Pubblicità

Psicologia delle Migrazioni

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Il Club di aiuto, davanti alla stazione

club aiuto stazione milanoLa Stazione Ferroviaria è un punto nodale nella vita quotidiana dei migranti.

Essa è per loro un rifugio, un centro di accoglienza, un luogo dove incontrare gli amici e ritrovare un po’ il mondo che ormai si sono lasciati alle spalle.

Parlo di Milano perché è la città dove io vivo ma immagino che tutte le stazioni delle grandi città possano avere più o meno i problemi che abbiamo noi.

Questa è la visione positiva. Ma c'è anche il lato buio da considerare, quello della delinquenza, dello spaccio di droghe di tutti i tipi, dell'alcool scolato a fiumi, delle liti quotidiane che insorgono all'improvviso fra i ragazzi per motivi assolutamente futili. Quindi la stazione di Milano e il suo piazzale antistante sembrano non appartenere più alla città , ma non si sa a chi.

La gente ha paura nel passare in mezzo alle centinaia di persone che occupano la piazza.

Essi stanno seduti sui bordi delle aiuole, oppure sono piccoli e grandi gruppi, in piedi, spesso con delle bottiglie di birra in mano.

Molti sono italiani senza fissa dimora o stranieri che sono in Italia da tanti anni ma sono sempre stati al margine.

La maggior parte però sono giovani arrivati in Italia negli ultimi due anni che hanno percorso una strada sbagliata, non necessariamente legata alla delinquenza, oppure persone arrivate dal Sud Italia da poche ore o pochi giorni, che non hanno la minima idea di cosa fare.

Magari devono ancora decidere se andare in un altro paese, e per questo devono avere il tempo di organizzarsi per conoscere bene la situazione dei viaggi più o meno organizzati verso Germania, Austria, Norvegia….

A volte ci sono anche famiglie con bambini, ma restano solo per poche ore o al massimo una notte.

All’inizio ho cominciato a conoscerli e a farmi conoscere lavorando sul Camper di Medici Volontari Italiani, un ambulatorio mobile che per quattro sere alla settimane sosta anch’esso nel piazzale della stazione.

Poi per motivi vari e visto che molti di loro li conoscevo già, sono scesa dal Camper e ho cominciato a sedermi vicino a loro. Non in mezzo a loro, ma vicina abbastanza perché potessimo scambiare qualche parola.

Pubblicità

Bene, è stata per me una grande scoperta perché con chiunque parlassi avevo la possibilità di essere di aiuto. Per la parte medica, ovviamente, ma molto più spesso per quella psicologica.

Molti di loro vivono nella confusione più totale. Magari sono stati mandati indietro da altri Stati, ma invece di andare in Questura a Milano si sono bloccati lì.

Oppure sono “scappati” dai centri di accoglienza del Sud Italia perché non si trovavano bene e in questo caso la Questura di Milano li rimanda da dove sono venuti, ma loro non ci tornano e sperano sempre che qualcuno li aiuti a capirci qualcosa.

Infatti è quello che può succedere, se trovano dei bravi avvocati ed hanno delle buone ragioni per aver abbandonato il centro. Ci sono molti avvocati, nel nostro Club di aiuto, che li supportano con il “gratuito patrocinio” e in qualche modo riescono a mettere al loro posto le cose giuste e a correggere quelle sbagliate.

Ci sono anche persone che non possono neanche chiederlo il diritto di asilo, per esempio provenienti da Marocco e Tunisia, ma anche per loro ci possono essere altre strade, regolari.

La scelta più bella alla quale alcuni di loro hanno aderito con slancio, a volte piangendo di gioia, è quella del Rimpatrio Assistito messo in atto dall’OIM ( Organizzazione Internazionale per le Migrazioni).

E’ a tutti gli effetti la miglior Organizzazione che io abbia conosciuto, che riesce a prendersi in carico il problema dall’inizio alla fine, nonostante tutte le difficolta che hanno queste persone , senza documenti, senza soldi, senza speranza .

Ma poi ci sono tante altre cose che il Club si impegna a fare. E ci sono anche tanti problemi con le retate che la polizia fa quotidianamente.

 


Pubblicità

 

 

Vota:
Aggressività Adattiva e Possessiva
Conflitto e narrazione: conversazione con Francesc...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un d...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

News Letters