Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

Il primo passo per capire qual è il nostro ideale di vita è definirlo

primo passo per capireTi criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei.
Quindi…. che fare?
Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore… ciò che vuoi… una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali.

Canta, ridi, balla, ama… e vivi intensamente ogni momento della tua vita… prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi.”
(Charlie Chaplin)

Pensa a chi vorresti avere come vicini…
Dedica subito qualche minuto per annotare i nomi di qualcuno che vorresti vivesse nel tuo quartiere.
Poi pensa a quali sono le qualità che ammiri in quegli uomini e in quelle donne e a come potresti fare ad acquisirle.

Il primo passo per capire qual è il nostro ideale di vita è definirlo.

E il primo passo per diventare la persona che vogliamo diventare è identificarne i contorni.
Almeno l’85 per cento della felicità nella vita è determinato dai rapporti con le altre persone, quindi la misura in cui riusciamo ad andare reciprocamente d’accordo è largamente responsabile della qualità di tutto quello che ci succede.

Se ci pensiamo bene, nella vita incontriamo persone positive che ci sollevano il morale: sono quelle persone credono in noi, ci incoraggiano e applaudono le nostre vittorie.

Paragoniamole alle persone “tossiche”, i “ladri di sogni”, i tipi negativi, le persone che portano tensione e stress nella nostra giornata e traiamo le nostre conclusioni:
In primis, smettiamo di trascorrere il tempo con le persone negative!

Piuttosto, meglio lavorare duramente per portare più individui positivi e di successo nella nostra vita.

C’è un valido esercizio suggerito da W. Clement Stone:

“Fai una lista di tutti coloro con i quali passi del tempo e metti un segno + affianco alle persone positive e un segno – affianco ai nomi dei tipi negativi: in questo modo capirai meglio a chi ti devi avvicinare e da chi ti devi allontanare”.

C’è un bel detto che recita: se passi più di due minuti con un cretino, allora sei cretino anche tu!

Credo che la stessa cosa si possa adattare alle persone negative.
Se trascorriamo del tempo con persone negative,alla fine, in qualche modo, ci influenzeranno.

Forse anche alcuni dei tuoi amici (e parenti) sono dei continui denigratori che ti sminuiscono e minano la tua autostima.

fai subito i passi giusti per diminuire la quantità di tempo che trascorri con queste persone “tossiche” e/o per stabilire appropriati limiti a queste relazioni.

Stai lontano dalle persone che cercano di sminuire le tue ambizioni.

Le persone piccole lo fanno spesso, ma quelle veramente grandi ti fanno sentire che anche tu puoi diventare grande…

Non separarti dalle illusioni. Quando se ne saranno andate, può darsi che tu ci sia ancora, ma avrai cessato di vivere.”
(Mark Twain)

 

 

Pubblicità



 

Vita, Morte, Albero: quel che resterà di noi
Neuropsicologia del voto
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters

0
condivisioni