Pubblicità

Come il nostro cervello calcola l'attrazione

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 1415 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio cerca di spiegare come fa il nostro cervello a combinare le caratteristiche dell'attrazione


attrazione

L'attrazione è una questione prettamente personale, tutti noi abbiamo diversi standard di bellezza e il nostro esclusivo profilo di attrazione. La maggior parte della gente attribuisce un certo valore all'intelligenza e alla gentilezza, tuttavia quando si tratta di caratteristiche fisiche, l'altezza è una caratteristica attraente negli uomini, mentre una bassa differenza tra vita e fianchi, è solitamente considerato attraente nelle donne.

A parte questo, le tendenze sono difficili da identificare se non attraverso tratti vaghi, spesso inconsciamente identificati come ad esempio la simmetria facciale, la qualità vocali  e la somiglianza con caratteristiche tipiche del nostro genitore del sesso opposto (per quanto riguarda l'attrazione eterosessuale). Anche il profumo sembra avere un ruolo importante in questo processo ma non in un modo che possiamo effettivamente esprimere. La questione è complicata.

I ricercatori hanno identificato una serie di caratteristiche che contribuiscono, in maniera diversa, a valutare la nostra attrazione verso qualcuno/a.

Sia negli uomini sia nelle donne, queste caratteristiche includono:

  • Gentilezza;
  • Intelligenza;
  • Affidabilità;
  • Stabilità emotiva;
  • Buona salute.

Per gli uomini si aggiungono caratteristiche come apparente giovinezza e fertilità, mentre le donne tendono ad essere più attratte dalla maturità e da uno status socio economico elevato.

Pubblicità

Queste tendenze generali, principalmente derivanti dalla ricerca sull'attrazione eterosessuale, consentono una sostanziale variazione interpersonale. Inoltre, sappiamo che le attrazioni sono influenzate anche da fattori sociali e culturali, da cambiamenti nelle circostanze familiari, dall'invecchiamento, dai livelli di testosterone (sia negli uomini sia nelle donne) e anche dai cicli mestruali nelle donne.

La domanda posta dai ricercatori è come questi fattori si integrano nella nostra mente. Ad esempio, alcuni fattori contano più di altri? Esiste un sistema di classificazione in questo processo? Abbiamo delle caratteristiche determinanti che devono essere presenti o assenti indipendentemente da qualsiasi altra cosa? Daniel Conroy-Beam e David Buss hanno condotto un progetto di ricerca per rispondere a ciò.

Usando centinaia di partecipanti, i ricercatori, hanno applicato diversi modelli matematici per integrare 23 componenti individuali di attrazione e hanno misurato il modo in cui ognuno di essi ha spiegato l'attrazione generale dal punto di vista personale.

Il risultato è stato relativamente semplice: il miglior modello matematico era quello della distanza euclidea, che spiega essenzialmente come tutte le componenti dell'attrazione hanno un peso approssimativamente uguale e "si sommano" a un senso generale di attrazione attraverso un semplice modello multidimensionale.

Questo è matematicamente semplice, ma difficile da concettualizzare mentalmente, poiché possiamo solo immaginare le cose, con l'occhio della nostra mente, in tre dimensioni. Questi risultati suggeriscono che un algoritmo euclideo è un buon modello per cui più preferenze sono integrate nella scelta del compagno.

 

Fonte

  • Conroy-Beam, D., & Buss, D. M. (2017). Euclidean distances discriminatively predict short-term and long-term attraction to potential mates. Evolution and Human Behavior, 38(4), 442-450.

 

A cura del Dottor Andrea di Maio

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: donne uomini attrazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è ident...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni