Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Aggressività Adattiva e Possessiva

Aggressività Adattiva e PossessivaTu proverai si come sa di sale
lo pane altrui, e come è duro calle
lo scender e'l salir per altrui scale
Dante

L'aggressività, oltre a essere un prodotto biopsicologico della specie, utile a svolgere una funzione di tipo difensivo e di attacco, è funzionale a mettere il soggetto in uno stato di allerta, vigilanza per affrontare le condizioni per la sopravvivenza.

L'aggressività è in prima istanza funzionale all'adattamento sociale, alle sfide professionali, alle relazioni affettive, costituisce un sistema indispensabile per l'adattamento umano.

L’aggressività adattiva riguarda  la riproduzione, l’adattamento alle appartenenze ed alle ritualità.  E' necessaria  per adattarsi alle condizioni sociali, personali e interagire con persone sconosciute.

L'adattamento attivo serve per facilitare il contatto, la vicinanza, la conoscenza, è uno dei primi meccanismi messo in atto quando si incontra una persona sconosciuta e si è interessati a lei.

Gli individui, quando si  costituiscono come coppia, sono costretti a modulare l’aggressività adattativa per raggiungere obiettivi come piacere sessuale, affettivo e relazionale: se si modula l'aggressività adattiva, la relazione tra le parti funziona e risponde al bisogno di stare insieme.

L'aggressività adattiva è sottoposta ad  alterazioni situazionali legate al benessere,  malessere dell'individuo o della coppia, se questa dinamica subisce turbolenze in negativo, l'aggressività adattiva scema, scompare, si ritira e compaiono comportamenti disadattivi. E' quello che succede all'interno di una coppia prima di cadere in uno stato di conflitto.

L'aggressività adattiva è un sistema di segnalazione preventiva per quanto riguarda la dimensione della sopravvivenza fisica, affettiva e sociale.

L'aggressività adattiva si coniuga con l’aggressività esplorativa che coinvolge il territorio, l’espansività, l’appartenenza, la cultura, è funzionale, risponde al bisogno di muoversi all'interno di un territorio familiare, scolastico, amicale, nazionale, è un meccanismo per poter esplorare altri territori, altre culture.

E’ una pulsione  che permette di uscire dal proprio ambito restrittivo e protettivo, è quella tensione che permette di superare le barriere, i confini biologici, sociali e culturali. L'aggressività esplorativa è uno stimolo che favorisce la ricerca di soluzioni riguardanti la sopravvivenza ma sollecita anche il bisogno di sperimentare relazioni affettive e sociali.

L'aggressività espansiva spesso rischia di scontrarsi con l'aggressività del possesso del territorio, della tribù, del clan.

Pubblicità

E' un'aggressività che deve fare i conti con le questioni sociali dei territori immaginari, reali e con l'aggressività possessiva che tende a difendere, a trattenere a Sé gli oggetti vicini. L'aggressività espansiva è dinamica, si contamina con altre condizioni, somiglia ai cerchi nell'acqua che si muovono e si espandono, sollecita a incontrare nuove condizioni, a misurarsi con ciò che è sconosciuto favorendo la scoperta di nuove terre da coltivare o, in etologia, la scoperta di nuove prede da cacciare, pascoli da brucare. L'aggressività espansiva favorisce la riproduzione mediante mescolanza di nuovi geni.

L’ aggressività espansiva però si scontra con aggressività difensive di controllo del territorio, delle tradizioni, dei costumi sociali, culturali che si oppongono. Lo scontro tra l'aggressività esplorativa con quella possessiva  genera un conflitto che rischia di portare all'atto violento.

E' quello che succede in alcuni femminicidi. Gli omicidi non accettano la contaminazione tra persone che provengono da appartenenze diverse per motivi sociali, religiosi o per tradizioni secolari. 

L’aggressività espansiva è  carica di vitalità però si scontra con l’aggressività possessiva, e dell’appartenenza.

 


Pubblicità

 

 

Uno psicologo di strada
Il Club di aiuto, davanti alla stazione
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters

0
condivisioni