Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

Il silenzio della paura

silenzio della pauraLa paura è l’espressione di uno stato comportamentale primario evoluzionistico che si sviluppa con l’origine della specie animale e umana.

La paura è una struttura di base psicogenetica arcaica, paleoncefalica, coinvolge il meccanismo della sopravvivenza dell’individuo come lotta, fuga, soddisfazione dei bisogni biologici di base (attività riproduttiva, cure materne, relazioni gruppo), causa comportamenti sociali e individuali reattivi o attivi e di allarme di fronte ad un pericolo imminente reale.

Il meccanismo complesso della paura o ‘percuotere’ si mette in atto quando le strutture sottocorticali dell’encefalo sono sollecitate. La presenza di un cadavere ucciso da un’arma fa scattare la reazione di pericolo, allarme, difesa, attacco, fuga.

La presenza di una città distrutta da un bombardamento mostra lo stato materiale del pericolo e del rischio di sopravvivenza.

Lo stato di allarme e pericolo della propria sopravvivenza scatta quando l’oggetto distruttivo è fuori dalla porta di casa, quando è tangibile.

Se il pericolo di una catastrofe è solo annunciato ed è solo la percezione del singolo, del gruppo o riguarda località lontane, la struttura palencefalica non è attivata, al contrario è coinvolto il neoencefalo che coinvolge ragionamento, conoscenza, giudizio e pregiudizio.

La reazione neocorticale non tocca il viscere della sopravvivenza ma quello del possibile, prevedibile, fattibile, oppure dell’impossibile, improbabile.

Sul piatto della bilancia del ragionamento cognitivo - emotivo prevale tendenzialmente sempre una risposta di tipo positivo. E’ quello che sta accadendo per quanto riguarda il rischio di un conflitto nucleare nella zona asiatica.

I contendenti stanno giocando una partita virtuale, si comportano come se fossero davanti ad una simulazione, a una ‘war at the table’, per vedere chi è più potente, più distruttivo e perdono di vista la dimensione della realtà, del reale.

Pubblicità

Negli anni sessanta in Europa, dopo la seconda guerra mondiale, con la divisione dell’Est dall’Ovest, per anni si sono incrementate le testate nucleari da una parte e dall’altra per dissuadere un attacco.

Nagasaki e Hiroshima sono state le sentinelle, le fotografie reali di cosa fosse un attacco nucleare. Nagasaki e Hiroshima sono la dimostrazione reale della potenza distruttiva di una bomba H.

La popolazione dopo Nagasaki e Hiroshima si è resa consapevole del rischio reale; prese posizione, affermando di essere contro l’uso della H sia a Est sia a Ovest.

Intellettuali provenienti da discipline diverse si misero contro la H.

Oggi Nagasaki e Hiroshima non svolgono più questa funzione di dissuasione di fronte a cosa è la H. Questa consapevolezza è rimossa, tutto si sgretola di fronte alla dimensione virtuale, prevale la dimensione magico-virtuale.

Pur essendo alto il rischio di una catastrofe, che riguarda tutti gli abitanti del pianeta terra, gli stessi apparati sovranazionali e nazionali sottacciono. Piuttosto di schierarsi per un no all’uso di testate nucleari si patteggia per l’uno o per l’altro. L’H semina soltanto distruzione in egual misura.

La gente, gli intellettuali, gli uomini di scienza tacciono e questo non è un bel segno.

 

Pubblicità

 

 

 

Distopie possibili (ma la speranza è donna)
L’abisso che ci separa dall’Africa
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni