sue funzioni rimangono al centro delle riflessioni da fare soprattutto per ciò che concerne il progetto educativo e lo sviluppo della società

la famiglia adultescenteAl di là delle roboanti attenzioni per la famiglia che animano il dibattito di questi ultimi tempi, la famiglia e le sue funzioni rimangono al centro delle riflessioni da fare soprattutto per ciò che concerne il progetto educativo e lo sviluppo della società. Anni fa il poeta americano Robert Bly scriveva nel libro «La società degli eterni adolescenti», che viviamo sempre di più immersi in una società «orizzontale», che non ha un sopra e un sotto, un prima e un poi; senza più padri e figli, ma neanche nonni e nipoti, siamo diventati tutti fratelli e sorelle. O amici.

È la cosiddetta comunità degli “adultescenti”, dove si rimane eternamente giovani o veri e propri adolescenti che ignorano le responsabilità, prima fra tutte quella di crescere e individuarsi. È di quella famiglia che non aiuta a crescere in cui regna il silenzio, che urge parlare e preoccuparsi. Della famiglia che non comunica, che ha smesso di dare ai figli strumenti utili per leggere la realtà che c’è urgenza di fare progetti di sviluppo.

Difficile infatti immaginare che i ragazzi diventino grandi e maturi, se i modelli di riferimento hanno i tratti del “bonsai”, cioè di una sorta di genitori in miniatura.

Come le piante bonsai che si sviluppano quel tanto che è possibile, dato il poco terreno che sta al di sotto delle radici, questi adulti con funzioni educative restano piccoli, deboli e fragili. E sono quelli che invece di trovare soluzioni, chiedono di frequente «Come devo fare?» e si aspettano per ogni problema la ricetta magica. Faticano a mettersi in gioco come educatori perché non hanno attrezzi sufficienti o se li hanno non sanno usarli.

I genitori bonsai sono quelli che si identificano totalmente con gli adolescenti. Li scimmiottano e ne riproducono i loro atteggiamenti e il modo di fare o di vestire. Ce ne sono alcuni che hanno profili sui social con cui appaiono più adolescenti dei loro figli a cui peraltro chiedono l’amicizia.

Travestiti da compagnoni, fanno gli amici e rinunciano a quel ruolo di guida che è una specifica funzione genitoriale. Sono gregari e non solo favoriscono i figli ma li difendono a spada tratta senza mai dare loro limiti né indicare cosa si fa o quello che non si deve fare.

Pubblicità

Sono adulti che non sanno trovare soluzioni e non sono in grado di insegnare a mediare perché loro stessi non sanno negoziare né trovare compromessi. Pertanto non attrezzano i figli a compiere scelte in autonomia. Invertendo i ruoli, chiedono loro consigli e suggerimenti e, a guardarli bene, non sai dire chi sia genitore e chi figlio.

Sono eterni fanciulli, per questo adultescenti. È per questa genitorialità sbiadita e inconsistente che si dovrebbero pensare progetti di sviluppo. È alla famiglia dalle relazioni povere e superficiali che bisognerebbe dare appoggio.

Altrimenti come prendersela con un adolescente che deve diventare un uomo che per paura di crescere, si ritira nel mondo virtuale che spesso è come “l’isola che non c’è” abitata prima di tutto da adulti di riferimento che non sono riferimento per nessuno?

 

(Articolo a cura del Prof. Giuseppe Maiolo - Università di Trento)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: famiglia adulti infanzia immaturità adultescenti genitori bonsai

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

News Letters

0
condivisioni