Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Annamaria Improta.
Psicologa Clinica di Comunità e Psicoterapeuta presso il Centro di Psicologia Clinica Territoriale essebi di San Giorgio a Cremano e lo Studio Multidisciplinare per l'infanzia l'adolescenza e la famiglia di Portici. Formatrice, Pedagogista Docente di sostegno e Coordinatrice delle attività per l’Inclusione presso I.C. 1° “Don...

Annamaria Improta.
Psicologa Clinica di Comunità e Psicoterapeuta presso il Centro di Psicologia Clinica Territoriale essebi di San Giorgio a Cremano e lo Studio Multidisciplinare per l'infanzia l'adolescenza e la famiglia di Portici. Formatrice, Pedagogista Docente di sostegno e Coordinatrice delle attività per l’Inclusione presso I.C. 1° “Don Bosco – Melloni” di Portici (NA). Coordinatrice per l’Italia del Modello Educreando© Binazionale - Vicepresidente Associazione Tanos. Docente a contratto presso l'Università degli Studi di Salerno e Suor Orsola Benincasa di Napoli.
Autrice del libro Intervento psicologico per la scuola e metodi narrativi. Strategie per la costruzione dell’intervento e curatrice dell’e-book EMOZIONARIO… per la DaD. Isolamento sociale e approccio soggettivo. Guida per insegnanti, psicologi e genitori, editi da Edizioni Psiconline.

Tutto

Bulli e cyberbulli nella scuola

bulli e cyberbulli 1A casa:

Mamma: “Buongiorno Marco, oggi c’è scuola!

Figlio: “per favore mamma, aspetta altri 5 minuti!

ma il figlio non arriva, anzi tende a far fare sempre più tardi per evitare di andare a scuola o di entrare all’ultimo momento per non incontrare i compagni fuori dalla classe: meglio un ritardo che nuove prese in giro!

A scuola:

Bullo: ragazzi, fuori scuola ci sarà da divertirci… rimanete a vedere.

SQUILLO DI TELEFONO

Figlio: mamma …

Mamma: ciao tesoro, cosa è successo?

Figlio: mi fa male la testa… puoi venire a prendermi?[1]

Continua a leggere
  2647 Visite
2647 Visite

Esploro, disegno, comunico … la mia aggressività!

disegno infantile improtaContinuando il discorso intrapreso le scorse settimane vediamo come il disegno può diventare anche il “catalizzatore” dei sentimenti aggressivi del bambino, che “proietta” sul personaggio che definisce cattivo, attribuendogli tutti i suoi sentimenti aggressivi: è il personaggio ad essere cattivo, sono suoi i sentimenti violenti e non del bambino che li sta disegnando.

Le modalità di rappresentazione dell'aggressività possono essere, comunque, anche molto sottili, come per esempio, quella che si riscontra nei disegni di fratelli e sorelle. Si tratta, infatti, di un'aggressività non agita e, quindi, di più difficile lettura: in questo  caso c'è da parte del soggetto il tentativo di mascherare il proprio sentimento ambivalente che, comunque, resta invariato

Continua a leggere
  3118 Visite
3118 Visite

Esploro, disegno, comunico … che sono arrabbiato!

disegno infantile La scorsa settimana ho sottolineato come in età evolutiva il canale privilegiato utilizzato dai bambini sia il disegno, tanto quello libero, quanto quello strutturato (con consegna).

Attraverso la scelta dei colori, il tratto, la posizione i bambini ci dicono tanto e tanto ci comunicano dei loro sentimenti e stati d’animo.

Attraverso il disegno il bambino infatti esprime quello che non può o non riesce a dire con la parole, perché inaccettabile come rabbia o aggressività, tuttavia è del tutto eccezionale che una potente carica di aggressività venga espressa palesemente nei confronti di un rivale (fratello, amico, genitore, insegnante o altro).


Volendo circoscrivere il disegno alla figura umana e/o all'ambito familiare del bambino è possibile cogliere la svalutazione che egli può manifestare nei confronti di questo o quel personaggio. Tale svalutazione si può esprimere in diverse maniere cogliendo l'aggressività agita e/o non agita, attraverso la rappresentazione grafica del personaggio, che può essere:

  • Disegnato più piccolo degli altri.
  • Messo in ultimo al bordo del foglio.
  • Al di sotto degli altri.
  • Disegnato male (pochi particolari ecc.) rispetto agli altri.
  • Disegnato senza nome quando tutti gli altri lo hanno.
  • Personaggi cancellati.

disegno infantile2 improtaAd esempio cancellare con un tratto quello che si è disegnato è indice di conflitto e, talvolta, la "svalorizzazione" di un personaggio può essere una modalità reattiva di aggressività vissuta, ma non agita (ciò che il bambino sente, ma la esterna attraverso atti francamente violenti).

Tuttavia è importante sottolineare che bisogna andare molto cauti, in quanto le variabili in gioco sono tantissime e un solo disegno non è indice certo di disagio ma è necessario conoscere il bambino, attraverso i suoi racconti e quelli delle persone che lo circondano. Il colloquio clinico può quindi essere supportato dal disegno ma è attraverso la relazione che ci si avvicina al mondo interno del bambino.

La riflessione continua la prossima settimana.

 

BIBLIOGRAFIA
  • Corman, L. (1975). Il disegno della famiglia. Torino: Boringhieri.
  • Di Renzo, M. e Nastasi I.M. (1996). Il movimento disegna. Roma: Ed. Scientifiche Maggi.
  • Federici, P. (2001). I bambini non ve lo diranno mai… i disegni si….  Milano: Franco Angeli/Le comete.

 

 

Continua a leggere
  2906 Visite
2906 Visite

Esploro, disegno, comunico!

disegno1Il disegno è un potente strumento di espressione e comunicazione e, a diversi livelli di complessità, è utilizzato anche in tenera età.

Già prima della scolarizzazione i bambini attraverso i colori a dita i bambini si divertono a “pasticciare” imprimendo le loro “orme” sui fogli. Nella scuola dell’infanzia imparano i primi rudimenti del “contenimento”, che daranno poi avvio agli apprendimenti futuri:  dentro, fuori, sopra, sotto … etc

Attraverso il disegno il bambino quindi comunica, in quanto  disegni permettono al bambino (ma anche all'adulto) di proiettare, senza rendersene conto, le proprie emozioni e di trasmetterle alle persone che lo circondano, le quali, se dotate di un po' di buon senso, possono cogliere momenti transitori di difficoltà che il bambino sta attraversando, avendo la cura (l'umiltà) di rivolgersi ad un esperto per chiedere aiuto quando ci si rende conto che c'è il perpetuarsi di qualche difficoltà, per cui c'è qualcosa che non va.

Continua a leggere
  1641 Visite
1641 Visite

I D.S.A.: Divertirsi Sapendo Apprendere© (4)

Divertirsi Sapendo ApprendereConcludiamo questa settimana l’approfondimento sul progetto Divertirsi Sapendo Apprendere© svolto scorso anno presso il Centro di Psicologia Clinica Territoriale “Essebi”[1] di San Giorgio a Cremano in provincia di Napoli.

Come anticipato nell’intervento precedente, è stato predisposto un protocollo (fase 5) per ciascuno studente che prevedeva un intervento di recupero mirato e coerente con lo stile cognitivo per ciascuno studente articolato in 2 incontri settimanali di 2 ore.

Continua a leggere
  1332 Visite
1332 Visite
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni