Pubblicità

Corpo vissuto e corpo immaginato

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 764 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Essere individuo significa avere una vita, ma anche al tempo stesso essere in vita.

corpo vissuto corpo immaginatoL'esistenza, infatti, dura fino all'ultimo respiro e fino all'ultimo pensiero impresso in memoria.

Si dipana in una temporalità, che è la temporalità stessa del corso biologico, che ne delinea il limite, e non può essere comprensibile, nella sua globalità, durante il proprio scorrere (dalla nascita sino alla morte).

Essa viene riconosciuta mediante la storia interiore, nelle prestazioni e nell'opera dell'individuo, ma soprattutto attraverso il suo corpo. La sua forma temporale ed il suo trasformarsi si realizzano, cioè, come un processo di evoluzione interna e relazionale al tempo stesso, in un'esperienza dello spazio - corpo, vissuto in qualità di veicolo e di nozione sincronicamente, quale sede simultanea dell'evento e del suo ricordo, incamerato come traccia conservativa e come lievitazione emotiva e permanente, promotrice di nuove esperienze (noi abbiamo un corpo e siamo il corpo che abbiamo).

La vita ci pulsa in continuo movimento, in un incrocio perfetto d'armonica sincronia tra il nostro corpo e la nostra psiche; e, in un momento che sfugge a simultanea spiegazione, si fondono insieme le esigenze corporee e la capacità di elaborarle in un crogiolo di emozioni, che partono da un momento reale, ma da esso a volte si distaccano in uno scontro dialettico con il nostro immaginario.

Il corpo è, così, l'unica porzione della terra, che possa essere percepita in contemporanea dall'interno e dalla sua superficie ed è, comunque, contemporaneamente l'unico "mezzo" che sia dato per vivere. E' il nostro veicolo ed il nostro vincolo; pur essendo per ciascuno un oggetto, ciascuno in quell'oggetto si identifica: io ho delle mani, degli occhi, due gambe, un cuore, o sono quelle mani, quegli occhi, quelle gambe o quel cuore?

Le sensazioni si fondono ai sentimenti e la coscienza e il discernimento del corpo in vita possono soggiacere, nella loro elaborazione, a grandi deformazioni, scuotendolo ed indirizzando tutte le sue cellule secondo la parabola dell'esaltazione e del degrado: nello status di libido, dell'angoscia, della perdita, ecc.

Ciò è evidenziabile con semplicità attraverso il comune codice della mimica e della fisiognomica del corporeo, nelle relazioni causali tra reazioni somatiche e vessazioni psichiche, nella struttura del corpo e la sua "costituzione", intendendo per costituzione l'insieme permanente di cognizioni proiettabile.

Tutte le funzioni dell'individuo, in effetti, hanno rapporti di reciprocità; l'insieme infinito di questi rapporti, dal quale ogni singola funzione dipende, mentre contribuisce da una parte a determinarla, dall'altra crea l'idea stessa della continuità e della permanenza: è il "tutto" sperimentato concretamente come possibile, e quindi successivamente fruibile.

Quando si parla di corpo e psiche, l'uno non deve essere considerato parte o porzione di influenza territoriale dell'altro, ma ciò che da entrambi si manifesta, che non è né somatico né fisico, ma è la vita.

La differenziazione, quando c'è, invece, è vissuta come segmentata e permane nell'elaborazione del dato, settorializzando l'interesse, non essendoci intrinseca la capacità di accettazione del senso dell'unità, mancando l'abilità di contenimento della perdita nella morte del corpo e , quindi, di conseguenza, delle nostre aspettative sentimentali ed animistiche ( "parva sed apta mihi").

Io non sono più il mio corpo ma ho un corpo. La sensazione non diviene altresì percezione, investendo lo spazio oggettivo del sé, ma rappresentazione, possedendo intrinsecamente un carattere immaginato ed immaginario, coinvolgendo lo spazio di soggettivazione e solo occasionalmente i singoli elementi sono conformi a quelli percettivi. Nella maggior parte dei casi le rappresentazioni risultano inadeguate e si disfano continuamente, dipendendo dalla volontà ed essendo facilmente modificate a piacimento nel colore del sentimento vissuto, nel rifiuto incosciente dell'accettazione realistica della morte del corpo ( homo de humo, l'uomo è fatto di terra ).

Pubblicità

S. soffre di schizofrenia. Ingurgita ogni giorno in un preciso rituale 10 Tavor e molti terrifici intrugli. Vive da solo. Proclama che è forte, così forte che niente e nessuno gli potrà fare del male.

M. è affetta da anoressia. Lotta ogni giorno, nonostante abbia un corpo ormai smunto, per non prendere cibo. Dice che sentire la fame le ricorda di non essere morta.

F. ha 80 anni e gli occhi furbi e incavati di chi la vita sa da tempo già cosa sia. Ne rispetta le regole, dice, tranne quella di dovere morire. Ogni volta che viene in seduta ad un certo punto mi osserva e mi chiede perché il gioco deve per forza finire. Si ripromette di non venire mai più, ma ogni volta è puntuale ad ogni suo appuntamento: è la sua strana maniera per dimostrare a sé stesso ed a me che è riuscito un'altra volta a tornare, quasi vincendo una sfida.

B. ha un problema. Ogni lunedì deve andare all'anagrafe comunale per farsi rilasciare un certificato di esistenza in vita; e quando gli altri lo prendono in giro non gli importa, perché lui è tranquillo: un attestato gli conferma di non essere morto.

Vivace e furbo, C. ha una simpatia naturale, che lo rende accattivante, ed un'aria ingenua e d'attesa passiva che disarma chiunque lui abbia di fronte. Affetto da nanismo, ha un lutto che non riesce ad elaborare: non potrà diventare mai grande. Si ritrova schiavo di un corpo che è l'unico che potrà mai avere; ha visto pian piano i suoi compagni crescere e per un po' ha albergato la speranza che prima o poi sarebbe successo anche a lui. Lavora per non sentire il dolore di un limite così invalicabile; e spesso sorprende con i suoi scatti vivaci, quasi felini, quando scherzosamente mi dice che comunque vale la pena di essere nato.

Il dolore così trova spazio nel corpo (in un corpo che duole e rende infelici), ma la forza di credere in un modo migliore di essere al mondo cambia le cose; il cambiamento, infatti, parte col primo pensiero buono che riusciamo a produrre.

 

Dott.ssa Lucia Daniela Bosa - Psicologa - Psicoterapeuta - Gruppoanalista AION

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: corpo corporeità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

News Letters

0
condivisioni