Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Invidia Sociale

L'invidia fa parte dei sette vizi capitali, è un oggetto primario, arcaico che prende origine con l'inizio delle cose.

invidia sociale oggetto mancantePsiche, che è respiro,’anima', è oggetto dell'invidia di Afrodite, perché giovane e bella, forse più bella di lei, allora cerca di distruggerla inviando il figlio Eros, lui s'innamora ma evita di farsi riconoscere. Psiche, sollecitata dalle sorelle maligne, scopre la bellezza di Eros, ne resta abbagliata. Eros scappa.

Il mito dice che il respiro, l'anima, che è l'oggetto primario della vita, sollecita nella Bellezza, nell'Amore e nel Desiderio un sentimento (sentimentum, percepire con i sensi) di mancanza che si trasforma in invidia (in videre, guardare male) che consiste nel guardare male ciò che l'Altro possiede.

L'Amore, il Desiderio, la Bellezza si sentono soggetti mancanti di qualcosa che Psiche possiede che è il respiro della vita. Senza il respiro della vita l'amore, il desiderio, la bellezza sono soltanto degli oggetti vuoti di significato; l'invidia quindi prende origine come oggetto mancante di qualcosa, questo sentito sprigiona delle pulsioni emozionali primarie distruttive.

L'invidia è un oggetto mancante. Il desiderio cerca la sua mancanza che è quella di non avere la vita. Il desiderio, come l’amore e la bellezza combattono per appropriarsi di qualcosa che non avranno mai, perché mai sarà dato a loro il “respiro” della vita.

Con la nascita il Soggetto inizia a lottare con questa mancanza cercando nel seno l'alimento della vita (latte), è invidioso di quest’oggetto per due condizioni; la prima è quella della dipendenza, la seconda è quella di non possederlo, ciò sprigiona un sentimento ambivalente: acquisire o distruggere.

Quest’arcaico meccanismo primario è presente e vivificato in questa società competitiva in modo ossessivo e maniacale. Più la società è competitiva più l'invidia costruisce i suoi oggetti persecutori da conquistare o da distruggere con l'inganno.

La dinamica dell'oggetto invidia prevede sempre due soggetti: l'invidiato – soggetto passivo – e l'invidioso – soggetto attivo-.

Antonio Salieri invidia Mozart perché coglie in Mozart una qualità nel comporre la musica che lui non possiede, questo riconoscimento si scontra e si scaglia contro il suo ideale dell'Io. Salieri pensava di essere il maggior compositore della sua epoca, questo conflitto interno lo porta a promuovere delle azioni contro il suo rivale per distruggerlo e a vivere un sentimento d’inferiorità che produce nel soggetto dolore e sofferenza: Salieri impazzirà.

Pubblicità

Attraverso la risonanza magnetica si è scoperto che l'invidia attiva la corteccia cingolata anteriore e dorsale (circuito del dolore), è un'area che si accentua quando si originano dei conflitti, è un colpo al proprio ego; l'invidia produce dolore, frustrazione.

In una società molto competitiva e poco calmierata da regole sociali distributive e appaganti, l'oggetto invidia gioca una parte forte. Tutti coloro (invidiati) che riescono a ottenere dei risultati sono considerati dei fortunati, dei raccomandati, figli di un dio maggiore, gli altri, gli invidiosi, si considerano degli sfortunati, questo sentimento d’ingiustizia sociale aumenta ulteriormente se gli Altri si assomigliano.

Paradossalmente il povero è più invidioso del povero che del ricco: il ricco è altro da sé. La conflittualità dell'invidia si muove prima sul piano orizzontale, tra pari, tra categorie sociali della stessa condizione economica, poi in verticale.

Il mantra della scalata sociale è il prodotto perverso da parte di chi è già oltre per favorire l'oggetto invidia tra le parti. L'immigrato è soggetto all'invidia predatoria del suo simile: “mi rubano il lavoro”, gli danno la casa”, “noi veniamo dopo di loro”.   

L'invidia sociale, come l'invidia intrapsichica, prende origine dalla mancanza di qualcosa che il soggetto sente, percepisce di non possedere; questo sentimento di mancanza induce reazioni aggressive e distruttive. Non esiste invidia benevola.

 

Pubblicità



 

Conversazioni sulla Psicosociologia della Genitori...
La coppia non è un obbligo ma una scelta creativa
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni