Pubblicità

L'Andropausa: male immaginario?

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 1159 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

L'Andropausa è un evento reale e verificabile? O non rappresenta invece una finzione, una sorta di sofferenza apparente?

andropausaNell'uso corrente che viene fatto del termine menopausa risulta evidente il riferimento ad un evento fisiologico specifico che comporta per la donna profonde modificazioni, anche psicologiche, e che sancisce il passaggio ad una nuova condizione di stato e di ruolo, del tutto differente dalle precedenti epoche.

Non altrettanto conosciuto e utilizzato è il termine andropausa, spesso sostituito con climaterio maschile o menopausa dell'uomo o viropausa.

L'incertezza terminologica esistente intorno al significato da attribuire a questa fase dello sviluppo maschile, che può presentarsi dai 45-55 anni ai 60-65, restituisce l'idea della scarsa considerazione ricevuta fino ad oggi da parte della comunità scientifica. Complessivamente, rappresenta un passaggio critico perché concomitante con le peculiarità della terza età. E' l'età dei bilanci esistenziali: si riesamina il passato e la propria storia per stabilire cosa si è fatto, si ragiona sul presente per comprendere meglio cosa si sta facendo e così preparare il futuro

Il numero ridotto di studi finora realizzati sul fenomeno della andropausa e, in generale, sul comportamento sessuale degli anziani, non scioglie completamente il dubbio e il pregiudizio esistente su questo difficile periodo di senescenza fisiologica. Secondo alcuni studi, il concetto di andropausa è meglio individuato in una condizione patologica rappresentata da un "precoce e marcato processo d'invecchiamento e deterioramento di numerose e differenti funzioni del nostro organismo con relativo corteo sintomatologico".

Un recente lavoro di ricerca (*), elaborato dalla psicologa Diana Vitali di Ascoli Piceno, pone proprio l'andropausa quale oggetto di indagine, a partire dalla sua esistenza e rilevanza scientifica. Una buona parte del lavoro è stata prodotta con l'ausilio di Internet utilizzando i materiali di studio più recenti, reperiti nei siti nazionali e internazionali. Lo studio compie una estesa ricognizione degli aspetti biologici, fisiologici e psicologici, considerando anche la diagnosi e il trattamento dell'impotenza, valutandoli nel contesto della sessualità nell'età senile.

Particolarmente interessanti risultano essere quegli aspetti, sinergici al deficit ormonale e puntualmente trascurati dagli studiosi, che caratterizzano l'andropausa come "un evento essenzialmente psicologico".

Pubblicità

I sintomi della condizione andropausale possono assumere varie espressioni e riguardare forme di nevrosi ansiosa, depressione, fatica e difficoltà di attenzione, insonnia, riduzione della libido ed eventuali disagi derivanti da disfunzioni erettili.

Gli atteggiamenti prevalenti sono di rinuncia, a volte di paura del fallimento nelle prestazioni sessuali, di chiusura e isolamento o di aggressività, irritabilità e sospettosità. Prevalentemente si tende ad attribuire agli altri la colpa dei propri insuccessi.

Gli uomini, a differenza delle donne, tendono a rivolgere all'esterno il disagio provato e anche la loro perdita di ruolo e di sicurezza sociale, mascherandoli in comportamenti ostili. Così, può avvenire che la reale consistenza del disagio maschile non emerge per la resistenza ad ammettere di essere in difficoltà, anche a causa delle modificazioni ormonali. E facilmente la perdita d'identità e della forza vitale, insieme ad altri fattori provoca disfunzioni in campo sessuale. E' indicativo che il tasso suicidario negli Stati Uniti riguardo agli uomini, risulta essere dell'80%, ed è superiore di tre volte nella mezza età e addirittura di sette volte in un'età oltre i 65 anni.

L'andropausa è abbastanza legata alla stabilità dell'equilibrio psicologico raggiunto nelle precedenti fasi e alle capacità di adattamento individuali ma anche alle esperienze che si vivono durante la stessa età senile. Il processo di adattamento al nuovo status che comporta la 'perdita' di ruolo e l'insicurezza circa la propria identità, può essere vissuto e indirizzato meglio solo se viene riconosciuto e accettato.

Pertanto, il "segreto di una buona andropausa sarebbe racchiuso nell'atteggiamento positivo e non fatalistico che alle volte gli anziani hanno nei confronti delle prospettive della loro vita. In definitiva, non è l'inizio della fine ma solo una fase dalla quale trarre il meglio. E' il dilemma, se "invecchiare o crescere da vecchi", posto da Carl Rogers in un suo articolo scritto all'età di 78 anni, e risolto con una scoperta: "Scopro che sono vecchio e che continuo a crescere. Sono diventato sempre più consapevole della mia capacità di amare, della mia sensualità e sessualità. Mi sono accorto della fortuna di aver scoperto e costruito rapporti in cui questi bisogni possono trovare espressione. Ci sono stati dolori e ferite, ma anche gioia e profondità".

L'autrice conclude che l'andropausa non può essere ridotta al "tentativo di dare dignità ad una condizione della senilità maschile" ma che ha una sua esistenza reale che deve trasformare l'atteggiamento culturale della società facilitando l'informazione.

L'andropausa pretende un suo diritto di esistenza, "uno spazio più ampio nella vita dell'uomo contemporaneo.per essere un modo nuovo, anche se diverso, di vivere più serenamente il sesso e la sessualità". a patto di perdere la connotazione di malattia.

 

(*) "Andropausa: evento o finzione? ", Tesi non pubblicata, Università di Urbino, 2000.

 

Dott. Renato Vignati - Psicologo, Psicoterapeuta (Fermo - AP)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: andropausa viropausa climaterio dell'uomo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni