Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

La Danza: metodologie espressive nell’ambito del progetto EDUCREANDO

La Danza metodologie espressive nellambito del progetto EDUCREANDOImparare a camminare ti rende libero.
Imparare a danzare ti dà la libertà più grande di tutte:
esprimere con tutto il tuo essere la persona che sei
”.
(Melissa Hayden)

La danza1 permette di accettare se stessi e gli altri, sviluppando un tipo di comunicazione che va al di là della parola, utilizzando il corpo e il movimento in un’attività coinvolgente e gratificante.  

Si è cominciato partendo da sé, dalle proprie esigenze, dalle proprie sensazioni, dalla semplicità di gesti quotidiani, per sviluppare una semplice coreografia coerente con i diversi momenti storici rappresentati, realizzando un prodotto finale che include tutti, basato sul dialogo motorio con l’altro, il gruppo, lo spazio, la musica...

L’esperienza utilizza la mediazione corporea per valorizzare la consapevolezza dello spazio, da quello prossimale a quello più ampio per giungere alla conoscenza dello spazio geografico come “luogo” per l’espressione della cultura in senso ampio.

La danza rappresenta quindi un modo per sviluppare il senso di appartenenza, attraverso la conoscenza della propria cultura  ma anche dell’affermazione dell’identità attraverso l’espressione del proprio corpo in movimento. Infatti, lavorando sul motorio, con l’attività di danza l’alunno recupera l’immagine di sé, e contemporaneamente si rispecchia nell’altro, attraverso il confronto promosso dall’attivazione dei neuroni a specchio fondamentali nella comunicazione non verbale e per entrare in empatia con gli altri e quindi si fa un lavoro neuropsicomotorio  per il soggetto disabile che migliora le funzioni dell’asse affettivo relazionale, motorio e cognitivo.

La danza permette favorisce lo sviluppo di capacità d’ascolto e di cooperazione, d’interpretazione motoria della musica e di coordinamento ritmico, di spazialità. Attraverso l’ascolto di suoni, ritmi, melodie animati da forme semplici di danza, si vuole valorizzare la consapevolezza e il contatto corporeo partendo da semplici gestualità (prendersi la mano, disporsi in cerchio...), per arrivare a forme più complesse di espressione.

Pubblicità

La danza permette ai partecipanti di imparare ad ascoltare: la musica e il suo ritmo, che invita a “seguire il passo”, perciò a lasciarsi guidare, ma rimanendo protagonisti e ascoltare il movimento dell’altro, di chi mi sta vicino o di fronte cercando di raggiungere quella omogeneità che rende il ballo bello da essere vissuto e visto.

La danza favorisce un apprendimento efficace e significativo perché attiva la persona in tutte le sue dimensioni  (corporea, cognitiva, affettivo-relazionale) sollecitando la mobilitazione di tutto il potenziale di apprendimento, fungendo da contenitore per l’espressione e l'integrazione dei diversi aspetti della personalità: il corpo, la mente e il cuore: danzando si entra nel respiro del mondo e si è partecipi di un progetto comune!

         Nel prossimo post parleremo di cooperative learning.

 

Bibliografia:

 

Note

1) La trattazione di ciascuna delle metodologie presentate, in questo e nei post successivi, lungi dall’essere esaustiva, rappresenta una riflessione che ha risvolti molto ampi. Rappresenta infatti un’opportunità di lavoro per gli psicologi che si occupano di ambienti educativi, ma anche una possibilità di riscatto e sviluppo per la scuola e (ambiziosamente) per la società. In questa prospettiva le riflessioni condivise si propongono come  l’apertura su una strumenti e possibilità di intervento da approfondire autonomamente.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Psicologi nella Società, prima che sia troppo tard...
Lo zingaro dei Media
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni