Pubblicità

L’orgasmo femminile

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 6401 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Esistono delle abilità che possono essere allenate e rafforzate durante la masturbazione, che vi aiuteranno a raggiungere l’orgasmo con il partner

orgasmo femminileQuando si parla di orgasmo, dal punto di vista sessuologico, si fa riferimento ad un complesso evento psicofisiologico, solitamente di breve durata, che costituisce l’apice dell’eccitamento sessuale ed è accompagnato da un particolare stato di coscienza arrecante un profondo senso di benessere e piacere.

Nella pratica clinica, e soprattutto, nel campo della terapia sessuale, può capitare che molte donne confessino di non riuscire a raggiungere l’orgasmo con il proprio partner; la difficoltà nel confessare questo aspetto sta nel fatto che il mancato raggiungimento del piacere è esclusivamente legato alla relazione di coppia.

Queste donne asseriscono infatti di riuscire ad abbandonarsi e raggiungere l’orgasmo attraverso la masturbazione, ma hanno difficoltà a provare le stesse sensazioni quando hanno rapporti sessuali con il proprio partner.

Sicuramente, durante la masturbazione, ci si trova in una situazione di totale relax e si riesce a stabilire una connessione intima con se stessi che permette il raggiungimento dell’orgasmo.

Non si sa ancora come poter rilassarsi e entrare in connessione con l’altro per raggiungere lo stesso risultato.

Ci sono però molte possibili ragioni che possono determinare alcune complicanze durante il rapporto sessuale con il proprio partner.

Durante il sesso “solitario”, non vi è alcuna pressione rispetto alla performance, non vi è la necessità di raggiungerlo in fretta perché si ha poco tempo a disposizione, né tanto meno il dover aspettare l’orgasmo dell’altro. Non ci sono pensieri distraenti, rispetto a cosa il partner potrebbe pensare o desiderare in quel momento.

Il rapporto sessuale determina infatti una condivisione di uno spazio e momento intimo in cui può risultare difficile restare concentrati sul proprio corpo e sulle proprie sensazioni; questo automaticamente può determinare un’impossibilità nel raggiungere l’apice del piacere e quindi l’orgasmo.

Il dibattito contemporaneo vede da un lato, sostenitori del sesso come focalizzato al piacere, e dall’altro il sesso come focalizzato ad un obiettivo, come appunto l’orgasmo.

Pubblicità

Indubbiamente, se si è in grado di raggiungere l’orgasmo attraverso la masturbazione, potrebbe essere molto frustrante il non riuscire a raggiungerlo con il proprio partner.

Pertanto, se questo è il vostro obiettivo, ci sono delle abilità che possono essere allenate e rafforzate durante la masturbazione, che vi aiuteranno a raggiungere l’orgasmo con il partner.

Tra le abilità da praticare mentre ci si masturba vanno menzionate:

Meditazione pre-masturbazione: prima di iniziare a toccare il proprio corpo, è preferibile rilassarsi profondamente;  il rilassamento aumenta la possibilità di raggiungere l’orgasmo. E’ infatti da tempo stabilito il legame tra ansia e disfunzione sessuale. Se si è ansiosi, la mente crea pensieri che porta ad un distacco dalle sensazioni corporee; si avverte inoltre una tensione corporea che interrompe il flusso di sensazioni piacevoli provenienti dal toccarsi. Per essere veramente rilassati, il corpo deve accompagnare il tocco e il ritmo per consentire alle sensazioni di fluire in profondità. La mente deve essere quindi sgombra da pensieri, in modo da potersi concentrare solo sulle sensazioni provate. Pertanto, spendere 5-10 minuti per rilassarsi prima di iniziare a masturbarsi calma la mente e il corpo.

Abbandonarsi alle proprie sensazioni: il toccarsi, piuttosto che il pensare a come farlo, consente di sperimentare le sensazioni. È importante focalizzarsi sulle proprie sensazioni, senza pensare troppo. Questo richiede pratica! Risulta quindi indispensabile connettersi con esse e con il piacere che si sta sentendo, senza giudicare o valutare ciò che si sta facendo, ma solo seguire i propri movimenti.

Rilasciare la tensione corporea: durante la masturbazione è importante prestare attenzione e concentrarsi sul proprio corpo. Mentre ci si tocca e si sperimentano sensazioni su e/o nei genitali è importante mantenere una connessione con il proprio corpo. Se si nota tensione e irrigidimento, è bene fare un respiro profondo, tirarlo fuori con un sospiro e sprofondare nel letto, divano, poltrona o pavimento sotto di voi. È importante lasciarsi contenere da ciò che vi sorregge, piuttosto che restare in tensione e irrigiditi. Questa pratica permette al corpo di lasciar andare la tensione, e attraverso il respiro profondo, di lenire l’ansia e la rigidità corporea.

Spostare i propri pensieri sul vostro corpo più e più volte: ogni volta che, durante la masturbazione, la mente inizia a vagare, è importante tornare indietro e ricercare le sensazioni sul proprio corpo; tale pratica consiste proprio nel lasciare andare i pensieri e ritornare alle proprie sensazioni. L’obiettivo non è quello di fermare il flusso di pensieri, ma l’essere disposti a riportare la propria attenzione sulle sensazioni di piacere più e più volte!

Se si è amanti del porno questo non costituisce un problema, ma al fine di rafforzare queste competenze, è necessario praticare tali attività in solitudine; questo è importante per stabilire una connessione profonda e intima con sè stessi.

Se invece si continua a vedere il porno, il consiglio è quello di praticare la masturbazione senza di esso!

Dopo aver rafforzato queste abilità durante la masturbazione, sarà più semplice raggiungere l’orgasmo anche con il partner. Queste competenze rendono infatti più probabile il raggiungimento dell’apice del piacere durante un rapporto sessuale, perché si è appreso a restare presenti, collegati con se stessi e soprattutto rilassati.

Anche se ci vorrà tempo per allenare e costruire queste competenze il consiglio è…

“Pratica, pratica, pratica!”

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: psicologia sessualità orgasmo psicologia della coppia,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni