Pubblicità

Psicologia delle Migrazioni

0
condivisioni

Je suis mort

je suis mortOggi parliamo di Barry, uno dei tanti profughi che è riuscito a passare dall’idea di essere morto a quella che vale la pena di iniziare una nuova vita.

Barry non ha mai voluto parlare di quello che ha subito, ma i segni che portava sul corpo parlavano per lui: cicatrici, fratture, bruciature da corrente elettrica….

Quando è arrivato faceva molta fatica a camminare, leggere, parlare, dormire.
Non si collocava in nessun tempo perché la sua mente preferiva non ricordare.

La sua memoria arrivava solo al giorno dell’arresto, al suo paese, e finiva lì.

Je suis mort.

Dopo un po’ ha cominciato a chiedersi : “ Perché proprio a me?”

Ma non se lo chiedeva con rabbia, anzi, sembrava incapace di trovare un canale attraverso il quale far uscire la sua rabbia.

Usava un tono di voce assolutamente neutro, la voce bassa, senza emozione.

Però ha incominciato a modo suo a ripercorrere un filo interiore.

Quando ha iniziato a parlare, più che altro parlava della sua vita di prima, della sua famiglia, del suo lavoro, delle tradizioni del suo paese, della fatica che aveva fatto per avere una posizione, uno status sociale.

La sua vita in Italia nell’anno in cui è stato seguito è stata difficilissima e le sue relazioni con gli altri sempre problematiche. Essendo molto legato alle tradizioni, ha cercato di seguirle anche qui e, per esempio, quando ha iniziato a stare meglio ha preferito, possibilmente, mangiare solo cibi africani perché diceva che gli davano forza.

Ha continuato ad avere dei vuoti terribili di memoria, vuoti nel tempo e nello spazio.

Diceva che qualcuno aveva fatto qualcosa alla sua testa e probabilmente era vero.

Non credo di averlo mai visto sorridere.

Ma uno dei motivi per cui parlo di lui è quello che riguarda la sua integrazione, molto particolare.

Quando ha iniziato a stare meglio ha fatto molta fatica a trovare un lavoro anche in nero. Non aveva né forza fisica né risorse psicologiche. Ma alla fine lo ha trovato e proprio in quel periodo ha conosciuto una ragazza italiana e nel volgere di pochi mesi era in attesa di un figlio, con conseguente matrimonio.

Pubblicità

Un inserimento particolare dunque, difficilissimo nei primi mesi perché la sua sensazione di essere morto era costante, e in seguito rapidissimo: il lavoro, la ragazza, il figlio, il matrimonio.

Il Barry dei primi colloqui era stato davvero distrutto nella sua identità, era davvero morto, e non aveva la forza di lottare neanche per la sua sopravvivenza.

La sua relazione affettiva con la ragazza è stata un’ancora di salvezza e da allora Barry ha incominciato ad affrontare i suoi fantasmi interiori.

Ha trovato una donna, una famiglia, una casa.

Tutto quello che aveva avuto nella vita precedente e che aveva perduto.
Ha quindi sollevato il macigno che teneva nascosti i suoi mesi di tortura, è riuscito a parlarne e, con grande sofferenza, a riviverli simbolicamente.

Oggi i fantasmi non sono scomparsi, ma sono, giustamente, un ricordo del passato.

 

 


Pubblicità

 

Il divenire genitori oggi: un viaggio tra Psiche, ...
In viaggio … oltre le stelle! Riallacciare i nodi ...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

News Letters

0
condivisioni