Pubblicità

Gli stereotipi della sessualità maschile

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 3047 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Quanto c’è di vero negli stereotipi che associamo abitualmente alla sessualità maschile? Sono realtà o finzione?

stereotipi sessualita maschileL’opinione popolare sostiene, da sempre, che gli uomini e le donne differiscono nei loro desideri sessuali.

Tuttavia, la ricerca ha scoperto che alcune delle nostre credenze sulle condotte maschili in questo campo non sono così scientifiche come crediamo e che invece sono frutto solo di credenze popolari.

In questo breve articolo proviamo a svelare tutta la verità sugli uomini ed il sesso attraverso l'analisi di 4 dei più comuni stereotipi relativi alla sessualità maschile.

 

1. Gli uomini pensano al sesso più delle donne.

Dato che la ricerca su questo tema è sorprendentemente incoerente, Fisher et al. (2012) hanno chiesto, inizialmente, a uomini e donne di riferire la frequenza dei loro pensieri sessuali.

Così, i primi hanno riferito di pensare al sesso circa 8 volte al giorno, mentre le seconde circa 6 volte.

I ricercatori, poi, hanno chiesto ai soggetti di portare dei contatori con loro e di schiacciare un bottone ogni volta che pensavano al sesso. Sia gli uomini che le donne hanno registrato pensieri più frequenti sul sesso: i primi hanno cliccato il pulsante circa 34 volte al giorno, in media, e le donne circa 19 volte.

È importante sottolineare che le donne potrebbero essere più riluttanti ad ammettere i loro pensieri sessuali, perché, in caso contrario, ciò le renderebbe meno desiderabili a livello sociale.

Inoltre, i ricercatori non hanno potuto escludere la possibilità che avere con sè questi contatori li abbia, in realtà, portati a pensare più frequentemente al sesso.

Quindi, gli uomini pensano al sesso più spesso delle donne?
È difficile rispondere a questa domanda, ma la maggior parte delle ricerche suggerisce che è così, anche se le differenze tra i due generi possono essere più piccole di quanto tradizionalmente assunto.

 

2. Gli uomini hanno più partner sessuali delle donne.

In tutta una linea di ricerca, è emerso che gli uomini eterosessuali riferiscono con costanza di avere più partner sessuali, rispetto alla loro controparte femminile (Alexander & Fisher, 2003; Jonason & Fisher, 2009; Petersen & Hyde, 2010; Wiederman, 1997).

Wiederman ha preso in considerazione una serie di interessanti spiegazioni per questa differenza, compreso l’uso di prostitute, il considerare i partner anche per altri atti sessuali (come ad esempio il sesso orale), o fare sesso con un piccolo numero di donne altamente attive.

Analizzando attentamente i dati, però, lo studioso ha notato che gli individui con un più alto partner sessuali tendevano a riferirne un numero, che terminava per 0 o 5, suggerendo che, quando non siamo sicuri, possiamo arrotondare le nostre stime. In particolare, le donne sono propense a farlo verso il basso, gli uomini verso l’alto.

Pubblicità

In un progetto interessante, Alexander and Fisher (2003) hanno chiesto a uomini e donne di dichiarare il loro numero di partner sessuali, mentre erano collegati a quella che fu loro presentato come una sorta di macchina della verità.
In questo caso, le donne hanno riferito un numero di partner sessuali leggermente maggiore rispetto agli uomini.

Quindi, gli uomini hanno più partner sessuali rispetto alle donne?
Almeno per quel che riguarda i legami eterosessuali, questo stereotipo sessuale è falso. La differenza riscontrata è dovuta, probabilmente, alla tendenza a sovrastimare, negli uomini, ed a sottovalutare, nelle donne.

 

3. Gli uomini sono più infedeli delle donne.

Esattamente come per le altre due credenze, gli uomini riferiscono con maggiore probabilità di essere stati infedeli, rispetto a quanto fanno le donne (Blow & Hartnett, 2005; Fincham & May, 2017; Petersen & Hyde, 2010).

Comunque, come affermano gli stessi autori, sembra che questa differenza tra i due sessi si stia restringendo.

Quindi, gli uomini hanno più probabilità di essere infedeli rispetto alle donne?
Questo stereotipo sessuale sembrerebbe confermato. Attualmente, infatti, gli uomini sembrano avere più probabilità, rispetto alle donne, di essere infedeli, anche se questa differenza di genere si sta rapidamente affievolendo.

 

4. Gli uomini sono più interessati delle donne ai rapporti a tre.

Morris et al. (2016) hanno trovato non solo che gli uomini erano più interessati ad un possibile rapporto a tre, rispetto alle donne, ma anche che essi lo avevano suggerito, con maggiori probabilità, ai loro partner sessuali.

Analogamente, Hughes et al. (2004) hanno trovato che il doppio degli uomini, rispetto alle donne, hanno affermato di aver desiderato questo tipo di rapporto.

Gli autori hanno ipotizzato, inoltre, che le ultime possano essere meno disposte ad impegnarsi in rapporti sessuali con più partner, a causa delle preoccupazioni circa la loro reputazione: infatti, Jonason and Marks (2009) hanno dimostrato che esse vengono giudicate più duramente, rispetto agli uomini, per essersi impegnate in questo tipo di relazioni.

Quindi, gli uomini hanno maggiore interesse in un possibile rapporto a tre?
Questo stereotipo sessuale sembra essere sostenuto, in maniera concorde, dalla ricerca.

Ecco svelata la verità (scientifica, naturalmente!) su alcune delle più comuni credenze riguardo la sessualità degli uomini… e delle donne!
Qualsiasi sia il vostro caso… Buona fortuna!

 

 

Fonte: Psychology Today

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: sesso sessualità sessualità maschile

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni