Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Femminicidio e Covid-19

femminicidio e covid 19Il virus oltre che infettare e imporre le sue leggi biologiche, sociali e psicologiche a livello globale, sollecita anche delle reazioni aggressive e violente. Sul piano sociale le violenze spesso si associano a questioni politiche e economiche che rispondono a criteri di condivisione/negazione del virus. La violenza sociale oltre a manifestarsi tra gruppi opposti per morivi apparentemente disconnessi sono  frutto di una condizione di frustrazione, restrizione, limitazione, deprivazione, dipendenza che limitano l'indipendenza.

La violenza per Menninger è una manifestazione di discontrollo tra l’Io e il Sé.  Secondo Williams la violenza è determinata da una mappa (costellazione di morte), costituita da fattori che riguardano l’odio sull’amore, l'invidia primaria, la dipendenza da una persona con funzioni di controllo, l'incapacità di contenere, la mancanza di figure buone, da esperienze tragiche infantili, da malattie dolorose, da essere stato spettatore di uccisioni, di essere una narcisista, arrogante e sottomissione ad un capo.

Non è un caso che durante la chiusura per l'emergenza sanitaria - limitazione, dipendenza, claustrofobia, costrizione dei bisogni vitali -  siano triplicati gli omicidi in ambito familiare, di coppia con al centro la donna con un femminicidio ogni due giorni. Negli 87 giorni di lockdown per l’emergenza coronavirus (9 marzo – 3 giugno 2020) sono stati 58 gli omicidi in ambito familiare-affettivo: 44 donne (il 75,9%) e 14 uomini. Nei 279 giorni di non lockdow sono stati 60 femminicidi su un totale di 104 omicidi familiari-affettivi, mediamente su base annua, uno ogni sei giorni. Il lockdown, il coronavirus  ha triplicato gli omicidi di donne.

L'omicidio non è mai un evento isolato di un individuo, al contrario, è al centro di un groviglio  di multiple azioni e ognuna svolge una parte precisa. 

La violenza spesso nasce da messaggi che normalmente preavvertono di una crescente tensione ma non vengono percepiti, interpretati dalla persona. Invece della normale de-escalation e della canalizzazione dell'aggressività tra i contendenti verso interazioni accettabili si ha l'opposto,cioè l’escalation della violenza.

Pubblicità

E' anche il prodotto di fattori soggettivi che riguardano la rimozione involontaria, da parte della vittima, di non vedere una serie di segnali pericolosi, oppure di coglierli ma di non avere uno spazio adeguato per evitarli. Ci sono delle connessioni tra la corteccia prefrontale, l'amigdala, l’ippocampo, la corteccia cingolata anteriore e altri specifici centri che sono coinvolti nel riconoscimento dei messaggi di allarme che annunciano eventi o atti violenti. 

La convivenza forzata, la limitazione del movimento, la sofferenza relazionale, l'impossibiltà di muoversi fuori dal contesto, in sostanza la dimensione situazionale limitata e inibente sono fattori che sollecitano reazioni aggressive.

All'interno del contenitore relazionale e ambientale si genera una regressione primaria che determina nella coppia uno stato simbiotico che obbliga l'attacamento, che impedisce il distacco, non favorisce la dipendenza, la separazione tra le parti e genera conflitto situazionale patologico che favorisce la costruzione della costellazione della morte.

L'ambiguità del virus è centrale in questa dinamica mortifica, oltre a evitare l'avvicinamento (abbraccio, calore, affetto) per il contagio, riesce a trasformare lo spazio amato in uno pericoloso, generando turbolenza e producendo, dentro il contesto famigliare e di coppia un atto violento, di terrore e di morte.

Le ragioni biopsicologiche che descrivono la complessità neurofisiologica, ormonale e genetica del comportamento primario e secondario o situazionali, come è quella prodotta dal COVID-19, non possono giustificare l’evento di un atto violento.

 

 

 

Pubblicità

 

 

 

Le Ombre della Genitorialità: un articolo inedito ...
I colori di Barbablù
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni