Pubblicità

Scusa, mi ricordi il tuo nome?

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 807 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Quando ci troviamo in situazioni nuove ed incontriamo nuove persone che ci vengono presentate, abbiamo sempre una grande difficoltà a ricordare il loro nome. Perché accade questo? Come possiamo fare per porvi rimedio?

mi ricordi il tuo nomeE’ importante ricordare le persone”, ha affermato l’attrice Joan Crawford. “Mi ricordo centinaia di nomi, forse di più, non perché mi viene naturale, tutto il contrario! Non penso di essere brava in questo, ma è uno sforzo che mi sembra giusto fare!”.

Se avete difficoltà a ricordare i nomi delle persone incontrate ad una festa, o ad una conferenza, non preoccupatevi: come vedete, non siete soli!!

Come affermava l’attrice in questa conversazione, ricordare il nome di qualcuno, che sia un collega, o un amico, è sicuramente un buon modo per costruire delle relazioni.

Ma, ahinoi, ricordare correttamente i nomi è, nella realtà, un’abilità tanto unica, quanto difficile da padroneggiare.

La capacità di apprendere e ricordare i nomi propri, in particolare quelli delle persone, è notoriamente più difficile, rispetto a quanto accade con altri tipi di parole”, scrivono le Dottoresse Lise Abrams e Danielle K. Davis, dell’Università della Florida, su “Current Directions in Psychological Science”.

Ed il fatto che i nomi propri siano così difficili da ricordare ci può insegnare molto circa il funzionamento della memoria umana.

Le studiose aggiungono che, a differenza di altri tipi di parole, i nomi sono etichette senza senso, vale a dire che essi non contengono alcuna informazione sulla persona a cui si riferiscono.
Ad esempio, il nome Charlie Brown contiene un descrittore, il colore marrone, che non è informativo di come appare realmente il personaggio.

La ricerca ha dimostrato, inoltre, che è più difficile accedere al nome di una persona, che ai fatti biografici che la riguardano. Come a dire che, se si dovesse incontrare il Signor Pagnotta, è più facile ricordare che lavora in una panetteria, che il suo nome!

Perché accade tutto ciò?

Ci sono diversi fattori che determinano quali parole ricordiamo più facilmente e quali ci fanno affermare “Ce l’ho sulla punta della lingua!!”

Componenti sonore

In alcuni casi, sono le componenti sonore dei nomi a renderli più difficili da ricordare.

“Escludendo i nomi di alcuni personaggi, come, ad esempio, Beyoncè, i nomi sono costituiti da almeno due componenti, un nome ed un cognome, mentre molti oggetti sono descritti utilizzando una sola parola”, scrivono le Dott. esse Adams e Davis. “Per ricordare con successo i nomi, tutti i loro suoni devono essere accessibili. Se essi possiedono più suoni, in virtù del fatto che hanno più componenti, c’è più materiale da rammentare”.

Condivisione

In più, i nomi propri si riferiscono anche a persone, che potrebbero condividere funzioni, caratteristiche o attributi simili, compromettendo ulteriormente la nostra capacità di abbinare il nome giusto alla persona giusta.

Pubblicità

Una classica dimostrazione di questo è quella che viene definita la “illusione di Mosè”.

Alla domanda “Quanti animali Mosè portò con sé sull’arca?” la maggior parte delle persone risponde erroneamente “Due di ogni specie”.

La risposta corretta è “Nessuno”, perché fu Noè, e non Mosè, a costruire l’arca. È facile cadere in questo tranello perchè entrambi i nomi si riferiscono a figure maschili bibliche, associate ad eventi miracolosi.

Quindi, sono proprio queste caratteristiche condivise a creare una sorta di competizione nel processo mnemonico.

Questo, a sua volta, rende più difficile scoprire l’errore, anche se, per ritornare all’esempio, la maggior parte di noi conosce la differenza tra Noè e Mosè!

Altri esperimenti di questo tipo hanno dimostrato che attirare l’attenzione su un distrattore, sia utilizzando un carattere corsivo difficile da leggere, che scrivendo con tutte le lettere maiuscole, finisce per trarre in inganno le persone.

Sovrapposizione fonologica e sovrapposizione semantica

Non solo: anche quando ci sono una sovrapposizione fonologica (nomi che suonano allo stesso modo), e/o una sovrapposizione semantica (significato simile), si verifica l’illusione di Mosè (come è successo agli americani, ad esempio, con Lyndon Johnson and Andrew Johnson – entrambi ex presidenti degli Stati Uniti).

Sovrapposizione visiva

Infine, la ricerca ha mostrato che anche la sovrapposizione visiva può ostacolare la nostra capacità di ricordare queste parole.

In un recente esperimento, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti “In quale film (nome attrice) interpreta una ballerina, che perde lentamente la ragione?”.
Il film in questione si intitola “Il Cigno nero” e l’attrice è Natalie Portman, ma gli studiosi hanno inserito sia il nome di un’attrice simile (Keira Knightley), sia di una collega che non le somiglia affatto (Amy Adams), che di una celebrità completamente estranea a questo mondo (Maria Sharapova, una giocatrice di tennis).

I risultati hanno mostrato che, nella situazione di sovrapposizione visiva, accadeva che quelle persone, che vedevano appunto il nome di Keira Knightley, aveva meno probabilità di rilevare l’errore, rispetto a coloro ai quali venivano proposti gli altri due nominativi.

Inoltre, è stato riscontrato che, presentando un’immagine, per un periodo breve, prima della domanda, sia della persona corretta, che del distrattore visivamente simile, veniva ridotta la suscettibilità all’illusione.

Le informazioni visive condivise sembrano essere particolarmente competitive nella comprensione del nome e la maggiore suscettibilità all’illusione di Mosè, per i distrattori che sembrano simili al nome corretto, sostengono la teoria, secondo la quale i concetti visivi, nonché altre informazioni specifiche sulla persona, possono funzionare in modo interattivo, suggerendo che, più in generale, l’informazione visiva può essere importante per l’elaborazione dei nomi propri”, hanno concluso le Dott. esse Abrams e Davis.

 

Fonte: Psychological Science

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: ricordo nome

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddisfazione o sensazione di disagio nei confronti...

Le parole della Psicologia

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita psichica, è costituita da processi...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni