Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Il modello dell’intesoggettivismo relazionale e educazione emozionale

Il modello dell'intesoggettivismo relazionale e educazione emozionaleLa peripecia de la propia emigración, puede haber modificado las condiciones de vida
de las mujeres proponiendo nuevos desafíos y variadas respuestas.
Algunas cambiaron profundamente, otras incorporaron las nuevas costumbres de mayor autonomía
sin perder las que traían.  Y también hubo quienes sólo se mudaron, reproduciendo el mundo dejado.
(Isabel Manzione & Liliana Zuntini)

La collaborazione tra Argentina e Italia: cosa facciamo insieme?[i]

Ci occupiamo di educazione e ci confrontiamo per ampliare le nostre competenze e metterle al servizio dell’utenza.

Dal nostro lavoro è nato approccio metodologico innovativo volto allo sviluppo di competenze psico-sociali e del benessere psico-affettivo e relazionale per una cultura di pace e per la presenza attiva e ricettiva di caregivers adulti attenti alla soggettività e ai bisogni emotivi di bambini e adolescenti.

La nostra speculazione nasce da ventennali ricerche nel campo dell’inclusione che si sono concretizzate in una collaborazione scientifica tra professionisti di due paesi: Argentina e Italia. Nel corso degli ultimi tre anni abbiamo costituito una rete, basata sul confronto e sulla condivisione, che si è consolidata nel tempo. In questa prospettiva abbiamo realizzato progetti programmati congiuntamente da gruppi di docenti appartenenti alle istituzioni formative gemellate tra Argentina e Italia. Questi progetti, nati come progetti di estensione[1] e ricerca-azione, ci hanno permesso di individuare circoli educativi virtuosi e buone pratiche di apprendimento condivise e replicabili. Alla luce delle esperienze è stato possibile sistematizzare i risultati raggiunti introducendo una modellizzazione del processo implementato, finalizzato alla prevenzione primaria e secondaria in contesti educativi differenti. 

Pubblicità

Proponiamo interventi metodologicamente fondati sul rispetto e la motivazione dello studente, favorendo l’acquisizione di quelle competenze chiave che gli permettano una spendibilità del suo sapere lungo tutto l’arco della vita. In questa prospettiva cade il rischio che lo studente sia trascinato in apatia e noia giacché è egli stesso al centro del proprio processo di apprendimento.

La riflessione continua nel prossimo post…

Bibliografia sul modello:

Investigaciones realizadas por el equipo de investigación e intervención en escuelas, IUSAM y APDEBA.

Equipo científico: Isabel Mansione, Diana Zac, Marta Viola, Juan Pablo Temelini, Santiago Carballo, Daniel Bentaberry, Liliana Zuntini, Alejandro de Leon:

  • Inclusión y escuela: los niños y jóvenes con dificultades especiales. Estudio de casos y seguimiento escolar. Financiado por el equipo, 2015
  • Las representaciones acerca de la escuela en los adolescentes migrantes escolarizados de ayer y de hoy. Financiamiento Infod, proyecto 1876, 2013
  • Estilos de interacción entre adolescentes y entre adolescentes y adultos en los que estallan incidentes críticos Financiamiento INFD 2011, proyecto 1271       
  • Representaciones acerca de laviolencia y su prevención Financiamiento IPA-DES, 2007-2010, Resolución 39/07
  • Participación socio-comunitaria y proyecto de vida en adolescentes Financiamiento INFD, 2009, Proyecto 676
  • Embarazo adolescente (maternidad y paternidad)Financiamiento DES, 2005-2007, Resolución 47/05

Improta,  A., Mansione,  I. Carballo,  S., Raschia,   C., Salzano,  A. M. & coll. “Educreando”. Proyecto de extensión:  un’esperienza di gemellaggio metodologico per favorire un apprendimento stimolante e significativo tra le scuole della provincia di Buenos Aires in Argentina, e le scuole della provincia di Napoli e Milano. Relazione programmata nella sezione “Buone Prassi” al 11° Convegno Internazionale  “La Qualità dell'integrazione scolastica e sociale”, Rimini, 3-5 novembre 2017.

Mansione,  I., Improta,  A., Carballo,  S., Raschia,   C., Salzano,  A. M. & coll. Educreando: intersoggettivismo relazionale, ovvero, si vive nei rapporti e si cresce nelle interazioni: una ricerca metodologica tra le scuole della provincia di Buenos Aires in Argentina, e le scuole della provincia di Napoli e Milano. Relazione programmata nella sezione “Contributi scientifici” al 11° Convegno Internazionale  “La Qualità dell'integrazione scolastica e sociale”, Rimini, 3-5 novembre 2017.

Improta, A., Mansione, I., Zuntini, L., Cardoso, H., Rasullo Gianelli, C. Colonna, I. e Raiola, M.C. (2015). Si vive di rapporti, si cresce con le interazioni. La gestione di un modello educativo inclusivo fra le nazioni – Report di un’esperienza di collaborazione e ipotesi progettuali. Convegno per la VI edizione della Settimana del benessere psicologico in Campania. Portici, 11/11/2015. (password per la visione del video: Argentina_Italia).

Improta, A, Mansione, I. I., Zuntini, L., Cardoso, H., Rasullo Gianelli, C. Colonna, I. & Raiola, M.C. (2015). Si vive di rapporti, si cresce con le interazioni. La cultura e il mito come elementi di inclusione e convivenza civile. Relazione presentata nella sezione “Buone Prassi” al 10° Convegno Internazionale La Qualità dell'integrazione scolastica e sociale, Rimini, 13-15 novembre 2015.

Improta, A. (2015). La gestione di un modello educativo inclusivo fra le nazioni: si vive di rapporti, si cresce con le interazioni. Blog Psicologi a scuola presso il sito www.psiconline.it.

Improta, A. (2015). Si vive di rapporti, si cresce con le interazioni: la cultura e il mito come elementi di inclusione e convivenza civile. Blog Psicologi a scuola presso il sito www.psiconline.it

Improta, A. (2015). Intervento psicologico per la scuola e metodi narrativi Strategie per la costruzione dell’intervento. Francavilla al Mare: Psiconline.

Improta, A. & Fiumani, P.M. (2008). Laboratorio dell’autobiografia: Il mio Io in un’immagine – Percorso psicologico – narrativo volto alla conoscenza di sé. In Atti del Convegno Internazionale Nuove Frontiere della Ricerca Clinica in Adolescenza Roma, 26 gennaio 2008.

Improta, A., Di Palma, E. & Rocca, G. (2011). Il Corpo la Mente e… Il Cuore – Espressione di Sé e affettività nella prospettiva dell’integrazione. In Psicologia dell’educazione. Vol.5 n°2. Trento: Erickson.

Improta, A., Di Palma, E., Rocca, G., Pezzella, A. M., Colonna, I., Raiola, M. C. & di Gennaro, F. (2009). Il Corpo la Mente e… Il Cuore – Espressione di Sé e affettività nella prospettiva dell’integrazione. In Atti del 7° Convegno Internazionale La qualità dell’integrazione scolasticaSezione Buone Prassi.  Rimini, 13/15 novembre 2009.

 

 

 Note:

[1] Il “proyecto de extensión” nell’università argentina prevede un’apertura istituzionale, un’estensione appunto, nella società.  In tali progetti l’università si apre al confronto con altre agenzie della società in senso più ampio, “per sviluppare una risposta utile e impegnarsi per il futuro ascoltando le esigenze del presente” (https://www.unlp.edu.ar/articulo/2008/4/10/extension_apertura_institucional ).

 

[i] IL GRUPPO DI LAVORO:

ARGENTINA

Coordinatrice per l’Argentina  e ideatrice del progetto:

 

Isabel Mansione Phd.: Psicoanalista e Ricercatrice e Docente presso Istituto Universitario di Salute Mentale - Istituto di Formazione Docente n° 1 di Avellaneda - Istituto di Formazione Docente e Tecnica n° 43 di Lobos – Membro dell’Associazione Psicoanalitica di Buenos Aires. Ideatrice e Coordinatrice del progetto “Gemellaggio Teggiano Lobos”, che ha dato il via al percorso di collaborazione.

Coordinatori scientifici

Liliana Zuntini: Ricercatrice presso l’Istituto di Ricerche storiche del Museo Roca di Buenos Aires. Educatrice
Carla Raschia: Docente di italiano LS. Direttrice della scuola d’italiano “Leonardo Da Vinci” di Lobos. Insegnante d'italiano seconda lingua straniera nel quarto anno del profesorado[i] d'inglese Istituto di Formazione Docente e Tecnica n° 43 di Lobos.
Gladys Gloria: Docente di Educazione Fisica. Ex direttrice dell’Istituto di Formazione Docente e Tecnica n° 43 di Lobos.

Professionisti IUSAM

Marta Viola: Psicoanalista specializzata in disabilità.
Diana Zac: Psicoanalista specializzata in infanzia e adolescenza.
Juan Pablo Temelini: Sociologo. Direttore di educazione secondaria.
Santiago Carballo: Psicologo e educatore.

Collaboratori:

 

Fabio Ragone: Docente di arte. Fotografo. Dottorando di ricerca presso l’Università di Barcellona. Presidente Associazione culturale Tanos.
Alejandra Antonino: Psicologa ed educatrice.

Lavoro sul campo: Dipartimento di ricerca IUSAM con le scuole “FASTA” e “Leonardo Da Vinci” di Lobos e di alcune scuole secondarie nella città di Avellaneda

ITALIA

Coordinatrice per l’Italia

Annamaria Improta: Docente di sostegno (disciplina di base: Lettere). Funzione Strumentale e coordinatrice delle attività per l’Inclusione presso I.C. 1° “Don Bosco – Melloni” di Portici (NA). -  Psicologa Clinica di Comunità e Psicoterapeuta presso il Centro di Psicologia Clinica Territoriale essebi di San Giorgio a Cremano -  Pedagogista - Docente a contratto presso l'Università degli Studi di Salerno. Vicepresidente Associazione culturale Tanos.

Coordinatrici scientifiche

Anna Maria Salzano: Insegnante di scuola primaria Funzione Strumentale Area Intercultura I.C. “Mattei-Di Vittorio” di Pioltello. (Milano - Italia). Membro della consulta interculturale del comune di Pioltello (MI).

Collaboratori:
Ida Colonna: Docente di Musica presso I.C. 1° “Don Bosco - Melloni” di Portici (NA).
Maria Carmela Raiola: Docente di Lettere. Collaboratrice del Dirigente scolastico presso I.C. 1° “Don Bosco – Melloni” di Portici (NA).

Collaboratori e lavoro sul campo

 

Annamaria Improta, Ida Colonna,  Maria Carmela Raiola, Camilla Vitale, Vincenza Pinzarrone, Anna Sica, Angela Pignalosa, Colomba Pauciullo, Roberta Elefante: I.C. 1° “Don Bosco – Melloni” di Portici (NA). In adesione al Progetto del MIUR Generazioni connesse.
Roberta Ferrari (Docente di sostegno e Funzione Strumentale per l’Inclusione) & Anna Maria Salzano: I.C.  “Mattei-Di Vittorio” di Pioltello (MI).             

 


Pubblicità

 

Innamorati con la demenza
Conversazioni sulla Psicosociologia della Genitori...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni